Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Hascisc destinato ai detenuti, presi.

Notizia del 22/09/2011 - BARI

Hascisc destinato ai detenuti, presi.

letto 2189 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Ha portato a due arresti e a due denunce l’operazione antidroga messa a segno nella tarda serata di martedì scorso dagli agenti della polizia penitenziaria di Brindisi: in carcere ci sono finiti due pusher brindisini, Vito Ruggero Simone di 21 anni e Luca Ciampi di 24. Sono accusati di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, avevano addosso 50 grammi di hashish. I denunciati, invece, sono due ragazzi di Pezze di Greco (Fasano), O.B. e P.Z. quest’ultimo è detenuto nel carcere di Turi, provincia di Bari, e stava usufruendo di un permesso premio di cinque giorni. Da quanto hanno stabilito gli agenti della Penitenziaria pare che la droga che stava per essere acquistata prima dell’arrivo della polizia, sarebbe andata a finire tra le celle del carcere di Turi.  Il blitz ha fatto saltare i piani. La sostanza stupefacente è stata sequestrata e chi la possedeva è finito in carcere. Un’operazione antidroga conclusasi con successo. 

Lo scambio dell’hascisc era stato organizzato per tempo, l’incontro era nella piazzola di sosta della stazione di servizio presente sulla 379 (Brindisi-Bari) all’altezza di Pezze di Greco. I quattro giovani dovevano solo incontrarsi e avviare la “compravendita”. Un gesto, naturalmente, che sarebbe durato pochissimi secondi e che nessuno avrebbe notato. Il prezzo era già stato deciso.  Con tutta probabilità, però, dal carcere di Turi qualcuno ha spifferato tutto. Una notizia del genere non sarebbe mai giunta in terra brindisina senza una soffiata.

Fonte: Senzacolonne

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

7 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

8 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

9 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti

10 Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

4 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Anche i mafiosi hanno fame