Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Evasione ergastolano Perrone: trovate impronte biologiche per risalire ad eventuali complici

Polizia Penitenziaria - Evasione ergastolano Perrone: trovate impronte biologiche per risalire ad eventuali complici


Notizia del 18/11/2015 - LECCE
Letto (1729 volte)
 Stampa questo articolo


Impronte digitali e materiale biologico. E’ quanto hanno individuato i carabinieri del Nucleo di investigazioni scientifiche di Lecce nell’auto utilizzata dall’ergastolano Fabio Perrone, il 42enne di Trepuzzi evaso dall’ospedale “Vito Fazzi”, il 6 novembre scorso.

La Toyota Yaris, rapinata quella mattina a una donna ferma nel parcheggio, è stata ritrovata il 10 novembre nel paese d’origine dell’uomo, in via Campania. Con un carro attrezzi è stato trasportato al Comando provinciale dell’Arma e analizzato le ore successive dai militari, alla ricerca di sangue, liquidi biologici, peli e capelli.

Le tracce trovate saranno isolate e nei prossimi giorni inserite nella banca dati dell’Afis (Sistema automatizzato di identificazione delle impronte), che contiene le informazioni biometriche di tutti i soggetti che hanno avuto a che fare con le forze dell’ordine. Se i dati genetici risultassero già censiti, si potrebbe dunque risalire chi sia salito sulla Toyota, escludendo naturalmente la proprietaria del mezzo e i suoi familiari.

La convinzione degli investigatori è che la vettura sia stata utilizzata, oltre che da Perrone, dai complici ai quali ha chiesto aiuto per far perdere le proprie tracce.

Le ricerche dell’ergastolano proseguono, intanto, ininterrottamente. Al momento senza alcun esito positivo, come confermato dal procuratore della Repubblica Cataldo Motta, che coordina l’attività investigativa, insieme al sostituto Stefania Mininni. In campo carabinieri, polizia di Stato e agenti della penitenziaria.

ilpaesenuovo.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”