Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
I mafiosi della sacra corona unita vogliono cambiare carcere, danno le spalle al Vescovo di Taranto e tornano in cella

Polizia Penitenziaria - I mafiosi della sacra corona unita vogliono cambiare carcere, danno le spalle al Vescovo di Taranto e tornano in cella


Notizia del 05/04/2016 - TARANTO
Letto (1053 volte)
 Stampa questo articolo


I detenuti della sezione di Alta sicurezza in attesa di processo hanno chiesto ai poliziotti penitenziari di ritornare in cella poco prima della messa di Pasqua: da tempo vogliono essere trasferiti nel penitenziario di Lecce. L’arcivescovo di Taranto e la direttrice del carcere entrano in chiesa, loro si alzano dal banco, si voltano di spalle all’altare e chiedono alle guardie carcerarie di essere riaccompagnati in cella. A mettere in scena la singolare protesta, la prima di una serie di rimostranze che si sono poi verificate nei giorni successivi, sono stati alcuni detenuti nella sezione alta sicurezza del carcere di Taranto, riconducibili allo zoccolo duro della Sacra corona unita.

L’episodio si è verificato il giorno di Pasqua, nella cappella del carcere. All’iniziativa dei boss della Scu si sono associati altri detenuti che hanno chiesto di rientrare in cella. Loro, i condannati per associazione mafiosa, hanno giustificato il gesto, dicendo che si erano stancati di aspettare monsignor Santoro e la direttrice Stefania Baldassarri, ma i vertici dell’amministrazione penitenziaria ritengono si sia trattato di una scusa.

Si tratta, in sostanza, di un tentativo da parte di detenuti "parcheggiati" nel carcere di Taranto per lo svolgimento del processo a loro carico, in corso a Lecce, che vorrebbero essere trasferiti nel penitenziario del capoluogo salentino. Richiesta inaccettabile per pregressi problemi registrati nel carcere leccese.

Subito dopo sono scattate quindi le sanzioni disciplinari da parte della direzione del carcere, come il trasferimento di alcuni in isolamento e, per altri, il divieto per alcuni giorni di usufruire dell’ora d’aria. Ma il meccanismo così innescato non si è fermato, dando luogo ad altre reazioni da parte dei detenuti: giovedì scorso, tutti i detenuti della sezione "c", quella che ospita appunto gli affiliati alla Sacra corona unita, si sono rifiutati di rientrare in cella dall’ora d’aria, rendendo palese la protesta con il battere delle stoviglie contro le sbarre.

Dimostrazione alla quale si sono poi uniti anche gli altri "ospiti" del penitenziario. L’allarme, scattato subito, è durato due ore, ma la situazione è rientrata solo dopo l’intervento del direttore che ha spiegato loro la necessità di rispettare le regole, anche dentro il carcere, in ossequio a quella che è una forma di rispetto. "A Taranto - evidenzia Federico Pilagatti, segretario regionale del Sappe, il sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria - c’è una grossa carenza personale, e molto pericolosa perché nelle ore serali in particolare, un solo agente vigila su tre sezioni detentive. Si calcoli che per ogni sezione ci sono tra i 60 e i 70 detenuti. In tutto il carcere, invece dei 300 posti disponibili ne vengono occupati 510. Ne ho parlato anche con il sindaco e il prefetto di Taranto. Quel carcere è uno dei più sovraffollati d’Italia, e quindi particolarmente a rischio evasione".

La Repubblica

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?