Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Giustizia: "ha mentito sul caso Cucchi", a Roma un carabiniere sotto inchiesta

Polizia Penitenziaria - Giustizia:


Notizia del 11/09/2015 - ROMA
Letto (1193 volte)
 Stampa questo articolo


Corriere della Sera, 10 settembre 2015

Al vaglio la posizione di altri due militari per le botte al ragazzo. La deposizione del maresciallo Roberto Mandolini in conflitto con i fatti accertati dal pm.

Tre carabinieri sono sotto inchiesta per la morte di Stefano Cucchi. Uno di loro, l'ex vicecomandante della stazione di Tor Sapienza dove il ragazzo fu portato la notte dell'arresto (il 15 ottobre 2009), è indagato per falsa testimonianza.

Si tratta del maresciallo Roberto Mandolini la cui deposizione al processo d'appello contro medici e agenti della Polizia Penitenziaria è risultata in conflitto con i fatti accertati dai pm. Gli approfondimenti riguardano anche altri due militari: Alessio Di Bernardo e Raffaele D'Alessandro. Nei loro confronti non è stata ancora formalizzata una contestazione, ma rischiano l'iscrizione al registro degli indagati per lesioni colpose: le percosse inflitte al ragazzo.

Secondo i risultati del processo, Cucchi sarebbe stato malmenato più volte dal momento dell'arresto fino alla detenzione in carcere, passando per le mani degli agenti di custodia. Ma per la prima volta sarebbero coinvolti anche i carabinieri. La prima inchiesta - criticata pesantemente dal difensore della famiglia Fabio Anselmo - non aveva portato a risultati significativi su questo fronte, individuando invece responsabilità della penitenziaria e dei medici del Pertini che ebbero in custodia Cucchi durante la detenzione.

Ora queste sono le prime novità dell'inchiesta bis della Procura di Roma. Dopo l'assoluzione in corte d'appello di medici e agenti della penitenziaria la Procura si è mossa, sollecitata in parallelo da un nuovo esposto della famiglia Cucchi e dalle indicazioni sulla falsa testimonianza di Mandolini fornite dal presidente della Corte d'appello. Il vice comandante di Tor Sapienza, caduto in contraddizione sulla propria partecipazione alle perquisizioni domiciliari eseguite nei confronti di Cucchi, ha spiegato senza convincere le ragioni del mancato foto-segnalamento. Ora il pubblico ministero Giovanni Musarò, al quale è affidata l'inchiesta bis, dovrà accertare anche eventuali omissioni dei militari.

A quanto pare Di Bernardo e D'Alessandro quella notte avrebbero operato in borghese, come Cucchi avrebbe confidato a un altro detenuto di Regina Coeli. C'è però un mistero: né Di Bernardo né D'Alessandro risultano ufficialmente fra chi eseguì l'arresto di quella notte. E allora, come e perché lo avvicinarono? E perché mai, successivamente, non fu fatto il foto-segnalamento presso il comando provinciale dai carabinieri di Roma, come prevede la procedura?

La spiegazione offerta in aula da Mandolini è stata la seguente: "Il signor Cucchi mi disse che non gradiva sporcarsi con l'inchiostro per gli accertamenti dattiloscopici (impronte, ndr) e foto-segnaletici. Dopo questa sua richiesta non ho ritenuto necessario farlo, visto che era una persona tossicodipendente, non l'ho voluto sforzare a fargli questa identificazione e non gli feci fare questi rilievi". Da questo passaggio, ora, bisognerà risalire per accertare la verità.

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

7 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

8 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Gratteri, Ardita, Stati Generali... fino ad oggi sono state ignorate tutte le proposte di riforma della Polizia Penitenziaria ...il 2018 sarà l’anno buono?

3 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

7 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia