Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Fornitore Cooperativa Giotto Padova sorpreso da Polizia Penitenziaria con 5 sim: "le avevo dimenticate in tasca"

Polizia Penitenziaria - Fornitore Cooperativa Giotto Padova sorpreso da Polizia Penitenziaria con 5 sim:


Notizia del 11/04/2015 - PADOVA
Letto (2214 volte)
 Stampa questo articolo


Carcere colabrodo. Stavolta, però, i controlli hanno funzionato. Un fornitore della cooperativa Giotto è stato bloccato con cinque sim card in tasca.

«Sono per uso personale... Le avevo dimenticate» si è giustificato con gli agenti addetti a monitorare con attenzione ogni accesso nella struttura penitenziaria del Due Palazzi, il grattacielo dove sono ospitati, in media, oltre 850 detenuti condannati in via definitiva.

È accaduto nel primo pomeriggio di venerdì quando l’uomo, un lavoratore esterno che garantisce materiale e prodotti alla coop specializzata nella pasticceria di alta qualità, stava entrando nell’area del carcere alla guida del suo furgoncino. Come tante altre volte.

È da circa un anno che rifornisce la cooperativa. Ieri, quando si è presentato ai cancelli, le guardie di turno hanno controllato il mezzo. Poi un agente lo ha invitato a scendere dall’abitacolo e a lasciare in guardiola il cellulare e qualsiasi altro apparecchio tecnologico strumentale ad avviare contatti con l’esterno. Tuttavia, prima di farlo risalire a bordo, l’agente ha fatto scivolare il metal detector sugli abiti dell’autista. E l’allarme è scattato.

Tasche svuotate all’istante. E sono spuntate le cinque sim card, che, inserite in un cellulare qualsiasi, consentono di telefonare o di ricevere chiamate. Subito l’uomo è stato accompagnato nell’ufficio comando e la denunciata trasmessa in procura.

Nel carcere continua a entrare di tutto? È probabile che la vicenda sia destinata a ingrossare gli ormai numerosi fascicoli che compongono l’inchiesta sul Due Palazzi-colabrodo, il cui filone principale è decollato il 7 luglio 2014 con l’arresto degli agenti Pietro Rega e Luca Bellino, finiti in carcere, mentre agli arresti domiciliari furono destinati i colleghi Roberto Di Profio, Paolo Giordano che si suicidò un mese più tardi, Giandonato Laterza e Angelo Raffaele Telesca.

Agenti che, in cambio di droga e soldi, a loro volta procuravano ai detenuti stupefacenti, sim card e cellulari con un occhio di riguardo per alcuni boss della sacra corona unita. Con loro risultano imputati altri 18 detenuti e sette persone tra parenti e amici: per tutti l’udienza preliminare è fissata per il 15 maggio prossimo quando il gup deciderà se mandarli a processo o ammettere a riti alternativi chi lo ha richiesto.

mattinopadova.gelocal.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Aumenti contrattuali e arretrati: per il Sappe sono inaccettabili i ritardi. Se non saranno in busta paga aprile mobilitazione del personale

2 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

3 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

4 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

5 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Per il Garante dei Detenuti se non condividi la riforma, o non l’hai letta o non l’hai capita

8 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

9 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico