Maggio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2017  
  Archivio riviste    
Facebook, la caccia a Matteo Messina Denaro passa anche dai social network

Polizia Penitenziaria - Facebook, la caccia a Matteo Messina Denaro passa anche dai social network


Notizia del 26/02/2016 - ROMA
Letto (1532 volte)
 Stampa questo articolo


Una collaborazione difficile ma fruttuosa. Si può definire così quella che ha visto unire le forze dei magistrati di Palermo, gli investigatori della Dia e l'FBI americana per ottenere un accesso esclusivo ai server di Facebook. L'obiettivo era quello di entrare all'interno del profilo di Anna Patrizia Messina Denaro, sorella di Matteo Messina Denaro, latitante dal 1993 e considerato il più pericoloso attualmente in circolazione. L'oggetto delle indagini erano i rapporti che la sorella avrebbe avuto con il padrino prima dell'arresto avvenuto nel 2013. Contatti che, secondo gli investigatori, avvenivano proprio attraverso il noto social network, utilizzando una serie di profili falsi amministrati dalla donna.

Uno in particolare è finito al centro delle indagini: si chiama Lucilla, come l'imperatrice di Roma, e rappresenta l'ultimo account aperto dalla sorella del boss prima di finire in manette. L'apparato comunicativo basato sul web ha cominciato ad emergere dopo una serie di contatti tra il marito della Messina Denaro e la donna, all'interno dei quali l'uomo chiedeva il parere del boss su un imprenditore che sembrava voler cedere e pentirsi. La risposta, "non toccatelo", ha suggerito agli inve

stigatori l'idea di una rete comunicativa ben più estesa dei classici pizzini scambiati nelle campagne.

Nasce così la richiesta alle autorità americane e al social network per poter accedere ai contenuti degli account e, soprattutto, alle conversazioni intrattenute con i collaboratori e forse con lo stesso boss. Un percorso lungo e difficile, perché gli investigatori hanno dovuto spiegare alle autorità americane la motivazione delle indagini e la pericolosità di Matteo Messina Denaro, responsabile delle stragi di Milano, Firenze e Roma, e della sorella, condannata a 13 anni per associazione mafiosa. Fino ad arrivare all'accordo con Facebook, che, tramite l'ambasciata americana a Roma, ha permesso ai magistrati di dare un'occhiata ai profili della Messina Denaro, comprese le conversazioni.

 

Tra i dati in possesso delle autorità figurano anche alcuni indirizzi ip dei contatti con cui la donna ha avuto una o più conversazioni, tra i quali, sperano gli investigatori, potrebbe esserci quello dello stesso Matteo. Dai pizzini di carta a quelli virtuali, quindi, le indagini della direzione nazionale antimafia – guidata dal generale Nunzio Ferla – si sono ora spostate su un terreno insolito, composto da comunicazioni virtuali e non più materiali, che sono allo stesso tempo più discrete ma anche maggiormente rintracciabili, grazie anche alla collaborazione dei social network, in questo caso di Facebook.

 

tech.fanpage.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Riparte il Concorso Allievi Agenti di Polizia Penitenziaria 100 donne e 300 uomini

2 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

3 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

4 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

5 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

6 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

7 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa

8 Perquisizione nel carcere di Rimini: 5 telefonini, 3 grammi di hashish, 2 coltelli rudimentali, una chiavetta USB

9 Gratteri sulle indagini del Cara di Crotone: mi meraviglia che l''agente penitenziario arrestato sia solo ai domiciliari

10 Era considerato un detenuto modello il rapinatore ucciso a Pisa: sparò anche ai Carabinieri ad altezza uomo


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Dimissioni dei comandanti di GOM e NIC? … Cosa sta succedendo al DAP?

4 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

5 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

6 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

7 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

8 Commissione Antimafia: relazione del Presidente Rosy Bindi sullo stato di salute di Salvatore Riina

9 Lotta al terrorismo: maggior contributo della Polizia Penitenziaria e partecipazione ai Comitati provinciali ordine e sicurezza

10 Ministro Orlando vigili affinchè il DAP non ritardi anche nell’attuazione del riallineamento