Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Fiamme nei corridoi del carcere di Pozzuoli

Polizia Penitenziaria - Fiamme nei corridoi del carcere di Pozzuoli


Notizia del 01/10/2014 - NAPOLI
Letto (1864 volte)
 Stampa questo articolo


POZZUOLI. Domenica mattina da incubo per le detenute del carcere femminile di Pozzuoli. Poco prima di mezzogiorno infatti è scoppiato un incendio all’interno dei corridoi di accesso alle garitte della casa circondariale flegrea.
Immediatamente sul posto è giunta una squadra dei vigili del fuoco della stazione di Pozzuoli che ha provveduto immediatamente a circoscrivere le fiamme per effettuare tutti i rilievi del caso. Da una prima ed attenta analisi è emerso che le fiamme divampate all’interno della struttura penitenziaria sarebbero state provocate da un corto circuito. Allertati anche i carabinieri dell’aliquota radiomobile puteolana.
Tanta paura per le detenute che si sono trovate avvolte in una densa nube di fumo ma per fortuna, almeno per loro, non c’è stata nessuna tragica conseguenza. Ad avere la peggio nel corso dell’incendio, è stato un sovrintendente della polizia provinciale che, durante le operazioni di spegnimento delle fiamme, ha riportato una contusione alla testa: per lui la prognosi è di quattro giorni.
Sull’incendio, come da prassi, è stato aperto un fascicolo: ad indagare sulle cause del disastro sono ora gli agenti della Polizia Penitenziaria.
L’episodio di domenica mattina fa tornare alla ribalta i soliti, vecchi disagi legati alle carceri campane: sovraffollamento e allarme sicurezza sono solo due dei tanti problemi che affliggono il sistema penitenziario in Campania. Tra le altre cose, il carcere puteolano è l’unica struttura penitenziaria che ospita esclusivamente le detenute donne in Campania: con una capienza di 89 unità, ed un margine di tolleranza fino a 116, attualmente il più grande istituto penitenziario femminile del Sud, il secondo in Italia dopo quello Rebibbia, accoglie circa 230 detenute.

 

ilroma

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 La foto del Detenuto Evaso dall''Ospedale di Sanremo. Intanto il Sappe chiede le dimissioni del direttore

8 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

9 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

10 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore