Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Gratteri, Gabrielli, Sabella e Ardita con gli studenti di Roma per la Giornata della Legalità nella Scuola della Polizia Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Gratteri, Gabrielli, Sabella e Ardita con gli studenti di Roma per la Giornata della Legalità nella Scuola della Polizia Penitenziaria


Notizia del 16/09/2015 - ROMA
Letto (1878 volte)
 Stampa questo articolo


‘Contro la mafia già da ragazzi’ è il grande striscione sorretto da un decina dei 500 ragazzi delle scuole medie romane, presenti alla giornata della Legalità celebrata nella scuola di Polizia Penitenziaria a Roma.

Centinaia di studenti, da un palco allestito accanto alla teca che conserva quel che rimane della Fiat Croma dove morì Giovanni Falcone, hanno ascoltato le testimonianze dell’assessore capitolino alla Legalità, Alfonso Sabella, del prefetto di Roma, Franco Gabrielli, del procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri e di quello di Messina, Sebastiano Ardita, intervenuti in un dibattito moderato dal giornalista Sandro Ruotolo.

Incontro per la legalità con gli studenti di Roma presso la Scuola di Via di Brava

Sabella si è rivolto ai giovani studenti parlando di mafie di oggi e mafie di ieri, di Cosa Nostra delle stragi e della mafia infiltrata nel tessuto economico della società e nella ‘legalità’. Quindi di Mafia Capitale e delle differenti organizzazioni criminali presenti a Roma, “una città non mafiosa, ma dove c’è la mafia”.

I ragazzi dal canto loro hanno ripercorso gli eventi più significativi degli ultimi decenni. Stragi e omicidi che hanno cambiato il volto del Paese. Tra questi: gli attentati a causa dei quali persero la vita Rocco Chinnici, Cesare Terranova, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e il giornalista radiofonico Peppino Impastato, da cui prende spunto anche il lungometraggio di Marco Tullio Giordana, ‘I cento passi’. E proprio sull’omonima canzone dei Modena City Ramblers un gruppo di studentesse della scuola media Renato Villoresi ha messo in scena una coreografia davanti ai presenti.

“Ho condiviso questo progetto perche non dobbiamo dimenticare l’orrore– ha detto Sabella- La memoria, la cultura e la conoscenza sono alla base del lavoro che vogliamo fare in questo paese e questo incontro è fondamentale per i ragazzi, che non sono il futuro ma il presente del Paese. Impareranno il modo di approccio alla cultura e a tenere sempre la barra dritta verso il rispetto delle regole e la legge. Dove c’è cultura non c’è mafia, dove c’è conoscenza non c’è criminalità”.

dire.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

2 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

3 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

4 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

9 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto

10 Agente penitenziario arrestato per intralcio alla giustizia e falso nel carcere di Milano San Vittore Francesco Di Cataldo


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

2 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

3 Congedo programmato e malattia

4 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

5 Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

6 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

7 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

8 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

9 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

10 I richiami e le ipocrisie dell’Europa sulle carceri italiane