Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Evasione Pisa: Provveditore Giuffrida "mancano i soldi per la manutenzione dell'allarme"

Notizia del 09/01/2012 - PISA

Evasione Pisa: Provveditore Giuffrida "mancano i soldi per la manutenzione dell'allarme"

letto 1791 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi
Mancano i soldi per la manutenzione del sistema d'allarme anti scavacalmento del carcere di Pisa che non ha funzionato in occasione dell'evasione dei due detenuti. A rivelarlo, gettando così ulteriore benzina sul fuoco nel panorama delle carceri italiane, è il provveditore regionale dell'amministrazione penitenziaria, Maria Pia Giuffrida, dopo un sopralluogo dentro il Don Bosco in seguito all'evasione di due detenuti dal centro clinico, uno dei quali è caduto durante la fuga ed è stato subito bloccato.

"La condizione di Pisa - ha sottolineato - non è molto diversa da altri istituti toscani, così come sono note le difficoltà finanziarie in cui versa l'amministrazione penitenziaria che andrà peggiorando anche nei prossimi anni visto che le risorse a nostra disposizione saranno sempre meno". Infine, Giuffrida ha confermato che i due detenuti hanno tentato la fuga "praticando un buco nel muro della cella, attraverso il quale sono usciti all'esterno e da qui hanno scavalcato il muro di recinzione: uno di loro è caduto ed è rimasto a terra con le gambe fratturate, mentre l'altro è riuscito a fuggire".

"L'evasione dei due detenuti dal carcere di Pisa dimostra che nulla è cambiato dall'ultima clamorosa evasione del luglio 2010". Lo afferma in una nota la consigliera regionale e comunale, a Pisa, dell'Idv, Maria Luisa Chincarini, commentando l'evasione avvenuta nella casa circondariale pisana. "In quell'occasione - aggiunge - presentai un'interrogazione urgente in Consiglio regionale per far luce sulla vicenda e per chiedere alla giunta di attivarsi presso il Governo per rimediare alla situazione di collasso della struttura pisana. Venne fuori che i monitor per la sicurezza non funzionavano. Se neanche oggi i monitor e i sistemi antiscavalcamento erano funzionanti, c'é da chiedersi veramente a cosa serva una struttura penitenziaria in cui non si hanno i soldi neanche per attivare i principali sistemi di sicurezza".

Infine, Chincarini sottolinea che "le condizioni in cui versa il Don Bosco sono fatiscenti: si tratta di una struttura sull'orlo del collasso, che ospita tre volte il numero di reclusi per cui era stato concepito". "Il numero degli agenti di polizia penitenziaria - conclude la consigliera regionale dipietrista - a fronte della triplicazione dei detenuti, si è dimezzato diversi anni fa, tanto che si trovano in una situazione di perenne emergenza. I turni spesso prevedono che un agente debba controllare, da solo, contemporaneamente tre piani diversi della struttura, con tutto ciò che questo comporta in termini di stress lavorativo e di garanzie per la sicurezza del penitenziario. Chiediamo che venga fatta luce al più presto su questa vicenda e si individuino le responsabilità ad ogni livello, senza puntare il dito contro l'agente che era in servizio, che, da solo non poteva far fronte a un'emergenza che è diventata la normalità".
 
Ansa
STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

4 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

5 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

6 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

7 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

8 Arrestato di nuovo boss Concetto Bonaccorsi: era evaso da permesso premio dal carcere di Secondigliano

9 Palermo, i familiari di Francesca Morvillo lasciano la fondazione Giovanni Falcone

10 Lanciano, poliziotti penitenziari costretti a saltare i pasti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

8 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

9 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

10 Riordino: perché negare l’evidenza dei benefici?