Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Facebook, la caccia a Matteo Messina Denaro passa anche dai social network

Polizia Penitenziaria - Facebook, la caccia a Matteo Messina Denaro passa anche dai social network


Notizia del 26/02/2016 - ROMA
Letto (1317 volte)
 Stampa questo articolo


Una collaborazione difficile ma fruttuosa. Si può definire così quella che ha visto unire le forze dei magistrati di Palermo, gli investigatori della Dia e l'FBI americana per ottenere un accesso esclusivo ai server di Facebook. L'obiettivo era quello di entrare all'interno del profilo di Anna Patrizia Messina Denaro, sorella di Matteo Messina Denaro, latitante dal 1993 e considerato il più pericoloso attualmente in circolazione. L'oggetto delle indagini erano i rapporti che la sorella avrebbe avuto con il padrino prima dell'arresto avvenuto nel 2013. Contatti che, secondo gli investigatori, avvenivano proprio attraverso il noto social network, utilizzando una serie di profili falsi amministrati dalla donna.

Uno in particolare è finito al centro delle indagini: si chiama Lucilla, come l'imperatrice di Roma, e rappresenta l'ultimo account aperto dalla sorella del boss prima di finire in manette. L'apparato comunicativo basato sul web ha cominciato ad emergere dopo una serie di contatti tra il marito della Messina Denaro e la donna, all'interno dei quali l'uomo chiedeva il parere del boss su un imprenditore che sembrava voler cedere e pentirsi. La risposta, "non toccatelo", ha suggerito agli inve

stigatori l'idea di una rete comunicativa ben più estesa dei classici pizzini scambiati nelle campagne.

Nasce così la richiesta alle autorità americane e al social network per poter accedere ai contenuti degli account e, soprattutto, alle conversazioni intrattenute con i collaboratori e forse con lo stesso boss. Un percorso lungo e difficile, perché gli investigatori hanno dovuto spiegare alle autorità americane la motivazione delle indagini e la pericolosità di Matteo Messina Denaro, responsabile delle stragi di Milano, Firenze e Roma, e della sorella, condannata a 13 anni per associazione mafiosa. Fino ad arrivare all'accordo con Facebook, che, tramite l'ambasciata americana a Roma, ha permesso ai magistrati di dare un'occhiata ai profili della Messina Denaro, comprese le conversazioni.

 

Tra i dati in possesso delle autorità figurano anche alcuni indirizzi ip dei contatti con cui la donna ha avuto una o più conversazioni, tra i quali, sperano gli investigatori, potrebbe esserci quello dello stesso Matteo. Dai pizzini di carta a quelli virtuali, quindi, le indagini della direzione nazionale antimafia – guidata dal generale Nunzio Ferla – si sono ora spostate su un terreno insolito, composto da comunicazioni virtuali e non più materiali, che sono allo stesso tempo più discrete ma anche maggiormente rintracciabili, grazie anche alla collaborazione dei social network, in questo caso di Facebook.

 

tech.fanpage.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario