Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
I mafiosi della sacra corona unita vogliono cambiare carcere, danno le spalle al Vescovo di Taranto e tornano in cella

Polizia Penitenziaria - I mafiosi della sacra corona unita vogliono cambiare carcere, danno le spalle al Vescovo di Taranto e tornano in cella


Notizia del 05/04/2016 - TARANTO
Letto (1340 volte)
 Stampa questo articolo


I detenuti della sezione di Alta sicurezza in attesa di processo hanno chiesto ai poliziotti penitenziari di ritornare in cella poco prima della messa di Pasqua: da tempo vogliono essere trasferiti nel penitenziario di Lecce. L’arcivescovo di Taranto e la direttrice del carcere entrano in chiesa, loro si alzano dal banco, si voltano di spalle all’altare e chiedono alle guardie carcerarie di essere riaccompagnati in cella. A mettere in scena la singolare protesta, la prima di una serie di rimostranze che si sono poi verificate nei giorni successivi, sono stati alcuni detenuti nella sezione alta sicurezza del carcere di Taranto, riconducibili allo zoccolo duro della Sacra corona unita.

L’episodio si è verificato il giorno di Pasqua, nella cappella del carcere. All’iniziativa dei boss della Scu si sono associati altri detenuti che hanno chiesto di rientrare in cella. Loro, i condannati per associazione mafiosa, hanno giustificato il gesto, dicendo che si erano stancati di aspettare monsignor Santoro e la direttrice Stefania Baldassarri, ma i vertici dell’amministrazione penitenziaria ritengono si sia trattato di una scusa.

Si tratta, in sostanza, di un tentativo da parte di detenuti "parcheggiati" nel carcere di Taranto per lo svolgimento del processo a loro carico, in corso a Lecce, che vorrebbero essere trasferiti nel penitenziario del capoluogo salentino. Richiesta inaccettabile per pregressi problemi registrati nel carcere leccese.

Subito dopo sono scattate quindi le sanzioni disciplinari da parte della direzione del carcere, come il trasferimento di alcuni in isolamento e, per altri, il divieto per alcuni giorni di usufruire dell’ora d’aria. Ma il meccanismo così innescato non si è fermato, dando luogo ad altre reazioni da parte dei detenuti: giovedì scorso, tutti i detenuti della sezione "c", quella che ospita appunto gli affiliati alla Sacra corona unita, si sono rifiutati di rientrare in cella dall’ora d’aria, rendendo palese la protesta con il battere delle stoviglie contro le sbarre.

Dimostrazione alla quale si sono poi uniti anche gli altri "ospiti" del penitenziario. L’allarme, scattato subito, è durato due ore, ma la situazione è rientrata solo dopo l’intervento del direttore che ha spiegato loro la necessità di rispettare le regole, anche dentro il carcere, in ossequio a quella che è una forma di rispetto. "A Taranto - evidenzia Federico Pilagatti, segretario regionale del Sappe, il sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria - c’è una grossa carenza personale, e molto pericolosa perché nelle ore serali in particolare, un solo agente vigila su tre sezioni detentive. Si calcoli che per ogni sezione ci sono tra i 60 e i 70 detenuti. In tutto il carcere, invece dei 300 posti disponibili ne vengono occupati 510. Ne ho parlato anche con il sindaco e il prefetto di Taranto. Quel carcere è uno dei più sovraffollati d’Italia, e quindi particolarmente a rischio evasione".

La Repubblica

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

2 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

3 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

4 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

5 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

6 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

9 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

10 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 Ma chi siamo?

4 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

5 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

6 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

9 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia

10 Decreto Legislativo n.81/2008: aspetti giuridici delle norme tecniche