Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Ex Ministro Giustizia Giovanni Maria Flick: ergastolo è ipocrisia istituzionale soprattutto l''ergastolo ostativo

Polizia Penitenziaria - Ex Ministro Giustizia Giovanni Maria Flick: ergastolo è ipocrisia istituzionale soprattutto l''ergastolo ostativo


Notizia del 11/01/2018 - ROMA
Letto (1294 volte)
 Stampa questo articolo


Quale tema legato alla giustizia pensa dovrebbe essere inserito nel dibattito di questa campagna elettorale?

"Sicuramente quello delle carceri".

 

"Il primo riguarda la pena dell'ergastolo. La Corte costituzionale nel 1972 la dichiarò illegittima perché non consente la rieducazione, ma l'ha considerata ammissibile se, dopo alcuni anni e un manifesto ravvedimento, il detenuto può ottenere la liberazione condizionale. Siamo di fronte ad una sorta di ipocrisia incostituzionale, accresciuta con le leggi su mafia e terrorismo".

 

"Ai condannati per mafia e terrorismo si applica l'ergastolo ostativo. A differenza dei condannati per altri reati, possono ottenere le misure alternative o la liberazione condizionale solo se collaborano con l'autorità giudiziaria".

 

Quali crede siano, in questo settore, i limiti del nostro ordinamento?

"Consideriamo la detenzione come unica vera pena utilizzabile. C'è uno strabismo intellettuale del nostro legislatore che, da un lato guarda con attenzione al tentativo di umanizzare la pena per eliminare il sovraffollamento nelle carceri, da un altro ricorre a piene mani alla penalizzazione come unico rimedio per dare risposte al crescente allarme sociale provocato dalla criminalità".

 

Il nostro sistema carcerario rispetta la Costituzione?

"L'articolo 27 della Costituzione parla di rieducazione dei condannati e di trattamenti non contrari al senso di umanità. Eppure, nell'ultimo anno, nelle carceri italiane ci sono stati 52 suicidi di detenuti".

 

Quali ne sono i principali elementi critici?

"Il primo riguarda la pena dell'ergastolo. La Corte costituzionale nel 1972 la dichiarò illegittima perché non consente la rieducazione, ma l'ha considerata ammissibile se, dopo alcuni anni e un manifesto ravvedimento, il detenuto può ottenere la liberazione condizionale. Siamo di fronte ad una sorta di ipocrisia incostituzionale, accresciuta con le leggi su mafia e terrorismo".

 

Perché?

"Ai condannati per mafia e terrorismo si applica l'ergastolo ostativo. A differenza dei condannati per altri reati, possono ottenere le misure alternative o la liberazione condizionale solo se collaborano con l'autorità giudiziaria".

 

Il rapporto tra economia e giustizia penale torna d'attualità. Crede che le aziende ricevano danni da inchieste penali che finiscono in assoluzioni?

"Il decreto legislativo 231 del 2000 ha introdotto la responsabilità penale delle imprese giuridiche per aziende che non si dotano di regole interne per impedire la commissione di reati da parte di dipendenti, se non dimostra di aver fatto il possibile per evitarlo".

 

Una norma che non funziona?

"No, al punto che è proliferato lo strumento del commissariamento giudiziale di parti delle imprese inquinate da corruzione".

Il Mattino

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Frosinone, 5 agenti di Polizia Penitenziaria aggrediti da un detenuto

5 Poliziotto aggredito e sequestrato nel carcere di Nisida: detenuti gli rubano le chiavi e aprono le altre celle

6 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

7 Petardi lanciati nel carcere di San Vittore Francesco Di Cataldo nella notte di capodanno: due Poliziotti penitenziari al pronto soccorso

8 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

9 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

10 Uno Bianca, i fratelli Savi nello stesso carcere


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Gratteri, Ardita, Stati Generali... fino ad oggi sono state ignorate tutte le proposte di riforma della Polizia Penitenziaria ...il 2018 sarà l’anno buono?

3 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

7 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

8 La XVII Legislatura volge al termine. Il futuro è molto incerto

9 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia

10 Il servizio di tutoring e la beneficienza all''amministrazione