Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Ex direttore del carcere di Marsala ai domiciliari per falso ideologico

Polizia Penitenziaria - Ex direttore del carcere di Marsala ai domiciliari per falso ideologico


Notizia del 20/04/2015 - TRAPANI
Letto (2553 volte)
 Stampa questo articolo


L'ex direttore del carcere di Marsala Nicolò Raimondo è stato condannato a 6 mesi di reclusione, per peculato d'uso e falso ideologico, dal gup Caterina Greco. Assieme all'ex direttore, con rito abbreviato sono stati processati, per peculato e truffa ai danni dello Stato (ipotesi di assenteismo), anche l'ex comandante delle guardie dello stesso carcere, Giuseppe Bellomo, e un ispettore della polizia penitenziaria, Leonardo Giacalone, entrambi di 48 anni. Bellomo e Giacalone sono stati, però, assolti.

Secondo l'accusa, il 19 marzo 2009, i tre imputati lasciarono il carcere di Marsala intorno alle 12.30 per recarsi, con l'auto di servizio (e dunque consumando benzina pagata dallo Stato), a pranzo in un ristorante a circa 11 Km dal centro cittadino, mentre sul registro delle firme del personale fu attestata la presenza in servizio di Bellomo e Giacalone fino alle 14. E ciò, sempre secondo l'accusa, con la complicità dell'ex direttore, che avrebbe, inoltre, falsamente attestato che l'auto era uscita dal penitenziario per "rappresentanza in sede con autorità dirigente". A condurre l'indagine, coordinata dal procuratore Alberto Di Pisa, è stata la sezione di pg della Guardia di finanza della Procura di Marsala.

livesicilia.it

 

L’ex direttore del carcere marsalese Nicolò Raimondo, 62 anni, è stato condannato, per rivelazione di segreto d’ufficio, ad un anno e due mesi di reclusione. Con interdizione dai pubblici uffici per un eguale periodo. Ad emettere la sentenza è stato, ieri, il Tribunale (presidente del collegio giudicante Gioacchino Natoli). Secondo l’accusa, scattata a seguito delle dichiarazioni di un paio di agenti di polizia penitenziaria, l’ex direttore del carcere di piazza Castello avrebbe rivelato ad alcuni detenuti che rischiavano di essere trasferiti altrove. Suggerendo loro, inoltre, come evitare di finire in un penitenziario lontano dalla loro città.

E cioè partecipando a qualcuno dei progetti attuati per favorire il reinserimento dei carcerati nella società. Epoca dei fatti contestati è quello compreso tra il novembre del 2008 e l’inizio del 2009. Nel corso del processo, la difesa (avvocati Stefano Pellegrino e Luigi Pipitone), nel tentativo di smontare l’accusa, ha chiamato a testimoniare tre ex detenuti (i pregiudicati locali Gaspare Dardo, Ignazio Angelo Angileri e Antonino Raia) e un ispettore di polizia penitenziaria. “Il direttore - affermarono i primi tre - non ci rivelò mai che rischiavamo di essere trasferiti in qualche altro carcere. Noi lo sapevamo perché questo accade ogni qualvolta a Marsala si supera il numero di circa quaranta detenuti”. Le prove in mano all’accusa, però, sono state ritenute superiori.

Per un’altra vicenda, il 10 febbraio 2010, il gup Caterina Greco condannò Raimondo a 6 mesi di reclusione per peculato d’uso e falso ideologico.

La Sicilia, 14 giugno 2012

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Riordino carriere: risultati di un sondaggio rivolto al personale

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?