Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Gratteri, Gabrielli, Sabella e Ardita con gli studenti di Roma per la Giornata della Legalità nella Scuola della Polizia Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Gratteri, Gabrielli, Sabella e Ardita con gli studenti di Roma per la Giornata della Legalità nella Scuola della Polizia Penitenziaria


Notizia del 16/09/2015 - ROMA
Letto (2025 volte)
 Stampa questo articolo


‘Contro la mafia già da ragazzi’ è il grande striscione sorretto da un decina dei 500 ragazzi delle scuole medie romane, presenti alla giornata della Legalità celebrata nella scuola di Polizia Penitenziaria a Roma.

Centinaia di studenti, da un palco allestito accanto alla teca che conserva quel che rimane della Fiat Croma dove morì Giovanni Falcone, hanno ascoltato le testimonianze dell’assessore capitolino alla Legalità, Alfonso Sabella, del prefetto di Roma, Franco Gabrielli, del procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri e di quello di Messina, Sebastiano Ardita, intervenuti in un dibattito moderato dal giornalista Sandro Ruotolo.

Incontro per la legalità con gli studenti di Roma presso la Scuola di Via di Brava

Sabella si è rivolto ai giovani studenti parlando di mafie di oggi e mafie di ieri, di Cosa Nostra delle stragi e della mafia infiltrata nel tessuto economico della società e nella ‘legalità’. Quindi di Mafia Capitale e delle differenti organizzazioni criminali presenti a Roma, “una città non mafiosa, ma dove c’è la mafia”.

I ragazzi dal canto loro hanno ripercorso gli eventi più significativi degli ultimi decenni. Stragi e omicidi che hanno cambiato il volto del Paese. Tra questi: gli attentati a causa dei quali persero la vita Rocco Chinnici, Cesare Terranova, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e il giornalista radiofonico Peppino Impastato, da cui prende spunto anche il lungometraggio di Marco Tullio Giordana, ‘I cento passi’. E proprio sull’omonima canzone dei Modena City Ramblers un gruppo di studentesse della scuola media Renato Villoresi ha messo in scena una coreografia davanti ai presenti.

“Ho condiviso questo progetto perche non dobbiamo dimenticare l’orrore– ha detto Sabella- La memoria, la cultura e la conoscenza sono alla base del lavoro che vogliamo fare in questo paese e questo incontro è fondamentale per i ragazzi, che non sono il futuro ma il presente del Paese. Impareranno il modo di approccio alla cultura e a tenere sempre la barra dritta verso il rispetto delle regole e la legge. Dove c’è cultura non c’è mafia, dove c’è conoscenza non c’è criminalità”.

dire.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore