Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Ha gettato suo figlio di 16 mesi nel Tevere, ora è sorvegliato a vista a Regina Coeli

Notizia del 08/02/2012 - ROMA

Ha gettato suo figlio di 16 mesi nel Tevere, ora è sorvegliato a vista a Regina Coeli

letto 1588 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Solo pochi giorni fa la tragedia: il 4 febbraio Patrizio Franceschelli getta suo figlio nel Tevere da Ponte Mazzini e, dopo un inseguimento sul Lungotevere viene arrestato. Quindi la confessione: "Sono stato io".

Il bambino invece non è mai stato ritrovato e le ricerche sembrano fermarsi perché trovare un bimbo così piccolo, di soli 16 mesi, in un Fiume come il Tevere dopo 5 giorni è improbabile.

Intanto Franceschelli ha parlato con il Gip al quale ha dichiarato: "Non riesco a darmi pace per quanto accaduto. Lo amo più di qualsiasi cosa al mondo." E' durato circa quaranta minuti, a Regina Coeli, l'interrogatorio di garanzia al termine del quale il gip Riccardo Amoroso ha convalidato il fermo, emettendo contestualmente un provvedimento di custodia cautelare in carcere per l'accusa di omicidio volontario aggravato dal rapporto di parentela.

Il giudice ha, inoltre, disposto che Franceschelli venga sorvegliato a vista perché si teme che possa compiere atti di autolesionismo, così come ha confermato il suo legale, l'avvocato Andrea Gatto, al termine dell'interrogatorio. Il disoccupato di 26 anni ha ammesso le sue responsabilità, non riuscendo però a spiegare il motivi del suo gesto. "Non si dà pace per quanto successo - ha detto l'avvocato Gatto - Ha ammesso di averlo fatto.
 
E' un qualcosa che va al di là di un discorso di degrado sociale. E' consapevole che non potrà vedere mai più suo figlio che sostiene di amare più di qualsiasi cosa al mondo". Non è escluso che la difesa di Franceschelli chieda che l'uomo sia sottoposto ad una perizia psichiatrica.
 
Ansa

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

7 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

6 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

9 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia