Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Evaso da Parma ricercato in tutta Europa: spreco di risorse, era in carcere in Belgio già da 40 giorni

Polizia Penitenziaria - Evaso da Parma ricercato in tutta Europa: spreco di risorse, era in carcere in Belgio già da 40 giorni


Notizia del 27/10/2013 - PARMA
Letto (3225 volte)
 Stampa questo articolo


Quaranta giorni di indagini e intercettazioni per cercare un uomo evaso che in realtà era già stato arrestato da oltre un mese. La Procura di Parma scrive al ministero degli Interni e quello di Giustizia per chiedere chiarezza su una vicenda che suona come un paradosso. Taulant Toma, 29enne albanese condannato per rapina a mano armata ed evasione, era riuscito a fuggire dal carcere di Parma lo scorso febbraio insieme a un altro detenuto e da allora la polizia è sulle sue tracce. Ad arrestarlo in Belgio è stato la polizia l’11 settembre 2013, ma la comunicazione alla Procura di Parma, che avevano emanato un mandato di cattura europeo, è arrivata soltanto il 23 ottobre 2013, ben quaranta giorni dopo il fermo.

Mentre Toma era già tornato dietro le sbarre a Liegi in Belgio, in attesa di essere estradato in Italia per finire di scontare la sua pena, gli agenti in Italia però continuavano a cercarlo, con enorme dispendio di mezzi e tempo. Per rintracciare l’evaso uomini della polizia erano in trasferta in altre città per seguire le varie piste, mentre venivano utilizzate intercettazioni ambientali e telefoniche con l’ausilio di interpreti albanesi per vedere se vi fossero indizi sull’uomo. Il tutto per una spesa ingente che si aggira intorno a qualche migliaio di euro al giorno, per un totale di oltre 40mila euro se si pensa al tempo in cui le ricerche sono continuate anche se l’uomo era già stato arrestato dalla polizia belga.

Tempo e soldi buttati via, che hanno convinto il procuratore capo Gerardo Laguardia a scrivere una lettera al ministro di Giustizia e a quello degli Interni per denunciare un danno erariale per la comunicazione tardiva dell’ arresto e per capire come un fatto del genere si sia potuto verificare. “È l’ ennesimo spreco di denaro pubblico – ha commentato Laguardia – non sappiamo ancora a quanto ammonti la spesa complessiva, ma abbiamo sostenuto indagini dispendiose per queste ricerche, distogliendo personale da altre attività”.

Da chiarire è se siano state le istituzioni belghe a dare tardivamente notizia del ritrovamento dell’uomo ricercato o se la responsabilità del ritardo sia da attribuire a Roma. Certo è che sulla testa di Toma pendeva un mandato di cattura europeo emesso dalla Procura di Parma, che poi ha portato all’arresto dell’uomo, quindi il Belgio avrebbe dovuto comunicarne la cattura allo Stato italiano. Invece, dopo l’operazione che ha portato di nuovo dietro le sbarre Toma l’11 settembre, è trascorso più di un mese prima che anche Parma ne fosse informata. La Procura ha ricevuto la notizia del ritrovamento dell’uomo il 23 ottobre dalla Direzione centrale dei Servizi antidroga del ministero dell’ Interno, che ha informato il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria e il carcere di via Burla, da cui Toma era evaso a febbraio. Intanto però gli uomini della polizia continuavano a cercarlo, disperdendo forze e mezzi per catturare un uomo che era già in prigione.

ilfattoquotidiano.it

Evasione dal carcere di Parma: arrestato anche il secondo albanese

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

2 Serve sangue per la figlia di un collega: coinvolta in un incidente a Cosenza è in coma

3 Poliziotto Penitenziario di Milano si suicida con la pistola d''ordinanza: era in servizio presso il Nucleo NTP di Milano Opera

4 Agente Polizia Penitenziaria uccide la moglie e si suicida: illesa la figlia diciottenne presente in casa, il padre le ha detto di allontanarsi

5 Imboscata ad Agente penitenziario: c''è un problema in bagno e quando arriva i detenuti lo aggrediscono

6 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

7 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

8 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

9 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

10 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

4 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

5 Due suicidi nella Polizia Penitenziaria a distanza di poche ore: Dipartimento amministrazione penitenziaria continua a tergiversare sul disagio dei Poliziotti

6 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

7 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

8 Le nuove prospettive dell’Esecuzione Penale Esterna

9 La "famiglia di caserma" e l''attesa del trasferimento vicino casa

10 Non tutto ciò che può essere contato conta e non tutto ciò che conta può essere contato