Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Gestivano poker all’’interno del carcere: condannati due detenuti del carcere di Ferrara

Polizia Penitenziaria - Gestivano poker all’’interno del carcere: condannati due detenuti del carcere di Ferrara


Notizia del 03/04/2015 - FERRARA
Letto (1727 volte)
 Stampa questo articolo


Due detenuti del carcere ferrarese dell'Arginone, sono stati condannati per estorsione e tentata estorsione dopo che la Polizia Penitenziaria hascoperto un giro di poker e azzardo nella casa circondariale che aveva innescato questo pericoloso circolo di pagamenti e aggressioni. 

I fatti risalgono alla primavera di tre anni fa, come riporta la Nuova Ferrara, quando un detenuto aggredito nella lavanderia dell’Arginone venne soccorso da altri carcerati.

Un episodio che aveva fatto emergere una vicenda di gioco d’azzardo all’interno della casa circondariale, dove chi perdeva o non rispettava le regole (a ben vedere inventate) doveva pagare facendo la spesa ai “creditori” o addirittura accreditare denaro sul loro conto corrente. Di questo sono stati riconosciuti colpevoli ieri due ex detenuti dell’Arginone: Salvatore Raimondi è stato condannato a 3 anni e mezzo per estorsione e tentata estorsione, mentre a Giovanni Marino i giudici hanno riconosciuto la sola tentata estorsione e stabilito una condanna di 3 anni e 4 mesi.

Due infatti gli episodi al centro del processo, emersi tra mille tentennamenti, timori e difficoltà: la vittima non si è costituita parte civile e non ha mai sporto denuncia: le indagini per estorsione vennero avviate d’ufficio dopo l’aggressione e le prime ammissioni di fronte alla Polizia Penitenziaria.

Nel primo caso, avvenuto in cella, Raimondi avrebbe messo le mani attorno al collo della vittima per indurlo a saldare un debito di 600 euro accumulato nei confronti di ciascuno di loro (un terzo detenuto, albanese, era stato poi prosciolto). La vittima si era allora rivolto alla figlia, chiedendole di accreditare 250 euro sul conto di Raimondi, ed era stato poi visto portare la spesa a Marino: prodotti alimentari e di consumo del valore di una quindicina di euro. Nel secondo caso invece l’estorsione era stata solo tentata, perché l’aggressione nella lavanderia era stata interrotta dalle guardie penitenziarie. Riscontri raccolti con fatica dagli inquirenti, in un clima di omertà e sequenze di “non ricordo”. Come la deposizione, ieri, dell’ex compagno di cella della vittima che, trincerandosi dietro l’età avanzata e la cattiva memoria, ha ribattuto «non so niente, non mi ricordo niente» a ogni domanda del pm. I fatti però per i giudici erano fin troppo chiari, e per gli imputati sono arrivate le condanne.

poker.gioconews.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

3 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

4 La foto del Detenuto Evaso dall''Ospedale di Sanremo. Intanto il Sappe chiede le dimissioni del direttore

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”