Novembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2017  
  Archivio riviste    
Grave aggressione a un medico nel carcere di Ascoli Piceno

Polizia Penitenziaria - Grave aggressione a un medico nel carcere di Ascoli Piceno


Notizia del 21/07/2014 - ASCOLI PICENO
Letto (3239 volte)
 Stampa questo articolo


Le conseguenze sarebbero potute essere molto più gravi se non ci fosse stato il pronto intervento di due guardie carcerarie che sentite le richieste di aiuto del dottor Giovanni Trobbiani, non avessero fermato l’aggressione da parte di un pericoloso camorrista che il medico stava visitando.
"Lo SMI dice basta, così non si può andare avanti - afferma Fabiola Fini segretario organizzativo SMI Marche e Responsabile Nazionale Emergenza Sanitaria Territoriale - la politica dei tagli operata in questi mesi dal Ministero di Giustizia, dalle Regioni (e nelle Marche) e dall’ASUR, si sta traducendo in un pericoloso abbassamento dei livelli di sicurezza dei medici che operano nei nostri ospedali e sul territorio".
La presa di posizione dello SMI prosegue: ""Non è un caso di violenza isolato nel carcere - continua Fini - un mese fa un altro episodio analogo era avvenuto, sempre ad opera di un recluso in regime di 41 bis. L'aggressione è stata possibile perché mentre nei mesi precedenti di fronte allo stesso detenuto erano sempre presenti più di 4 agenti di Polizia Penitenziaria e un graduato a tutelare il lavoro degli operatori sanitari, adesso a causa di una politica di tagli, risultano operanti un numero inferiore di soli assistenti di Polizia Penitenziaria. L'Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia deve intervenire per i seguenti motivi: 1) I detenuti che hanno aggredito i medici sono detenuti sottoposti a regime speciale di cui all'art. 41 bis dell'Ordinamento Penitenziario, ossia quelli del cosidetto carcere duro, i boss mafiosi e camorristi; 2) c'è un pericoloso abbassamento dei livelli di sicurezza, a scapito del personale sanitario; 3) evitare il ripetersi di ulteriori aggressioni ai danni dei medici. Medici che hanno fatto una scelta di vita coraggiosa, nel venire a lavorare in carcere tra mille difficoltà e rischi di ogni genere. Il Ministero di Giustizia, ma anche la Regione Marche e l’ASUR , come tutte le regioni italiane, non possono continuare a lasciare i medici da soli in balia dei violenti".+
"Lo SMI - conclude Fabiola Fini - chiede maggiore tutela e sicurezza per i medici ospedalieri e del territorio. e sta considerando l’ipotesi di costituirsi parte civile nei confronti del Ministero di Giustizia, della Regione Marche e dell’ASUR per i danni subiti in conseguenza alle aggressioni.
Lo SMI farà di tutto affinchè il lavoro dei medici sia tutelato e sicuro, schierandosi al fianco dei sanitari più esposti, i medici di pronto soccorso, della medicina penitenziaria, della Continuità Assistenziale , del 118 che ogni giorno operano sul nostro territorio a difesa della salute di tutti, ma che non possono diventare 'carne da macello' a causa di una politica di austerita' scellerata, che si traduce in maggior rischio per l'incolumità dei professionisti".

informazionetv 

STATISTICHE CARCERI REGIONE MARCHE
Statistiche carceri Regione Marche







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Incidente stradale a Sassari, muore Agente di Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere di Bancali

2 Detenuto infilza due Poliziotti penitenziari con un tubo divelto dal bagno: colpiti alla schiena e al braccio

3 Si costituisce nel carcere di Bollate, Giuseppe Morabito: era ricercato per traffico internazionale di droga

4 Collaboratore di giustizia rivela: in carcere ho scalato la gerarchia della ''ndrangheta e sono diventato padrino

5 E'' deceduto il detenuto ferito con cinque colpi di pistola all''uscita del carcere di Secondigliano

6 Riforma Madia, drastico taglio del personale di Polizia Penitenziaria in Lombardia

7 Trovati due telefoni cellulari nel carcere di Milano Bollate

8 Detenuti o in misura alternativa al lavoro nei Tribunali. Sappe: non sarebbe meglio impiegarli in altri lavori?

9 Arrestata la moglie di Salvino Madonia: teneva i contatti con i 41-bis per riorganizzare cosa nostra

10 Scuola superiore dell''amministrazione penitenziaria di Roma intitolata alla memoria di Piersanti Mattarella


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Assistente Capo della Polizia Penitenziaria si è suicidato con la pistola d''ordinanza nel carcere di Tolmezzo

2 L''unica speranza del Corpo: l''unificazione con la Polizia di Stato

3 Finalmente il DAP ammette la propria inettitudine. " ... siamo sterili, fini a noi stessi e senza obiettivi.”

4 Gianfranco De Gesu e Anna Internicola, marito e moglie ai vertici del Provveditorato Sicilia: interrogazione parlamentare Onorevole Polverini

5 Polizia Penitenziaria arresta islamico in carcere il giorno della sua scarcerazione: algerino istigava altri detenuti al jihad nel penitenziario di Nuoro

6 Istituire un Dipartimento Esecuzione Penale e, se serve, diventare Polizia di Stato

7 Ho visto cose che voi umani …

8 Decreto Legislativo n.81/2008: Priorità all''ordine e alla disciplina ma senza tralasciare la sicurezza del posto di lavoro

9 Chi non riesce a contraddire il ragionamento, aggredisce il ragionatore

10 Evasioni, organico Polizia Penitenziaria, braccialetti elettronici, infiltrazioni mafiose in carcere: interrogazione parlamentare M5S