Aprile 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2017  
  Archivio riviste    
Giovanni Tamburino sempre più ostinato: "la sorveglianza dinamica funziona"

Polizia Penitenziaria - Giovanni Tamburino sempre più ostinato:


Notizia del 19/09/2013 - ROMA
Letto (3400 volte)
 Stampa questo articolo


La vigilanza dinamica funziona. E da questo nuovo modello di "regime aperto" per concepire la sicurezza nelle carceri, non si torna indietro. "Abbiamo aperto le celle fino a 8 ore in molte case di reclusione, almeno una in ogni regione.
Stiamo smuovendo un iceberg", dice il capo del Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria, Giovanni Tamburino.

Prevista da una circolare del Dap, che prevede una sorta di carcere a "regime apertO" che, per i detenuti a media e bassa pericolosità, potenzi gli spazi dedicati a lavoro, sport, attività ricreative e culturali, la vigilanza dinamica punta sull'aspetto riabilitativo della pena. "È nostra convinzione procedere in questa direzione - assicura Tamburino - coerentemente con la linea tracciata dal Guardasigilli, Annamaria Cancellieri.

Lo faremo sempre con la prudenza e l'attenzione necessaria ma anche con grande determinazione. Questo è il modo giusto per far avanzare l'Amministrazione penitenziaria, che deve gestire situazioni delicate come quella del sovraffollamento".

"Il ministero della Giustizia e il Dipartimento è operativo al massimo - prosegue il capo del Dap - perché ci sia una risposta pronta e completa alle richieste dell'Europa. Siamo convinti che per la fine di maggio riusciremo a farcela".

Nella Circolare del 18 luglio scorso firmata da Tamburino ("Linee guida sulla sorveglianza dinamica"), si sottolinea che si è immaginato "un sistema più efficace per assicurare l'ordine all'interno degli istituti, senza ostacolare le attività trattamentali".

Il modello di sorveglianza dinamica, rimarca la Circolare, "fonda i suoi presupposti su di un sistema che fa della conoscenza del detenuto il fulcro su cui deve poggiare qualsiasi tipo di intervento trattamentale o securitario adeguato".

Il "primo passaggio" nella realizzazione delle condizioni che consentono la sorveglianza dinamica "consiste nella differenziazione degli istituti, per graduare in relazione alla tipologia giuridica e, prima ancora, al livello di concreta pericolosità dei soggetti".

Le conoscenze sui detenuti, però, "risulterebbero fortemente limitate ove il perimetro della loro vita rimanesse confinato nei pochi metri quadri della cella o del corridoio così come avviene in troppi istituti". "Occorre, quindi, realizzare una diversa gestione e utilizzazione degli spazi all'interno degli istituti -è scritto ancora nella Circolare del Dap - distinguendo tra la cella -destinata, di regola, al solo pernottamento - e luoghi dove vanno concentrate le principali attività trattamentali (scuola, formazione, lavoro, tempo libero) e i servizi (cortili passeggio, alimentazione, colloqui con gli operatori), così creando le condizioni perché il detenuto sia impegnato a trascorrere fuori dalla cella la maggior parte della giornata".

"Correlativo a questa diversa collocazione - si legge ancora nella Circolare - è l'intervento degli operatori appartenenti ad altre professionalità, o anche dei volontari, all'interno dei suddetti spazi. I vantaggi di un regime penitenziario così configurato -conclude il documento inviato ai Provveditori regionali- se appaiono di immediata evidenza per la popolazione detenuta, non sono da meno per la prevenzione degli eventi critici e per il miglioramento dei compiti affidati alla Polizia Penitenziaria".

Adnkronos

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Arresti centro migranti di Capo Rizzuto: Poliziotto penitenziario consegnava pizzini agli ''ndranghetisti del carcere di Siano

2 Antonio Fullone nominato ufficialmente Direttore Generale: lascia la direzione del carcere di Poggioreale

3 Indagato l''ex direttore del carcere di Padova: sotto indagine il declassamento dall''alta sicurezza di 12 detenuti

4 Poggioreale, hashish nascosto nelle suole delle scarpe. Polizia Penitenziaria denuncia cinque persone

5 Vacilla il Carcere modello di Bollate, detenuto con chiavi usb e coltelli. Il Direttore minimizza

6 Braccialetti elettronici: bando di gara per il noleggio di 12 apparecchi per i detenuti ai domiciliari

7 Ristrutturazioni in corso nel carcere di Cuneo per ospitare di nuovo detenuti al 41-bis

8 Ivrea. Si finse morto in cella, poi sputi e insulti alla Polizia Penitenziaria.Detenuto condannato a 5 mesi

9 Funzionario PRAP Sicilia condannato a tre anni di reclusione: turbativa d''asta per i lavori nel carcere dell''Ucciardone

10 Indagini nel carcere di Padova: la redazione di Ristretti Orizzonti e le parole di Calogero Piscitello


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva definitivamente il Riordino delle Carriere

2 Quanto fa guadagnare il servizio di polizia stradale della Polizia Penitenziaria al Ministero della Giustizia?

3 Vigilanza dinamica e affettività in carcere diventano legge

4 Riordino carriere: le commissioni parlamentari auspicano che il ruolo funzionari sia pienamente corrispondente alla Polizia di Stato

5 Skype per i mafiosi al 41-bis: arrivano puntuali le smentite, ma per i mafiosi in alta sicurezza come la mettiamo?

6 Rems, se qualcuno avesse raccolto i nostri allarmi ...

7 Carceri e sanità, intesa del Sappe con i medici aderenti allo SMI

8 Qualcuno crede che Facebook sia come lo Speaker’s Corner di Hyde Park

9 L’Ordinamento Penitenziario minorile: le inerzie del legislatore