Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Fabrizio Corona condannato in appello a 14 mesi di carcere per corruzione Agente di Polizia Penitenziaria

Notizia del 26/03/2012 - MILANO

Fabrizio Corona condannato in appello a 14 mesi di carcere per corruzione Agente di Polizia Penitenziaria

letto 3047 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Condannato anche in appello, ma con pena ridotta da un anno e otto mesi a un anno due mesi e cinque giorni. Si e' concluso cosi' a Milano uno dei tanti processi a carico di Fabrizio Corona, che stamani ha deciso di essere presente a Palazzo di Giustizia per il procedimento di secondo grado che lo vedeva accusato di aver corrotto un poliziotto penitenziariao riuscendo a fare entrare una macchina fotografica a San Vittore, quando era detenuto.

Il sostituto pg, Gaetano Santamaria, aveva chiesto la conferma della condanna di primo grado emessa dal gup di Milano nel marzo 2010, ma i giudici della seconda sezione della Corte d'appello l'hanno ridotta di 6 mesi. Corona, imputato per corruzione, stando a quanto ricostruito dalle indagini, tra il 13 aprile e il 15 giugno 2007, quando era in carcere nell'ambito dell'inchiesta cosiddetta 'Vallettopoli', si fece consegnare dal poliziotto penitenziario una macchina fotografica usa e getta per ritrarsi in un servizio all'interno di San Vittore.

Il 're dei paparazzi' incasso', secondo l'accusa, circa 20 mila euro dalla vendita di quelle foto che vennero pubblicate su alcune riviste di gossip. L'agente penitenziario invece percepi' quattromila euro come prezzo della corruzione. Corona, difeso dall'avvocato Giuseppe Lucibello, nel procedimento di primo grado aveva pero' risarcito il Ministero della Giustizia con ottomila euro.

Intanto, le condanne a carico dell'agente fotografico si accumulano e la difesa ha chiesto per lui l'affidamento in prova ai servizi sociali, dopo l'ordine di esecuzione con sospensione del sostituto pg di Milano per la condanna definitiva a un anno e 5 mesi per la vicenda dei foto-ricatti e per due patteggiamenti definitivi per spendita di denaro falso (un totale di circa 2 anni e 8 mesi).

Tre le condanne piu' 'pesanti' pero', ma non ancora definitive, ci sono i 4 anni in primo grado per bancarotta e i 5 anni in appello a Torino per estorsione a David Trezeguet. In piu' pende la richiesta della Procura di Milano di applicargli la sorveglianza speciale.

ANSA

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”