Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
I matti del DUCE: libro sugli internati dal regime fascista nell'OPG di Montelupo Fiorentino

Polizia Penitenziaria - I matti del DUCE: libro sugli internati dal regime fascista nell'OPG di Montelupo Fiorentino


Notizia del 31/07/2015 - FIRENZE
Letto (1055 volte)
 Stampa questo articolo


Quattrocentosettantacinque antifascisti furono schedati dal regime e vennero sottoposti a internamento psichiatrico; 122 di loro, una quota impressionante intorno al 25%, morirono tra le mura di un manicomio.

Un piccolo tassello della nostra storia sconosciuto ad una buona parte della popolazione, vicende di cui si conosce poco e sui cui la ricerca di Matteo Petracci vuole far chiarezza.

Storie di uomini che per la loro attività politica o anche solo per un commento fuori luogo espresso al bar si sono trovati internati in strutture psichiatriche con tutte le conseguenze del caso, spesso mortali.

Il libro I MATTI DEL DUCE (ed Donzelli) che è stato presentato il  24 luglio a Montelupo Fiorentino nell’ambito della rassegna “Letti da Rifare” al MMAB, offre l’occasione di riflettere su una modalità spesso utilizzata dal potere per tacitare i propri oppositori.

Attraverso carte di polizia e giudiziarie, testimonianze e relazioni mediche e psichiatriche contenute nelle cartelle cliniche, Matteo Petracci ricostruisce i diversi percorsi che hanno condotto gli antifascisti in manicomio. Alcuni furono ricoverati d’urgenza secondo le procedure previste dalla legge del 1904 sui manicomi e gli alienati; altri vennero internati ai fini dell’osservazione psichiatrica giudiziaria o come misura di sicurezza; altri ancora furono trasferiti in manicomio quando già si trovavano in carcere e al confino. Dall’analisi degli intrecci tra ragioni politiche e ragioni di ordine medico emerge con forza il ruolo giocato dalla sovrapposizione tra scienza e politica nella segregazione di centinaia di donne e di uomini, tutti accomunati dall’essere stati schedati come oppositori del fascismo.

Una pratica, questa, molto diffusa già dai primi anni del Novecento, come si evince dalle storie di due uomini internati proprio a Montelupo Fiorentino: Giovanni Passanante, autore di un attentato fallito alla vita di re Umberto I, condannato a morte e poi internato nell’ospedale psichiatrico giudiziario e l’anarchico Augusto Masetti, dichiarato folle per essersi rifiutato di partire per la guerra in Libia.

La presentazione di questo volume permette di affrontare un tema poco dibattuto e colloca in una prospettiva nazionale vicende che riguardano da vicino la città di Montelupo Fiorentino e l’ospedale psichiatrico giudiziario.

L’autore, Matteo Petracci è dottore di ricerca in Storia, politica e istituzioni dell’area euro-mediterranea nell’età contemporanea presso l’Università di Macerata. Ha pubblicato “Pochissimi inevitabili bastardi. L’opposizione dei maceratesi al fascismo (il lavoro editoriale, 2009)”.

Informazioni: Andrea Bellucci, 0571/917552, biblioteca@comune.montelupo-fiorentino.fi.it.

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario