Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
I reperti di Pier Paolo Pasolini esposti per la prima volta al Museo Criminologico

Polizia Penitenziaria - I reperti di Pier Paolo Pasolini esposti per la prima volta al Museo Criminologico


Notizia del 30/10/2015 - ROMA
Letto (1206 volte)
 Stampa questo articolo


La camicia che indossava quella sera e che tolse per tamponare le ferite. Le scarpe, ancora sporche di fango. Le assi di legno usate per colpirlo. E, ancora, gli occhiali da sole, i pantaloni, libri e accessori ritrovati nella sua macchina. A 40 anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini, il Museo Criminologico di Roma espone per la prima volta i reperti raccolti sul luogo del delitto il 2 novembre del 1975. Reperti appartenenti all'intellettuale, ma anche a Giuseppe Pelosi, condannato per aver compiuto l'omicidio.

La mostra e' stata visitata questa mattina in anteprima dal ministro della Giustizia, Andrea Orlando: "Credo che l'allestimento renda, nella sua crudezza e brutalita', esattamente lo spaccato di un momento storico che ha segnato molto in negativo la vita civile e culturale del nostro paese".

Per il guardasigilli questa e' "una mostra di grande valore storico, oltre che criminologico. Restituisce il quadro di una situazione su cui molto si e' discusso, ci si e' diviso e si e' indagato, una situazione che ci ha dato alcune verita' processuali ma probabilmente non l'insieme del percorso che porto' alla morte di Pasolini. Credo - ha aggiunto - che l'impatto emotivo nel visitare questa mostra sia la conseguenza del filo spezzato che la morte di Pasolini ha rappresentato: l'interruzione di una grande azione civile e di un grande

contributo culturale alla vita del nostro paese. Tutti elementi che alla luce di cio' che e' avvenuto in seguito a quella morte, mi riferisco ai cambiamenti della societa' italiana, gettano una luce di carattere profetico sulle riflessioni e le parole di Pasolini".

Gli oggetti, repertati durante le indagini sull'omicidio, sono conservati nel Museo Criminologico di Roma dal 1985, anno in cui furono consegnati dal Tribunale dei minorenni di Roma. 

"La scelta di non esporli in tutti questi anni - ha spiegato la curatrice della mostra, Assunta Borzacchiello - e' stata dettata dalla volonta' di rispettare la sfera privata dell'intellettuale". Tra gli oggetti esposti in occasione dell'anniversario, ha spiegato Borzachiello, ci sono i libri che Pasolini aveva in macchina, un premio della citta' di Nettuno, "e tanti oggetti di vita comune". In mostra anche un plantare e un maglione ritrovati nella macchina di Pasolini "e non ancora attribuiti", gli indumenti di Pelosi e l'anello di quest'ultimo "un oggetto importante nella ricostruzione dei fatti, che ha aperto strada a varie interpretazioni". La mostra sara' aperta nei giorni 1 (ore 10-20), 2 e 3 novembre (ore 9-19).

ANSA

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore