Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Genova Marassi: a rischio salute e sicurezza

Polizia Penitenziaria - Genova Marassi: a rischio salute e sicurezza


Notizia del 02/07/2015 - GENOVA
Letto (1533 volte)
 Stampa questo articolo


E’ improponibile la presenza, nei penitenziari, dei detenuti con gravi problemi psichiatrici. E’ il SAPPe della Liguria a riproporre le problematiche connesse dalla loro gestione.

La Polizia Penitenziaria che opera all’interno della Casa Circondariale di Genova Marassi -dichiara Michele LORENZO segretario regionale – riscontra quotidianamente gravi criticità, che mettono a rischio la sicurezza non solo propria ma, anche, dei detenuti ospitati nella struttura, per questo- continua il SAPPe,- chiediamo un intervento ed interessamento dell’Amministrazione penitenziaria volto a risolvere la situazione attuale.

E’ aberrante se non disumano constatare che a distanza di pochi giorni dal ricovero del detenuto che, dopo aver superato la soglia dei 90 eventi critici causati, mettendo letteralmente a ferro e fuoco l’istituto e che ha costretto alcuni poliziotti penitenziari a ricorrere alle cure mediche, si paventa la possibilità di un suo prossimo rientro nella struttura. Si precisa, infatti ed a tal proposito, che dopo l’ultimo incendio appiccato e la devastazione della camera detentiva, si rese necessario il ricovero ospedaliero dello stesso detenuto. Questi ha creato scompiglio anche nel reparto ospedaliero riuscendo ad ingoiare un moschettone di ferro adoperato per contenzionarlo. Immediato l’intervento chirurgico per rimuovere l’oggetto. L’intervento avrebbe rilevato, all’interno dello stomaco, altri oggetti “estranei” come un bullone.

Il SAPPe dichiara che la condizione lavorativa negli istituti liguri appare tristemente drammatica e desta preoccupazione per la gestione di individui che denotano problemi psichiatrici e che, quindi, non dovrebbero essere trattati in strutture detentive ordinarie, ma, bensì, in reparti psichiatrici attrezzati.

In conclusione il SAPPe si appella al rispetto della norma chiedendo, tra l’altro, l’applicazione della Legge n. 354/1975 al suo articolo 11 nella parte in cui recita che “nel caso di sospetto di malattia psichica sono adottati senza indugio i provvedimenti del caso col rispetto delle norme concernenti l’assistenza psichiatrica e la sanità mentale”. E non comprendiamo il silenzio di Enti o associazioni a sostegno dei detenuti, così come non è chiara la posizione dei politici sul sistema sicurezza ed incolumità del poliziotto penitenziario.

 

Fonte:genova24.it

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LIGURIA
Statistiche carceri Regione Liguria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”