Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Evasione detenuto da Asti: si dimette il cappellano del carcere

Notizia del 11/11/2011 - ASTI

Evasione detenuto da Asti: si dimette il cappellano del carcere

letto 2242 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

 A seguito dell'evasione del rapinatore Max Leitner, il carcere di Asti ha «invitato» gentilmente don Giuseppe Bussolino a dimettersi da cappellano dell'istituto penitenziario. Il sacerdote, dunque, ha lasciato il suo posto. E' indagato per procurata evasione. «Il carcere si è messo in contatto con la Curia di Asti - spiega don Giuseppe Bussolino -. Hanno chiesto le mie dimissioni, che sono dunque arrivate. Ma non mi dispiace. Va bene così». 

Il sacerdote sembra essere tranquillo, pur rischiando dai sei mesi ai cinque anni di carcere per procurata evasione. Il noto rapinatore di Elvas, infatti, era stato affidato all'oramai ex cappellano del carcere piemontese. Gli inquirenti si chiedono ancora adesso, come mai il sacerdote non abbia dato l'allarme prima. Don Giuseppe Bussolino ha atteso due giorni prima di dire alla polizia penitenziaria di avere accompagnato Max Leitner a Naz Sciaves, pur sapendo che era vietato al detenuto lasciare Asti. 

Per questo motivo, alla fine, la direzione del carcere ha deciso di far intervenire la Curia, affinché il sacerdote si dimettesse: «E' un forte segnale quello che vogliono lanciare - prosegue don Giuseppe Bussolino -. Ma ho scritto una lettera che ora è in mano al mio avvocato. Decideremo se farla pubblicare o meno. Cosa contiene? La mia presa di posizione l'intera vicenda». L'ex cappellano del carcere di Asti ha deciso di passare all'attacco: «Parliamoci chiaro: non sono l'unico responsabile di tutta questa storia - sbotta don Giuseppe Bussolino - Non puoi reintegrare nella società un detenuto, che risulta essere pericoloso. E soprattutto: perché mi è stato affidato? 

Come facevo io a sapere che Leitner poteva fuggire da un momento all'altro? Per questo motivo ho deciso di scrivere una lettera che verrà inoltre consegnata alle forze dell'ordine. Sono stato già sentito diverse volte dalla polizia penitenziaria di Asti, dai carabinieri altoatesini. Ma nessuno sembra prendere in considerazione che non sono stato io a concedere così tanti permessi al rapinatore altoatesino». 

La posizione del sacerdote non è delle migliori: don Giuseppe Bussolino, infatti, è stato ripreso dalle telecamere di un istituto bancario mentre cambiava dei dollari in euro. Secondo gli inquirenti il denaro è stato poi consegnato a Max Leitner. Non solo: il giorno del rientro del rapinatore, il cappellano aveva solo detto di non averlo visto rientrare. Poi, dopo essere stato sottoposto ad un lungo interrogatorio, è crollato e ha dapprima ammesso di averlo portato in Trentino, poi in Alto Adige.

http://altoadige.gelocal.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

2 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria