Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Il bosso Mazzagatti non potrà assistere ai funerali della madre: Ministero della Giustizia vieta lo spostamento per motivi di sicurezza

Polizia Penitenziaria - Il bosso Mazzagatti non potrà assistere ai funerali della madre: Ministero della Giustizia vieta lo spostamento per motivi di sicurezza


Notizia del 12/11/2017 - MESSINA
Letto (2522 volte)
 Stampa questo articolo


Un funerale molto dibattuto. Numerosi e differenti passaggi hanno caratterizzato l’estremo saluto alla madre del boss Pietro Nicola Mazzagatti, 56 anni, sottoposto al regime del carcere duro. Ha chiesto l’autorizzazione a partecipare alle esequie, che si terranno lunedì a Santa Lucia del Mela.

Durante il rimpallo di decisioni tra autorità competenti, la Questura di Messina ha ordinato prima di eseguire la funzione in forma strettamente privata, direttamente al cimitero della stessa cittadina tirrenica, intorno alle 4 del mattino.

Poi il responso definitivo: “no” alla partecipazione di Mazzagatti, difeso dall’avvocato Salvatore Silvestro, del Foro di Messina.

Quindi, nuovo tira e molla e altra deliberazione del questore Mario Finocchiaro: la funzione religiosa per la madre di Pietro Nicola Mazzagatti può tenersi in chiesa, alle 15, ma al corteo funebre possono partecipare solo i familiari.

Riavvolgendo il nastro, il difensore di Mazzagatti ha presentato istanza alla Corte d’assise di Messina, chiedendo che potesse prendere parte alle esequie. Il presidente Mario Samperi ha concesso il permesso di recarsi presso la chiesa Sacro cuore di Santa Lucia del Mela, accompagnato dalla scorta della Polizia Penitenziaria e piantonato per tutta la durata della funzione. Ed ha altresì disposto l’utilizzo di mezzi di coercizione fisica a giudizio della direzione della Casa circondariale in cui il 56enne è ristretto.

Poi si è espresso il ministero della Giustizia, che ha posto il veto, in nome di «motivi di sicurezza» e della «elevatissima pericolosità sociale del soggetto (ai vertici della famiglia barcellonese, operante sul territorio della fascia tirrenica, riconducibile a Cosa nostra) e la probabile presenza in loco di numerosi familiari e affiliati».

gazzettadelsud.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Si è tolto la vita impiccandosi il Poliziotto penitenziario accusato dalla figlia di averla violentata

2 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

3 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

4 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

9 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

10 Movimento cinque stelle: il decreto di riforma dell''ordinamento penitenziario serve a smantellare il 4-bis, un regalo ai detenuti pericolosi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Dopo dieci anni di blocco contrattuale, un rinnovo da sfigati ... un misero caffè al giorno

5 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

6 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

7 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria

10 Il servizio di tutoring e la beneficienza all''amministrazione