Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
I mafiosi della sacra corona unita vogliono cambiare carcere, danno le spalle al Vescovo di Taranto e tornano in cella

Polizia Penitenziaria - I mafiosi della sacra corona unita vogliono cambiare carcere, danno le spalle al Vescovo di Taranto e tornano in cella


Notizia del 05/04/2016 - TARANTO
Letto (1107 volte)
 Stampa questo articolo


I detenuti della sezione di Alta sicurezza in attesa di processo hanno chiesto ai poliziotti penitenziari di ritornare in cella poco prima della messa di Pasqua: da tempo vogliono essere trasferiti nel penitenziario di Lecce. L’arcivescovo di Taranto e la direttrice del carcere entrano in chiesa, loro si alzano dal banco, si voltano di spalle all’altare e chiedono alle guardie carcerarie di essere riaccompagnati in cella. A mettere in scena la singolare protesta, la prima di una serie di rimostranze che si sono poi verificate nei giorni successivi, sono stati alcuni detenuti nella sezione alta sicurezza del carcere di Taranto, riconducibili allo zoccolo duro della Sacra corona unita.

L’episodio si è verificato il giorno di Pasqua, nella cappella del carcere. All’iniziativa dei boss della Scu si sono associati altri detenuti che hanno chiesto di rientrare in cella. Loro, i condannati per associazione mafiosa, hanno giustificato il gesto, dicendo che si erano stancati di aspettare monsignor Santoro e la direttrice Stefania Baldassarri, ma i vertici dell’amministrazione penitenziaria ritengono si sia trattato di una scusa.

Si tratta, in sostanza, di un tentativo da parte di detenuti "parcheggiati" nel carcere di Taranto per lo svolgimento del processo a loro carico, in corso a Lecce, che vorrebbero essere trasferiti nel penitenziario del capoluogo salentino. Richiesta inaccettabile per pregressi problemi registrati nel carcere leccese.

Subito dopo sono scattate quindi le sanzioni disciplinari da parte della direzione del carcere, come il trasferimento di alcuni in isolamento e, per altri, il divieto per alcuni giorni di usufruire dell’ora d’aria. Ma il meccanismo così innescato non si è fermato, dando luogo ad altre reazioni da parte dei detenuti: giovedì scorso, tutti i detenuti della sezione "c", quella che ospita appunto gli affiliati alla Sacra corona unita, si sono rifiutati di rientrare in cella dall’ora d’aria, rendendo palese la protesta con il battere delle stoviglie contro le sbarre.

Dimostrazione alla quale si sono poi uniti anche gli altri "ospiti" del penitenziario. L’allarme, scattato subito, è durato due ore, ma la situazione è rientrata solo dopo l’intervento del direttore che ha spiegato loro la necessità di rispettare le regole, anche dentro il carcere, in ossequio a quella che è una forma di rispetto. "A Taranto - evidenzia Federico Pilagatti, segretario regionale del Sappe, il sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria - c’è una grossa carenza personale, e molto pericolosa perché nelle ore serali in particolare, un solo agente vigila su tre sezioni detentive. Si calcoli che per ogni sezione ci sono tra i 60 e i 70 detenuti. In tutto il carcere, invece dei 300 posti disponibili ne vengono occupati 510. Ne ho parlato anche con il sindaco e il prefetto di Taranto. Quel carcere è uno dei più sovraffollati d’Italia, e quindi particolarmente a rischio evasione".

La Repubblica

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

3 Due Agenti della Polizia Penitenziaria delle scorte soccorrono una bambina in preda ad una crisi epilettica

4 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

7 Airola, clamorosa fuga dal carcere minorile. Sappe: evasione prevedibile: sicurezza era al minimo

8 Seminfermo di mente e pericoloso omicida fuge da REMS: è il terzo caso in poche settimane

9 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

10 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

3 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

4 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

5 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

6 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

7 Accreditati 320 euro di bonus . Ora si attende il Decreto per le funzioni direttive a marescialli e ispettori

8 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

9 Riordino delle carriere: analisi dei contenuti del parere favorevole del Consiglio di Stato

10 Riordino delle carriere: il Governo tuteli sindacati e co.ce.r. che sostengono il progetto del riordino contro la disinformazione