Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Ha ucciso a bastonate un Carabiniere, dopo un anno esce dal carcere!

Polizia Penitenziaria - Ha ucciso a bastonate un Carabiniere, dopo un anno esce dal carcere!


Notizia del 10/09/2012 - GROSSETO
Letto (2642 volte)
 Stampa questo articolo


Matteo Gorelli, il 20enne accusato di omicidio per aver aggredito a bastonate il carabiniere Antonio Santarelli, morto lo scorso maggio dopo un anno di coma, verrà scarcerato e affidato alla comunità Exodus di don Mazzi.

La famiglia, appresa la notizia, non è riuscita a trattenere la rabbia: "Credo solo che per quanto ne so io - ha detto la vedova del carabiniere al quotidiano "Il Tirreno"- la giustizia in Italia quando ha a che fare con un giovane come Matteo punti al recupero. Io questo riesco anche a capirlo, ma continuo a domandarmi chi pensi ad Antonio". Il 25 aprile dello scorso anno Gorelli aveva aggredito due carabinieri a un posto di blocco nei pressi di Sorano, nel Grossetano.

Il giovane si stava recando a un rave party con tre amici a bordo di una Renault Clio. Fermato al posto di blocco dai carabinieri Antonio Santarelli e Domenico Marino, con l'aiuto degli amici aveva colpito a bastonate i due militari. Ad avere la peggio era stato l'appuntato Santarelli, morto l'11 maggio scorso dopo un anno in una clinica per il risveglio. Il gip ha concesso a Gorelli di lasciare il carcere di Grosseto, dove è rinchiuso dal giorno dell'aggressione, per essere trasferito nella comunità lombarda Exodus di don Mazzi. Il 20enne deve rispondere di omicidio volontario e tentato omicidio. Gorelli, infatti, era l'unico maggiorenne a bordo della Clio fermata dai due militari per un controllo.

Claudia Francardi, vedova di Santarelli, ha appreso dal suo avvocato la notizia dell'imminente scarcerazione del ragazzo e del suo affidamento alla comunità di don Mazzi. "Speravo che lo mandassero a fare servizio in una clinica come quella dove è stato mio marito per un anno - ha affermato la donna - per vedere con i suoi occhi quello che aveva fatto". I parenti di Antonio, quando hanno saputo dell'imminente scarcerazione di Gorelli, non sono riusciti a trattenere la rabbia e la vedova, nonostante la forte fede, non riesce a perdonare.

"Dopo il processo e dopo la condanna - ha detto - mi auguro che Matteo rientri in carcere. La notizia della sua imminente uscita è stata un fulmine a ciel sereno. Mi auguro solo che la comunità serva a quel ragazzo, a capire il valore della vita. L'ha fatta davvero grossa".

Tgcom

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

6 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario