Aprile 2020
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2020  
  Archivio riviste    
Evasione Pisa: Provveditore Giuffrida "mancano i soldi per la manutenzione dell'allarme"

Notizia del 09/01/2012 - PISA

Evasione Pisa: Provveditore Giuffrida "mancano i soldi per la manutenzione dell'allarme"

letto 2050 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi
Mancano i soldi per la manutenzione del sistema d'allarme anti scavacalmento del carcere di Pisa che non ha funzionato in occasione dell'evasione dei due detenuti. A rivelarlo, gettando così ulteriore benzina sul fuoco nel panorama delle carceri italiane, è il provveditore regionale dell'amministrazione penitenziaria, Maria Pia Giuffrida, dopo un sopralluogo dentro il Don Bosco in seguito all'evasione di due detenuti dal centro clinico, uno dei quali è caduto durante la fuga ed è stato subito bloccato.

"La condizione di Pisa - ha sottolineato - non è molto diversa da altri istituti toscani, così come sono note le difficoltà finanziarie in cui versa l'amministrazione penitenziaria che andrà peggiorando anche nei prossimi anni visto che le risorse a nostra disposizione saranno sempre meno". Infine, Giuffrida ha confermato che i due detenuti hanno tentato la fuga "praticando un buco nel muro della cella, attraverso il quale sono usciti all'esterno e da qui hanno scavalcato il muro di recinzione: uno di loro è caduto ed è rimasto a terra con le gambe fratturate, mentre l'altro è riuscito a fuggire".

"L'evasione dei due detenuti dal carcere di Pisa dimostra che nulla è cambiato dall'ultima clamorosa evasione del luglio 2010". Lo afferma in una nota la consigliera regionale e comunale, a Pisa, dell'Idv, Maria Luisa Chincarini, commentando l'evasione avvenuta nella casa circondariale pisana. "In quell'occasione - aggiunge - presentai un'interrogazione urgente in Consiglio regionale per far luce sulla vicenda e per chiedere alla giunta di attivarsi presso il Governo per rimediare alla situazione di collasso della struttura pisana. Venne fuori che i monitor per la sicurezza non funzionavano. Se neanche oggi i monitor e i sistemi antiscavalcamento erano funzionanti, c'é da chiedersi veramente a cosa serva una struttura penitenziaria in cui non si hanno i soldi neanche per attivare i principali sistemi di sicurezza".

Infine, Chincarini sottolinea che "le condizioni in cui versa il Don Bosco sono fatiscenti: si tratta di una struttura sull'orlo del collasso, che ospita tre volte il numero di reclusi per cui era stato concepito". "Il numero degli agenti di polizia penitenziaria - conclude la consigliera regionale dipietrista - a fronte della triplicazione dei detenuti, si è dimezzato diversi anni fa, tanto che si trovano in una situazione di perenne emergenza. I turni spesso prevedono che un agente debba controllare, da solo, contemporaneamente tre piani diversi della struttura, con tutto ciò che questo comporta in termini di stress lavorativo e di garanzie per la sicurezza del penitenziario. Chiediamo che venga fatta luce al più presto su questa vicenda e si individuino le responsabilità ad ogni livello, senza puntare il dito contro l'agente che era in servizio, che, da solo non poteva far fronte a un'emergenza che è diventata la normalità".
 
Ansa
STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

2 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)