Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Evasione in un inferno di fuoco, Nino Cutrì ucciso per errore dai complici

Polizia Penitenziaria - Evasione in un inferno di fuoco, Nino Cutrì ucciso per errore dai complici


Notizia del 11/02/2014 - VARESE
Letto (2815 volte)
 Stampa questo articolo


Busto Arsizio, (Varese), Antonino Cutrì ucciso dal fuoco amico. È l’ipotesi sulla quale lavora la Procura di Busto Arsizio che ha indagato per concorso in omicidio volontario cinque componenti del commando che lunedì 3 febbraio ha assaltato un furgone della Polizia Penitenziaria: Daniele, il minore dei fratelli Cutrì, Aristotele Buhne, Davide Cortesi, Danilo Grasso, Christian Lianza. L’assalto aveva ridato la libertà a Domenico Cutrì, mentre il fratello Antonino era stato ferito a morte. L’autopsia verrà eseguita oggi dal medico legale Luisa Andrello. Il pm Patrizia Zappatini ha disposto una consulenza balistica. Davanti al tribunale di Gallarate erano stati ritrovati 32 bossoli: 28 calibro 9 e 4 di 7.65. E intanto al tribunale di Busto Arsizio si è vista la mamma Maria Antonietta Lantone, dove il figlio Daniele affronta l’udienza di convalida del fermo. «Mimmo era tornato a Inveruno perché voleva vedere me — spiega la donna, accompagnata e tenuta per mano da un’amica —, suo padre e il fratello morto. Poi si sarebbe costituito».

«Lo ripeto — dice —: i miei figli non sono mafiosi, non hanno ucciso. Mimmo voleva rivedere noi e Nino. Non gli è stato possibile. Ma sono sicura che la sua idea era quella di andare all’obitorio da Nino, avrebbe trovato i carabinieri e sarebbe finita. Mimmo è morto dentro, come me. Però non è un criminale. È stato condannato ingiustamente all’ergastolo, sono pronta a portare le carte. Nino era convinto dell’innocenza del fratello e voleva fare un’azione clamorosa perché si parlasse del caso». Davanti al gip Luca Labianca, Daniele Cutrì sceglie il silezio. Dopo l’udienza di convalida, Carlotta Di Lauro, madre di un bambino di cinque anni e fidanzata del defunto Antonino Cutrì, va agli arresti domiciliari in casa dei genitori a Cuggiono. Il professor Carlo Taormina, suo difensore, attacca: «Ci sarebbe un’intercettazione da cui si deduce che si era a conoscenza che il giorno 3, a Gallarate, sarebbe sarebbe potuto succedere qualcosa».

Carlotta Di Lauro risponde, si difende. Sapeva da tre anni dell’ossessione di Nino di liberare il fratello, lo aveva dissuaso, soprattutto dal proposito di iscriversi a un corso per elicotteristi, ma la famiglia lo sosteneva. Aveva percepito qualcosa di un progetto durante il processo a Torino, mentre era all’oscuro dell’azione a Gallarate. Il villino-baita di Cellio, nel Vercellese, non era un covo, ma la casa scelta per abitarci con Nino e il figlio. Si erano trasferiti da una decina di giorni, dopo avere pagato due mensilità. «Va’ su, io ti raggiungo», le aveva detto Nino nel primo pomeriggio di lunedì 3 febbraio. Invece si erano presentati Domenico e quelli del gruppo di fuoco. «Nino è stato ucciso e io sono braccato», le aveva detto Domenico, imponendole la sua presenza e quella degli altri. La ragazza e Luca Greco, bloccato con Domenico Cutrì a Inveruno, avevano noleggiato a Inveruno un furgone che aveva percorso 440 chilometri e non era stato restituito. «L’ho usato per il trasloco — si è difesa la Di Lauro —. Ho percorso 200 chilometri, degli altri 240 non so niente».
di Gabriele Moroni

Il Giorno 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

8 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

9 Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

3 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto