Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
G8, Corte Strasburgo: Italia risarcirà con 45mila euro sei vittime di Bolzaneto

Polizia Penitenziaria - G8, Corte Strasburgo: Italia risarcirà con 45mila euro sei vittime di Bolzaneto


Notizia del 21/04/2017 - GENOVA
Letto (1021 volte)
 Stampa questo articolo


Davanti alla Corte Europea dei Diritti Umani di Strasburgo è arrivata la piena ammissione di colpa, sotto forma di risoluzione "amichevole": ammissione in due parti, da un lato il riconoscimento dei diritti fondamentali violati nella Caserma, dall'altro la comprovata inefficacia dell'inchiesta penale.

 

I sei cittadini, italiani e stranieri, avevano fatto ricorso alla Corte europea dei diritti umani. A presentare ricorso sono stati Mauro Alfarano, Alessandra Battista, Marco Bistacchia, Anna De Florio, Gabriella Cinzia Grippaudo e Manuela Tangari. Ma per altre 59 persone, la vicenda resta aperta.

 

45mila euro per danni morali e materiali Con l'accordo, si legge nelle decisioni della Corte, il governo afferma di aver "riconosciuto i casi di maltrattamenti simili a quelli subiti dagli interessati a Bolzaneto, come anche l'assenza di leggi adeguate". Si impegna, quindi, ad "adottare tutte le misure necessarie" a garantire in futuro il rispetto della Convenzione europea dei diritti umani: nello specifico, "l'obbligo di condurre un'indagine efficace" e "l'esistenza di sanzioni penali per punire i maltrattamenti e gli atti di tortura".

 

Antigone: "Subito la legge sulla tortura". Inoltre l'Italia istituirà "corsi di formazione specifici sul rispetto dei diritti umani per gli appartenenti alle forze dell'ordine". "Quella che offre lo Stato è una "cifretta", che non rappresenta certo una soddisfazione morale", commenta l'avvocato Laura Tartarini, che assiste una ventina di persone tra le vittime della scuola Diaz e della caserma di bolzaneto. "Noi, che non dimentichiamo, continueremo a batterci perché sia fatta sino in fondo verità e giustizia e che nell'ordinamento giuridico italiano sia riconosciuto il reato di tortura". "Se poi fossimo un Paese civile - conclude la madre di Carlo Giuliani - avremmo già una legge sulla tortura".

 

Erano invece state confermate le 7 condanne che erano state inflitte dalla Corte d'Appello di Genova il 5 marzo 2010 nei confronti dell'assistente capo di Pubblica sicurezza Luigi Pigozzi (3 anni e 2 mesi) - che divaricò le dita della mano di un detenuto fino a strappargli la carne - degli agenti di Polizia Penitenziaria Marcello Mulas e Michele Colucci Sabia (1 anno) e del medico Sonia Sciandra.

 

cittacorriere

STATISTICHE CARCERI REGIONE LIGURIA
Statistiche carceri Regione Liguria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

4 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

7 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

8 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

9 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

10 Grappa artigianale preparata dai detenuti nel carcere di Bologna


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

8 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

9 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

10 Riordino: perché negare l’evidenza dei benefici?