Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Evaso da Parma ricercato in tutta Europa: spreco di risorse, era in carcere in Belgio già da 40 giorni

Polizia Penitenziaria - Evaso da Parma ricercato in tutta Europa: spreco di risorse, era in carcere in Belgio già da 40 giorni


Notizia del 27/10/2013 - PARMA
Letto (3279 volte)
 Stampa questo articolo


Quaranta giorni di indagini e intercettazioni per cercare un uomo evaso che in realtà era già stato arrestato da oltre un mese. La Procura di Parma scrive al ministero degli Interni e quello di Giustizia per chiedere chiarezza su una vicenda che suona come un paradosso. Taulant Toma, 29enne albanese condannato per rapina a mano armata ed evasione, era riuscito a fuggire dal carcere di Parma lo scorso febbraio insieme a un altro detenuto e da allora la polizia è sulle sue tracce. Ad arrestarlo in Belgio è stato la polizia l’11 settembre 2013, ma la comunicazione alla Procura di Parma, che avevano emanato un mandato di cattura europeo, è arrivata soltanto il 23 ottobre 2013, ben quaranta giorni dopo il fermo.

Mentre Toma era già tornato dietro le sbarre a Liegi in Belgio, in attesa di essere estradato in Italia per finire di scontare la sua pena, gli agenti in Italia però continuavano a cercarlo, con enorme dispendio di mezzi e tempo. Per rintracciare l’evaso uomini della polizia erano in trasferta in altre città per seguire le varie piste, mentre venivano utilizzate intercettazioni ambientali e telefoniche con l’ausilio di interpreti albanesi per vedere se vi fossero indizi sull’uomo. Il tutto per una spesa ingente che si aggira intorno a qualche migliaio di euro al giorno, per un totale di oltre 40mila euro se si pensa al tempo in cui le ricerche sono continuate anche se l’uomo era già stato arrestato dalla polizia belga.

Tempo e soldi buttati via, che hanno convinto il procuratore capo Gerardo Laguardia a scrivere una lettera al ministro di Giustizia e a quello degli Interni per denunciare un danno erariale per la comunicazione tardiva dell’ arresto e per capire come un fatto del genere si sia potuto verificare. “È l’ ennesimo spreco di denaro pubblico – ha commentato Laguardia – non sappiamo ancora a quanto ammonti la spesa complessiva, ma abbiamo sostenuto indagini dispendiose per queste ricerche, distogliendo personale da altre attività”.

Da chiarire è se siano state le istituzioni belghe a dare tardivamente notizia del ritrovamento dell’uomo ricercato o se la responsabilità del ritardo sia da attribuire a Roma. Certo è che sulla testa di Toma pendeva un mandato di cattura europeo emesso dalla Procura di Parma, che poi ha portato all’arresto dell’uomo, quindi il Belgio avrebbe dovuto comunicarne la cattura allo Stato italiano. Invece, dopo l’operazione che ha portato di nuovo dietro le sbarre Toma l’11 settembre, è trascorso più di un mese prima che anche Parma ne fosse informata. La Procura ha ricevuto la notizia del ritrovamento dell’uomo il 23 ottobre dalla Direzione centrale dei Servizi antidroga del ministero dell’ Interno, che ha informato il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria e il carcere di via Burla, da cui Toma era evaso a febbraio. Intanto però gli uomini della polizia continuavano a cercarlo, disperdendo forze e mezzi per catturare un uomo che era già in prigione.

ilfattoquotidiano.it

Evasione dal carcere di Parma: arrestato anche il secondo albanese

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

3 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

4 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

5 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

6 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere

7 Catturato il detenuto marocchino che non era rientrato a Mamone dopo il lavoro esterno

8 Niente ventilatori nel carcere di Sollicciano: la rete elettrica del carcere non reggerebbe

9 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

10 Due detenuti non rientrano dai permessi nel carcere minorile di Torino


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto