Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Evasione in un inferno di fuoco, Nino Cutrì ucciso per errore dai complici

Polizia Penitenziaria - Evasione in un inferno di fuoco, Nino Cutrì ucciso per errore dai complici


Notizia del 11/02/2014 - VARESE
Letto (2665 volte)
 Stampa questo articolo


Busto Arsizio, (Varese), Antonino Cutrì ucciso dal fuoco amico. È l’ipotesi sulla quale lavora la Procura di Busto Arsizio che ha indagato per concorso in omicidio volontario cinque componenti del commando che lunedì 3 febbraio ha assaltato un furgone della Polizia Penitenziaria: Daniele, il minore dei fratelli Cutrì, Aristotele Buhne, Davide Cortesi, Danilo Grasso, Christian Lianza. L’assalto aveva ridato la libertà a Domenico Cutrì, mentre il fratello Antonino era stato ferito a morte. L’autopsia verrà eseguita oggi dal medico legale Luisa Andrello. Il pm Patrizia Zappatini ha disposto una consulenza balistica. Davanti al tribunale di Gallarate erano stati ritrovati 32 bossoli: 28 calibro 9 e 4 di 7.65. E intanto al tribunale di Busto Arsizio si è vista la mamma Maria Antonietta Lantone, dove il figlio Daniele affronta l’udienza di convalida del fermo. «Mimmo era tornato a Inveruno perché voleva vedere me — spiega la donna, accompagnata e tenuta per mano da un’amica —, suo padre e il fratello morto. Poi si sarebbe costituito».

«Lo ripeto — dice —: i miei figli non sono mafiosi, non hanno ucciso. Mimmo voleva rivedere noi e Nino. Non gli è stato possibile. Ma sono sicura che la sua idea era quella di andare all’obitorio da Nino, avrebbe trovato i carabinieri e sarebbe finita. Mimmo è morto dentro, come me. Però non è un criminale. È stato condannato ingiustamente all’ergastolo, sono pronta a portare le carte. Nino era convinto dell’innocenza del fratello e voleva fare un’azione clamorosa perché si parlasse del caso». Davanti al gip Luca Labianca, Daniele Cutrì sceglie il silezio. Dopo l’udienza di convalida, Carlotta Di Lauro, madre di un bambino di cinque anni e fidanzata del defunto Antonino Cutrì, va agli arresti domiciliari in casa dei genitori a Cuggiono. Il professor Carlo Taormina, suo difensore, attacca: «Ci sarebbe un’intercettazione da cui si deduce che si era a conoscenza che il giorno 3, a Gallarate, sarebbe sarebbe potuto succedere qualcosa».

Carlotta Di Lauro risponde, si difende. Sapeva da tre anni dell’ossessione di Nino di liberare il fratello, lo aveva dissuaso, soprattutto dal proposito di iscriversi a un corso per elicotteristi, ma la famiglia lo sosteneva. Aveva percepito qualcosa di un progetto durante il processo a Torino, mentre era all’oscuro dell’azione a Gallarate. Il villino-baita di Cellio, nel Vercellese, non era un covo, ma la casa scelta per abitarci con Nino e il figlio. Si erano trasferiti da una decina di giorni, dopo avere pagato due mensilità. «Va’ su, io ti raggiungo», le aveva detto Nino nel primo pomeriggio di lunedì 3 febbraio. Invece si erano presentati Domenico e quelli del gruppo di fuoco. «Nino è stato ucciso e io sono braccato», le aveva detto Domenico, imponendole la sua presenza e quella degli altri. La ragazza e Luca Greco, bloccato con Domenico Cutrì a Inveruno, avevano noleggiato a Inveruno un furgone che aveva percorso 440 chilometri e non era stato restituito. «L’ho usato per il trasloco — si è difesa la Di Lauro —. Ho percorso 200 chilometri, degli altri 240 non so niente».
di Gabriele Moroni

Il Giorno 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

4 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

5 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

6 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

7 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

8 Arrestato di nuovo boss Concetto Bonaccorsi: era evaso da permesso premio dal carcere di Secondigliano

9 Palermo, i familiari di Francesca Morvillo lasciano la fondazione Giovanni Falcone

10 Lanciano, poliziotti penitenziari costretti a saltare i pasti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

8 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

9 Riordino: perché negare l’evidenza dei benefici?

10 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946