Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
False perizie per far uscire detenuti dal carcere. condannati un avvocato e due medici

Polizia Penitenziaria - False perizie per far uscire detenuti dal carcere. condannati un avvocato e due medici


Notizia del 08/03/2015 - ROMA
Letto (3553 volte)
 Stampa questo articolo


Pezzi di carta per dimostrare malattie che non c'erano e far uscire le persone dal carcere. Perizie giurate in cui di vero c'era poco o nulla e che erano comunque utili a dichiarare la incompatibilità con la detenzione. È finito con 4 condanne e tre assoluzioni il processo su un giro di corruzione a Roma che ruotava attorno ad un noto legale della Capitale e ad alcuni medici. In pratica alcuni clienti particolari si vedevano aprire le porte del carcere e ottenevano in modo facile il ricovero in strutture ospedaliere.

In particolare i giudici della VII sezione penale del tribunale di piazzale Clodio hanno condannato a 3 anni e quattro mesi l'avvocato Marco Cavaliere. Sentenza di colpevolezza anche per i medici Arcangelo Italiano e Valerio Di Tullio. Il primo ha avuto 3 anni e l'altro 1 anno e 6 mesi. Tre anni ha preso anche il presunto trafficante di droga Mario Di Gregorio. La vicenda, nel febbraio 2013, fu oggetto di una ordinanza di custodia cautelare.

Le accuse contestate a vario titolo erano quelle di corruzione e falsa perizia. L'aggravante del metodo mafioso, ipotizzata in una prima fase, è caduta da tempo con i diversi giudici che hanno deciso sulle misure cautelari. La VII sezione penale ha assolto il cardiologo e perito del tribunale, Alfonso Sestito; il trafficante Carmine Bongiorno e l'albanese Voli Edmund Gvock.

Agli imputati condannati il tribunale ha inflitto la pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici per cinque anni. Inoltre per Italiano, medico del centro igiene mentale di una Asl di Roma, ha disposto la cessazione del rapporto lavorativo con la struttura sanitaria. Le contestazioni operate dai pubblici ministeri partono dall'ottobre del 2012. Secondo l'accusa l'avvocato Cavaliere, attraverso la collaborazione dei periti in forze al tribunale di Roma, era riuscito a far apparire come incompatibili con il regime carcerario le condizioni di alcuni detenuti.

Secondo l'accusa a usufruire del "beneficio" erano stati Mario De Gregorio, implicato in indagini su un traffico di droga, e il l'abanese Voli, che stava in carcere perché condannato a 23 anni di reclusione per omicidio. L'avvocato Cesare Placanica, difensore di Cavaliere, ha spiegato: "Siamo veramente stupiti della decisione, perché l'istruttoria aveva a nostro parere dimostrato la piena estraneità alle accuse. Tengo poi a precisare che per la vicenda di Bongiorno il mio assistito è stato assolto. Attendiamo ora le motivazioni della sentenza". Secondo le indagini della Procura e della polizia la scelta dei pregiudicati che potevano usufruire della rete di rapporti e si basava esclusivamente sulle possibilità di poter "pagare tutti gli anelli della catena corruttiva". Ai medici poi era demandato il compito di effettuare false perizie che consentissero al detenuto di ottenere i benefici di legge. A far scattare le indagini sono state le dichiarazioni di un pentito. Il calendario delle visite era deciso dallo stesso paziente e gli incontri duravano al massimo due minuti nei quali il professionista doveva esaminare il paziente, redigere un certificato e riscuotere i soldi.

Askanews

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 Detenuto tunisino accusa dieci Agenti penitenziari di lesioni a San Vittore. E'' in carcere per tentato omicidio e accusò altri Agenti di Velletri

9 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

10 Salvatore Riina in coma da giorni: è in fin di vita, ricoverato in ospedale a Parma


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Esuberi personale di Polizia Penitenziaria, dubbi sulla gestione del DAP. Interrogazione parlamentare di Maurizio Gasparri

2 Carceri, mille leggi per un solo risultato: torna il sovraffollamento

3 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

4 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

5 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

6 E'' meglio scegliere a chi dare la colpa che cercare le cause del disastro penitenziario

7 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

8 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

9 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

10 Amministrazione penitenziaria in piena zona retrocessione. Ci vorrebbe Zamparini con i suoi tanti esoneri