Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
I reperti di Pier Paolo Pasolini esposti per la prima volta al Museo Criminologico

Polizia Penitenziaria - I reperti di Pier Paolo Pasolini esposti per la prima volta al Museo Criminologico


Notizia del 30/10/2015 - ROMA
Letto (1150 volte)
 Stampa questo articolo


La camicia che indossava quella sera e che tolse per tamponare le ferite. Le scarpe, ancora sporche di fango. Le assi di legno usate per colpirlo. E, ancora, gli occhiali da sole, i pantaloni, libri e accessori ritrovati nella sua macchina. A 40 anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini, il Museo Criminologico di Roma espone per la prima volta i reperti raccolti sul luogo del delitto il 2 novembre del 1975. Reperti appartenenti all'intellettuale, ma anche a Giuseppe Pelosi, condannato per aver compiuto l'omicidio.

La mostra e' stata visitata questa mattina in anteprima dal ministro della Giustizia, Andrea Orlando: "Credo che l'allestimento renda, nella sua crudezza e brutalita', esattamente lo spaccato di un momento storico che ha segnato molto in negativo la vita civile e culturale del nostro paese".

Per il guardasigilli questa e' "una mostra di grande valore storico, oltre che criminologico. Restituisce il quadro di una situazione su cui molto si e' discusso, ci si e' diviso e si e' indagato, una situazione che ci ha dato alcune verita' processuali ma probabilmente non l'insieme del percorso che porto' alla morte di Pasolini. Credo - ha aggiunto - che l'impatto emotivo nel visitare questa mostra sia la conseguenza del filo spezzato che la morte di Pasolini ha rappresentato: l'interruzione di una grande azione civile e di un grande

contributo culturale alla vita del nostro paese. Tutti elementi che alla luce di cio' che e' avvenuto in seguito a quella morte, mi riferisco ai cambiamenti della societa' italiana, gettano una luce di carattere profetico sulle riflessioni e le parole di Pasolini".

Gli oggetti, repertati durante le indagini sull'omicidio, sono conservati nel Museo Criminologico di Roma dal 1985, anno in cui furono consegnati dal Tribunale dei minorenni di Roma. 

"La scelta di non esporli in tutti questi anni - ha spiegato la curatrice della mostra, Assunta Borzacchiello - e' stata dettata dalla volonta' di rispettare la sfera privata dell'intellettuale". Tra gli oggetti esposti in occasione dell'anniversario, ha spiegato Borzachiello, ci sono i libri che Pasolini aveva in macchina, un premio della citta' di Nettuno, "e tanti oggetti di vita comune". In mostra anche un plantare e un maglione ritrovati nella macchina di Pasolini "e non ancora attribuiti", gli indumenti di Pelosi e l'anello di quest'ultimo "un oggetto importante nella ricostruzione dei fatti, che ha aperto strada a varie interpretazioni". La mostra sara' aperta nei giorni 1 (ore 10-20), 2 e 3 novembre (ore 9-19).

ANSA

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

5 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

6 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

9 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

10 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

4 Ma chi siamo?

5 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

6 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia