Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Gestivano poker all’’interno del carcere: condannati due detenuti del carcere di Ferrara

Polizia Penitenziaria - Gestivano poker all’’interno del carcere: condannati due detenuti del carcere di Ferrara


Notizia del 03/04/2015 - FERRARA
Letto (1691 volte)
 Stampa questo articolo


Due detenuti del carcere ferrarese dell'Arginone, sono stati condannati per estorsione e tentata estorsione dopo che la Polizia Penitenziaria hascoperto un giro di poker e azzardo nella casa circondariale che aveva innescato questo pericoloso circolo di pagamenti e aggressioni. 

I fatti risalgono alla primavera di tre anni fa, come riporta la Nuova Ferrara, quando un detenuto aggredito nella lavanderia dell’Arginone venne soccorso da altri carcerati.

Un episodio che aveva fatto emergere una vicenda di gioco d’azzardo all’interno della casa circondariale, dove chi perdeva o non rispettava le regole (a ben vedere inventate) doveva pagare facendo la spesa ai “creditori” o addirittura accreditare denaro sul loro conto corrente. Di questo sono stati riconosciuti colpevoli ieri due ex detenuti dell’Arginone: Salvatore Raimondi è stato condannato a 3 anni e mezzo per estorsione e tentata estorsione, mentre a Giovanni Marino i giudici hanno riconosciuto la sola tentata estorsione e stabilito una condanna di 3 anni e 4 mesi.

Due infatti gli episodi al centro del processo, emersi tra mille tentennamenti, timori e difficoltà: la vittima non si è costituita parte civile e non ha mai sporto denuncia: le indagini per estorsione vennero avviate d’ufficio dopo l’aggressione e le prime ammissioni di fronte alla Polizia Penitenziaria.

Nel primo caso, avvenuto in cella, Raimondi avrebbe messo le mani attorno al collo della vittima per indurlo a saldare un debito di 600 euro accumulato nei confronti di ciascuno di loro (un terzo detenuto, albanese, era stato poi prosciolto). La vittima si era allora rivolto alla figlia, chiedendole di accreditare 250 euro sul conto di Raimondi, ed era stato poi visto portare la spesa a Marino: prodotti alimentari e di consumo del valore di una quindicina di euro. Nel secondo caso invece l’estorsione era stata solo tentata, perché l’aggressione nella lavanderia era stata interrotta dalle guardie penitenziarie. Riscontri raccolti con fatica dagli inquirenti, in un clima di omertà e sequenze di “non ricordo”. Come la deposizione, ieri, dell’ex compagno di cella della vittima che, trincerandosi dietro l’età avanzata e la cattiva memoria, ha ribattuto «non so niente, non mi ricordo niente» a ogni domanda del pm. I fatti però per i giudici erano fin troppo chiari, e per gli imputati sono arrivate le condanne.

poker.gioconews.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

2 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

3 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

4 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

5 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

6 Erika Stefani, Lega: basta svuota carceri, da Gentiloni ennesimo regalo ai criminali

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

9 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative

10 Sfiorata la sommossa nel carcere di Larino


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Transito a ruolo civile. Č legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

3 Gruppo Operativo Mobile: Perché? Perché? Perché? Perché?

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Ma chi siamo?

6 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

7 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia