Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Favori ai camorristi nel carcere di Teramo: l’agente chiede di patteggiare la pena

Polizia Penitenziaria - Favori ai camorristi nel carcere di Teramo: l’agente chiede di patteggiare la pena


Notizia del 02/04/2014 - TERAMO
Letto (2006 volte)
 Stampa questo articolo


TERAMO. E’ una richiesta di patteggiamento, che ha già il consenso del pm titolare del caso, a definire processualmente il caso dell’agente di polizia penitenziario di Castrogno sospeso per sei mesi dal gip perchè accusato di aver fatto favori e rivelato segreti ad alcuni detenuti. G.A., tramite la sua difesa, ha presentato richiesta di patteggiamento al pm Luca Sciarretta: la pena è di 2 anni e 8 mesi. Ora dovrà essere un giudice a stabilire se è congrua nel corso di una udienza non ancora fissata. Il poliziotto è accusato di rivelazione di segreti, corruzione e spaccio di droga.
A. è sospettato di aver favorito alcuni detenuti legati alla camorra, rivelando segreti d’ufficio che si potevamo rivelare utili ai detenuti e anche di avere fatto entrare stupefacenti all’interno del carcere in cambio di denaro. L’agente è accusato anche la violazione dell’articolo 390 del codice penale «procurata inosservanza della pena», che si concretizza quando si aiuta qualcuno a sottrarsi all’esecuzione della pena. Cosa avvenuta – sempre secondo le accuse – quando l’agente si sarebbe messo in contatto con un latitante pescarese, ricercato per scontare una condanna definitiva, che venne poi trovato e arrestato nel novembre 2011. Secondo gli inquirenti A. avrebbe dunque saputo come rintracciare il latitante, ma si sarebbe ben guardato dall’avvisare i suoi colleghi o un altro organo di polizia giudiziaria per fare eseguire l’arresto, come sarebbe stato suo dovere fare in quanto agente della Polizia Penitenziaria. Nell’indagine risulta coinvolto anche un medico teramano, accusato di avere rilasciato falsi certificati medici all’agente per consentirgli di fare dei periodi di assenza dal lavoro per malattia. L’indagine sull’agente di Polizia Penitenziaria è una costola dei una più vasta inchiesta della Dda (Direzione distrettuale antimafia) di Napoli su alcuni esponenti della camorra. Dalle intercettazioni sarebbe emerso che alcuni di questi indagati – che poi sarebbero stati portati nel carcere teramano per scontare la pena – avevano contatti con A. . Di qui l’apertura di una fascicolo autonomo della procura di Teramo sul conto dell’agente della Polizia Penitenziaria, le cui mosse sono state seguite per lungo tempo anche attraverso nuove intercettazioni. E da queste sarebbe emerso che l’agente parlava con detenuti e loro familiari, rivelando in anticipo il trasferimento in altri carceri o facendo sapere chi avrebbero trovato in cella. Nel corso dell’interrogatorio davanti al gip Domenico Canosa, previsto dal codice in caso di richieste di misure cautelari come la sospensione, il poliziotto si è avvalso della facoltà di non rispondere.


ilcentro 

STATISTICHE CARCERI REGIONE ABRUZZO
Statistiche carceri Regione Abruzzo







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”