Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Il cappellano che abusava dei detenuti li tranquillizzava: "a Napoli fanno tutti così"

Polizia Penitenziaria - Il cappellano che abusava dei detenuti li tranquillizzava:


Notizia del 24/05/2013 - MILANO
Letto (1678 volte)
 Stampa questo articolo


 

Inizierà il prossio 10 luglio il processo all'ex cappellano del carcere di San Vittore che abusava sessualmente dei detenuti in cambio di piccoli favori.

Don Barin, 51 anni, era finito in carcere lo scorso 20 novembre, nell’ambito dell’inchiesta condotta da squadra mobile e Polizia Penitenziaria e coordinata dalla Procura di Milano. Secondo l’accusa, l’ex cappellano del carcere di San Vittore faceva leva sullo ”stato di bisogno” dei detenuti, che si rivolgevano a lui per avere piccoli benefit per vivere meglio in carcere: sigarette, shampoo, saponette. Poi, secondo l’accusa, appagava le sue ”pulsioni”, chiedendo loro in cambio favori sessuali. Infine, quando i detenuti uscivano dal penitenziario, a pena scontata, sempre secondo le indagini, li invitava a passare a casa sua per altre prestazioni sessuali, facendogli pesare il fatto che i suoi pareri di “buona condotta” erano stati utili, a suo dire, per le scarcerazioni.

Come si legge nel decreto del giudice Manzi, l’ex cappellano controllava ”l’eventuale arrivo di persone a mezzo di specchietto retrovisore, in modo da tranquillizzare il detenuto”, che subiva abusi, ”in merito ad una possibile sorpresa in flagranza”.

Inoltre, Barin ”tranquillizzava” i detenuti che manifestavano il proprio ”disagio” dicendo che ”la sua era una condotta normale, segni di amicizia e che a Napoli tutti sono soliti fare così“. E ancora: il religioso ”intensificava” le ”visite” di alcuni detenuti ”nel proprio ufficio” facendoli sentire come i ”favoriti”.

 

Riscuoteva favori sessuali dai detenuti in cambio di sigarette, shampoo, saponette e radioline. E con l’aiuto di uno specchietto retrovisore controllava l’arrivo di persone durante gli abusi. Per questo Don Alberto Barin, ex cappellano del carcere milanese di San Vittore, è accusato di violenza sessuale su 12 detenuti e verrà processato con rito immediato. Il gip di Milano, Enrico Manzi, ha accolto la richiesta avanzata dal procuratore aggiunto Pietro Forno e dai pm Daniela Cento e Lucia Minutella.

Nel decreto del gip vengono individuate 12 vittime, tutti africani di un’età che varia tra i 23 anni e i 43 anni e per fatti che vanno dal 2008 al 2012. Dallo scorso aprile don Barin è agli arresti domiciliari, che sta scontando in un convento.

Il processo contro Don Barin si aprirà il prossimo 10 luglio davanti alla quinta sezione penale. L’imputato però ha anche la possibilità nei prossimi giorni di chiedere il rito abbreviato ed essere giudicato a porte chiuse da un gup, con uno sconto di un terzo della pena in caso di condanna.

blitzquotidiano.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?