Maggio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2017  
  Archivio riviste    
Falsi certificati medici, sotto indagine decine di Agenti penitenziari del carcere di Padova

Polizia Penitenziaria - Falsi certificati medici, sotto indagine decine di Agenti penitenziari del carcere di Padova


Notizia del 17/03/2015 - PADOVA
Letto (5544 volte)
 Stampa questo articolo


Dopo il traffico di droga e cellulari si apre un nuovo filone d'inchiesta nella Casa di reclusione. Indagati una decina di agenti e quattro medici con perquisizioni negli studi.

Falsi certificati medici per stare a casa in malattia. Tra gli agenti penitenziari c'è chi ha fatto anche cento giorni di assenza in un anno. Sono una decina i poliziotti indagati, quattro sono i medici di base finiti sotto inchiesta. Il pubblico ministero Sergio Dini ha aperto un altro capitolo sulla casa di reclusione Due Palazzi di Padova.

Le ipotesi d'accusa sono di falso e truffa. Le perquisizioni sono avvenute venerdì. Gli investigatori della Squadra mobile, diretti dal Vicequestore Marco Calì, si sono presentati con l'ordine del sostituto Dini in quattro ambulatori medici cittadini. E hanno messo tutto sottosopra. Cercavano i riscontri, nei computer e sulla carta, dei certificati di malattia di una decina di agenti penitenziari.

E hanno trovato tutto. I presunti certificati medici falsi sono stati scoperti grazie alle indagini di questi ultimi mesi. Gli investigatori della Squadra mobile stanno portando alla luce al Due Palazzi una "catena di Sant'Antonio" di reati che vanno dallo spaccio di droga alla truffa. Una vergognosa "catena" che coinvolge decine e decine di agenti di Polizia Penitenziaria. E agli uomini della Mobile non sono sfuggiti i certificati medici in occasione delle festività, dei "ponti", dei periodi in cui uno manderebbe volentieri il lavoro a quel paese.

E poi il presunto falso e la presunta truffa non erano poi nascosti in modo accurato. Nel senso che alcuni agenti rimanevano assenti per malattia e il certificato medico lo portavano in un secondo momento. Oppure, nel certificato non c'era la firma del proprio medico di base, ma di un medico qualsiasi. Il "blitz" della Mobile dello scorso 8 luglio ha gettato un'ombra di vergogna sul carcere. Al Due Palazzi c'era un commercio di droga, di telefoni cellulari e di computer. Agenti e personaggi del crimine camorristico gestivano di comune accordo il traffico. Ma la droga girava anche tra gli agenti.

Il luogo per drogarsi era l'alloggio di servizio di uno dei poliziotti indagati. Ebbene, l'agente Paolo Giordano non ce l'ha fatta a vedere la fine dell'inchiesta e si è tolto la vita. La falsa rivolta del 22 gennaio scorso ha posto un altro punto di domanda sulla conduzione della casa di reclusione. No, non erano "soldati" dell'Isis i rivoltosi, ma romeni ubriachi. E la violenza è esplosa per un macerato di frutta prodotto di nascosto in una cella dove si distillava la grappa. Il "blitz" del 2014 non ha evidentemente stroncato i traffici all'interno della casa di reclusione.

Il 4 marzo scorso gli uomini della Mobile hanno arrestato altri due agenti, mentre altrettanti colleghi sono finti nel registro degli indagati con le accuse di corruzione e spaccio di stupefacenti. Secondo il pm Dini, i quattro rifornivano i detenuti di sim card, telefoni cellulari e droga. Anche dopo gli arresti di luglio la droga, le sim card e i telefoni cellulari hanno continuato ad entrare liberamente al Due Palazzi. Certo, fanno molto comodo ai detenuti della criminalità organizzata.

Il Gazzettino

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Riparte il Concorso Allievi Agenti di Polizia Penitenziaria 100 donne e 300 uomini

2 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

3 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

4 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

5 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

6 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

7 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa

8 Condanna definitiva per due ex Poliziotti penitenziari: facevano pervenire lettere e cellulari ai detenuti camorristi

9 Perquisizione nel carcere di Rimini: 5 telefonini, 3 grammi di hashish, 2 coltelli rudimentali, una chiavetta USB

10 Era considerato un detenuto modello il rapinatore ucciso a Pisa: sparò anche ai Carabinieri ad altezza uomo


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Dimissioni dei comandanti di GOM e NIC? … Cosa sta succedendo al DAP?

4 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

5 Il Dap prossimo venturo. Arriva un nuovo vice capo Dap, avvicendamento di tre Provveditori e movimenti per una cinquantina di dirigenti penitenziari con incarico superiore

6 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

7 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

8 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

9 Commissione Antimafia: relazione del Presidente Rosy Bindi sullo stato di salute di Salvatore Riina

10 Lotta al terrorismo: maggior contributo della Polizia Penitenziaria e partecipazione ai Comitati provinciali ordine e sicurezza