Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
I Magistrati ci ripensano: niente incontro con le brigatiste dopo le proteste dei familiari delle vittime

Polizia Penitenziaria - I Magistrati ci ripensano: niente incontro con le brigatiste dopo le proteste dei familiari delle vittime


Notizia del 04/02/2016 - FIRENZE
Letto (889 volte)
 Stampa questo articolo


Alla fine è stata annullata la lezione degli ex brigatisti Bonisoli e Faranda. Il Comitato direttivo della Scuola superiore della magistratura si è riunito ieri e dopo aver preso atto «delle posizioni espresse, anche con dolore, da numerosi magistrati e familiari delle vittime sull’opportunità di coinvolgere nella formazione della Scuola persone condannate per gravissimi reati di terrorismo» nell'ambito del Corso «Giustizia riparativa ed alternative al processo ed alla pena» ha proceduto «ad una nuova considerazione dell'iniziativa, interamente programmata e definitiva nei suoi particolari dal precedente Comitato direttivo». E così si chiude l’increscioso capitolo che aveva creato tanto scalpore nelle ultime ore. Infatti la Scuola Superiore della Magistratura pur dovendo precisare che l'incontro non configurava un’attività didattica dei signori Bonisoli e Faranda - sottolinea la Scuola - ma soltanto la testimonianza di un percorso riparativo, i cui protagonisti sono le vittime dei reati, e pur riconfermando la volontà della Scuola di investire nella formazione sulla giustizia riparativa, ha quindi deciso di annullare l'incontro con i due ex brigatisti di cui sopra, «ritenendolo inopportuno, e di mantenere inalterato il programma residuo del corso affidato esclusivamente da magistrati e docenti universitari».

 

L'intervento di Cosimo Ferri, Sottosegretario di Stato Ministero della Giustizia

La decisione del Comitato direttivo della Scuola superiore della magistratura di invitare al corso di formazione su «Giustizia riparativa e alternative al processo e alla pena» due ex membri delle BR tra i relatori sul tema «Incontro con la giustizia riparativa: testimonianze, riflessioni, confronto» è stata inopportuna. Ritengo quindi che la scelta di annullare il suddetto invito sia stata giusta e utile per superare le polemiche e per ridare forza ad un tema centrale come quello della giustizia riparativa.

Sono infatti convinto che uno Stato impegnato nel rafforzamento della cultura della legalità non possa oggi prescindere dai valori della giustizia riparativa, legati al superamento della logica del castigo e alla ricucitura della lacerazione prodotta dal crimine. La sede naturale di questo percorso - oltre al processo penale come luogo idoneo ad attuare un’effettiva assistenza a favore dei soggetti vulnerabili - deve però restare quella dei procedimenti di mediazione nei quali vittima e carnefice dialogano e partecipano attivamente per risolvere, con l’aiuto di un facilitatore, le questioni emerse dall’illecito.

La Scuola superiore è sorta nell’ottica dell’indipendenza della formazione giudiziaria che trova fondamento negli atti del Consiglio d’Europa e nei principi dell’Unione Europea. Se la formazione dei magistrati deve ispirarsi alla multidisciplinarietà dell’insegnamento e non può restare indifferente di fronte ai mutamenti della società civile, è pur vero che essa deve svolgersi in condizioni di autonomia e secondo i criteri della didattica come disciplina pedagogica. Ritengo, pertanto, che nella sede deputata alla formazione dei magistrati italiani non si possa rischiare di incorrere in forme di revisionismo storico sul terrorismo che per anni ha afflitto il nostro Stato democratico. Dobbiamo infatti evitare che la formazione del giudice nell’ottica della sua esclusiva soggezione alla legge vada a sovrapporsi a scelte culturali che sottovalutano le responsabilità di coloro che negli anni di piombo hanno attentato proprio ai nostri valori di legalità e giustizia.

iltempo.it

 

Brigatista Faranda alla Scuola della Magistratura, Ambra Minervini: un oltraggio alla memoria di mio padre

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia

2 Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer

3 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

4 Tentano di fare sesso nella sala colloqui del carcere di Pisa: denunciati dalla Polizia Penitenziaria

5 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

6 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

7 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

8 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

9 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

10 Cinofili Polizia Penitenziaria trovano droga all''interno del carcere modello di Milano Bollate


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

9 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera

10 Gli Uffici per l’Esecuzione Penale Esterna (UEPE)