Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Facebook, la caccia a Matteo Messina Denaro passa anche dai social network

Polizia Penitenziaria - Facebook, la caccia a Matteo Messina Denaro passa anche dai social network


Notizia del 26/02/2016 - ROMA
Letto (1747 volte)
 Stampa questo articolo


Una collaborazione difficile ma fruttuosa. Si può definire così quella che ha visto unire le forze dei magistrati di Palermo, gli investigatori della Dia e l'FBI americana per ottenere un accesso esclusivo ai server di Facebook. L'obiettivo era quello di entrare all'interno del profilo di Anna Patrizia Messina Denaro, sorella di Matteo Messina Denaro, latitante dal 1993 e considerato il più pericoloso attualmente in circolazione. L'oggetto delle indagini erano i rapporti che la sorella avrebbe avuto con il padrino prima dell'arresto avvenuto nel 2013. Contatti che, secondo gli investigatori, avvenivano proprio attraverso il noto social network, utilizzando una serie di profili falsi amministrati dalla donna.

Uno in particolare è finito al centro delle indagini: si chiama Lucilla, come l'imperatrice di Roma, e rappresenta l'ultimo account aperto dalla sorella del boss prima di finire in manette. L'apparato comunicativo basato sul web ha cominciato ad emergere dopo una serie di contatti tra il marito della Messina Denaro e la donna, all'interno dei quali l'uomo chiedeva il parere del boss su un imprenditore che sembrava voler cedere e pentirsi. La risposta, "non toccatelo", ha suggerito agli inve

stigatori l'idea di una rete comunicativa ben più estesa dei classici pizzini scambiati nelle campagne.

Nasce così la richiesta alle autorità americane e al social network per poter accedere ai contenuti degli account e, soprattutto, alle conversazioni intrattenute con i collaboratori e forse con lo stesso boss. Un percorso lungo e difficile, perché gli investigatori hanno dovuto spiegare alle autorità americane la motivazione delle indagini e la pericolosità di Matteo Messina Denaro, responsabile delle stragi di Milano, Firenze e Roma, e della sorella, condannata a 13 anni per associazione mafiosa. Fino ad arrivare all'accordo con Facebook, che, tramite l'ambasciata americana a Roma, ha permesso ai magistrati di dare un'occhiata ai profili della Messina Denaro, comprese le conversazioni.

 

Tra i dati in possesso delle autorità figurano anche alcuni indirizzi ip dei contatti con cui la donna ha avuto una o più conversazioni, tra i quali, sperano gli investigatori, potrebbe esserci quello dello stesso Matteo. Dai pizzini di carta a quelli virtuali, quindi, le indagini della direzione nazionale antimafia – guidata dal generale Nunzio Ferla – si sono ora spostate su un terreno insolito, composto da comunicazioni virtuali e non più materiali, che sono allo stesso tempo più discrete ma anche maggiormente rintracciabili, grazie anche alla collaborazione dei social network, in questo caso di Facebook.

 

tech.fanpage.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”