Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
I boss rinchiusi nel carcere di Massana protestano, il Direttore: ma quale sovraffollamento, non vogliono il carcere duro

Polizia Penitenziaria - I boss rinchiusi nel carcere di Massana protestano, il Direttore: ma quale sovraffollamento, non vogliono il carcere duro


Notizia del 03/04/2016 - ORISTANO
Letto (1860 volte)
 Stampa questo articolo


Una lettera con 234 firme e una protesta molto rumorosa. Boss e affiliati che scontano la pena nel carcere di Massama, in Sardegna, da due settimane portano avanti una lotta che ha attirato l’attenzione anche del garante nazionale dei detenuti. Nella casa circondariale alla periferia di Oristano ci sono quasi 300 reclusi, quasi tutti arrivano da Sicilia, Campania, Calabria e Puglia.

Una cinquantina sono ergastolani, gli altri sono stati condannati per reati legati alla criminalità organizzata. Per loro c’è una struttura specifica, ad alta sicurezza, e ora che le celle si sono riempite i detenuti hanno fatto scattare la protesta. Ogni giorno, di buon mattino e fino a notte fonda, battono pentole, piatti e forchette contro le sbarre. Fischiano e urlano. Nelle campagne circostanti c’è sempre silenzio e il loro grido arriva molto lontano.

Il baccano, questa mattina, ha accolto anche il Garante dei nazionale dei diritti dei detenuti, Mauro Palma. La situazione rischia di esplodere e per questo il funzionario ministeriale ha avviato una mediazione per cercare di riportare la calma dentro il carcere. In una lunga lettera i detenuti denunciano il sovraffollamento delle celle ma allo stesso tempo chiedono che gli orari dei colloqui siano modificati e che gli incontri con i parenti si possano svolgere anche via web.

Ma il direttore Pierluigi Farci ribatte: «Il vero motivo della protesta è che qui non vogliono stare, vorrebbero tornare nelle loro città».

lastampa.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE SARDEGNA
Statistiche carceri Regione Sardegna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

3 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

4 La foto del Detenuto Evaso dall''Ospedale di Sanremo. Intanto il Sappe chiede le dimissioni del direttore

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore