Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Gli imam scelti da Orlando per entrare in carcere a predicare sono poco affidabili?

Polizia Penitenziaria - Gli imam scelti da Orlando per entrare in carcere a predicare sono poco affidabili?


Notizia del 05/08/2016 - ROMA
Letto (1497 volte)
 Stampa questo articolo


Il ministro della Giustizia Andrea Orlando grida «al lupo», ma dimentica che i primi a spalancar le porte alla bestia sono i suoi uomini.

Nell'intervista di giovedì al Corriere della Sera - in cui denuncia la presenza nelle carceri di 345 detenuti islamici radicalizzati che inneggiano allo Stato Islamico - il ministro si guarda bene dal ricordare che dentro le stesse prigioni operano, grazie ad una convenzione stretta dal suo ministero, gli imam dell'Ucoii, ovvero quell'«Unione delle Comunità Islamiche Italiane» considerata intimamente connessa alla Fratellanza Musulmana.

Tutto inizia lo scorso novembre quando, in concomitanza con le stragi di Parigi, il Capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria Santi Consolo firma un protocollo d'intesa con l'Ucoii. Grazie a quel protocollo gli imam scelti dall'associazione ottengono il libero accesso a otto carceri. A Torino, Milano, Brescia, Verona, Modena, Cremona e Firenze i predicatori con il tesserino dell'Ucoii diventano i «gestori» della sala utilizzata come luogo di culto dai detenuti musulmani ed i responsabili di quelli che il protocollo definisce «momenti collettivi di preghiera».

Ma non solo. L'intesa - come sottolinea lo stesso Ucoii - va ben più in là perché punta a «promuovere azioni mirate all'integrazione culturale avvalendosi dei mediatori indicati dall'Ucoii anche attraverso la stipula di convenzioni con Università ed Enti che cureranno la formazione dei volontari cui è data la possibilità di accedere con continuità negli istituti penitenziari».

Grazie a quell'accordo l'Ucoii monopolizza, insomma, la gestione degli oltre seimila detenuti musulmani presenti nelle nostre carceri e si ritrova nella condizione di plasmarli e indirizzarli. Per capire quali siano i rischi connessi a quest'operazione bastano i recentissimi elogi indirizzati al presidente turco Recep Tayyp Erdogan da Hamza Piccardo, fondatore e uomo di punta dell'Ucoii. «Quel che conta afferma Piccardo - è che a quasi 100 anni da Ataturk la Turchia torna ad essere una grande nazione musulmana di fatto e di diritto. Allah protegga nostro fratello Recep Tayyip Erdoan e tutto il popolo turco».

Posizioni perlomeno discutibili, ma che diventerebbero pericolosissime se ripetute, diffuse e propagandate davanti ai detenuti di fede musulmana dai predicatori dell'Ucoii. Il rischio, detto in soldoni, è che gli imam - fatti entrare nelle nostre carceri per prevenire la radicalizzazione - svolgano una funzione esattamente opposta trasformandosi nei catalizzatori stessi del ben noto processo contribuendo a trasformare i piccoli criminali in terroristi provetti.

Un disguido tecnico, chiamiamolo così, già sperimentato in Francia dove gli imam, fatti entrare nelle prigioni già negli anni 90, hanno finito con il svolgere proprio la deleteria funzione di istigatori del fanatismo islamista. A rendere il tutto più inquietante s'aggiungono le recenti prese di posizione di Maryan Ismail, l'esponente somala e musulmana fuoriuscita da un Pd milanese accusato d'intrattenere rapporti troppo stretti con varie organizzazioni, tra cui l'Ucoii, legate all'Islam radicale. «Un Islam - spiega la Islamil - dove politica e religione sono profondamente intrecciate, identificabile in quel wahabismo della Fratellanza Islamica promosso da varie sigle nazionali e territoriali come Ucoii e la milanese Caim».

Per capire cosa intenda Maryan Ismail basterà ricordare che l'ideologia dei Fratelli Musulmani, a cui aderiscono tanti dirigenti e militanti dell'Ucoii, è la stessa di Hamas e punta ad estendere il ruolo guida della «sharia» (la legge del Corano) a tutti i campi dell'attività umana dalla gestione dello stato a quella della famiglia e dei rapporti sociali. A prima vista non sembrerebbe la ricetta migliore per prevenire la radicalizzazione, ma evidentemente al ministero di Giustizia non devono averci fatto troppo caso.

ilgiornale.it

In Francia linea dura con gli imam integralisti: in Italia accordo del DAP con associazione vicina a Fratellanza Musulmana

 

DAP stipula protocollo di intesa con Unione Comunità Islamiche di Italia

 

DAP stipula accordo per le preghiere islamiche in carcere, ma gli Imam predicano in arabo e siamo punto e a capo

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Bambino di 5 anni muore in piscina: il papà è un Agente della Polizia Penitenziaria

2 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

3 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

4 Agente di Polizia Penitenziaria e arbitro per i detenuti AS: nuovo posto di servizio nel carcere di Terni

5 Detenuti protestano in nome di Allah: frattura al braccio per un Agente e altri Poliziotti penitenziari feriti nel carcere di Verona

6 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

7 Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

8 Matrimonio tra Poliziotta penitenziaria e detenuto: lei lo aiutò ad evadere dal carcere svizzero

9 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

10 Nostro fratello Mormile ucciso dall''accordo tra DAP e servizi segreti: testimone di colloqui tra Stato e boss mafiosi nel carcere di Parma


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Perché tanta attenzione all’USPEV e nessuna considerazione per NIC e GOM?

2 Adesso che è legge il reato di "tortura" sicuramente abbiamo risolto il problema ... quindi se facciamo una legge contro l''imbecillità la debelliamo dal Paese?

3 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

4 E facciamola ‘sta benedetta unificazione delle forze di polizia …

5 Riordino delle carriere: le tabelle e tutto quello che c’è da sapere

6 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

7 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

8 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

9 Lettera aperta di Capece a Rita Bernardini

10 Gli attacchi di certa stampa al Sappe. Chi non riesce a contraddire il ragionamento aggredisce il ragionatore …