Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
I reperti di Pier Paolo Pasolini esposti per la prima volta al Museo Criminologico

Polizia Penitenziaria - I reperti di Pier Paolo Pasolini esposti per la prima volta al Museo Criminologico


Notizia del 30/10/2015 - ROMA
Letto (875 volte)
 Stampa questo articolo


La camicia che indossava quella sera e che tolse per tamponare le ferite. Le scarpe, ancora sporche di fango. Le assi di legno usate per colpirlo. E, ancora, gli occhiali da sole, i pantaloni, libri e accessori ritrovati nella sua macchina. A 40 anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini, il Museo Criminologico di Roma espone per la prima volta i reperti raccolti sul luogo del delitto il 2 novembre del 1975. Reperti appartenenti all'intellettuale, ma anche a Giuseppe Pelosi, condannato per aver compiuto l'omicidio.

La mostra e' stata visitata questa mattina in anteprima dal ministro della Giustizia, Andrea Orlando: "Credo che l'allestimento renda, nella sua crudezza e brutalita', esattamente lo spaccato di un momento storico che ha segnato molto in negativo la vita civile e culturale del nostro paese".

Per il guardasigilli questa e' "una mostra di grande valore storico, oltre che criminologico. Restituisce il quadro di una situazione su cui molto si e' discusso, ci si e' diviso e si e' indagato, una situazione che ci ha dato alcune verita' processuali ma probabilmente non l'insieme del percorso che porto' alla morte di Pasolini. Credo - ha aggiunto - che l'impatto emotivo nel visitare questa mostra sia la conseguenza del filo spezzato che la morte di Pasolini ha rappresentato: l'interruzione di una grande azione civile e di un grande

contributo culturale alla vita del nostro paese. Tutti elementi che alla luce di cio' che e' avvenuto in seguito a quella morte, mi riferisco ai cambiamenti della societa' italiana, gettano una luce di carattere profetico sulle riflessioni e le parole di Pasolini".

Gli oggetti, repertati durante le indagini sull'omicidio, sono conservati nel Museo Criminologico di Roma dal 1985, anno in cui furono consegnati dal Tribunale dei minorenni di Roma. 

"La scelta di non esporli in tutti questi anni - ha spiegato la curatrice della mostra, Assunta Borzacchiello - e' stata dettata dalla volonta' di rispettare la sfera privata dell'intellettuale". Tra gli oggetti esposti in occasione dell'anniversario, ha spiegato Borzachiello, ci sono i libri che Pasolini aveva in macchina, un premio della citta' di Nettuno, "e tanti oggetti di vita comune". In mostra anche un plantare e un maglione ritrovati nella macchina di Pasolini "e non ancora attribuiti", gli indumenti di Pelosi e l'anello di quest'ultimo "un oggetto importante nella ricostruzione dei fatti, che ha aperto strada a varie interpretazioni". La mostra sara' aperta nei giorni 1 (ore 10-20), 2 e 3 novembre (ore 9-19).

ANSA

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

2 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria