Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Il cappellano che abusava dei detenuti li tranquillizzava: "a Napoli fanno tutti così"

Polizia Penitenziaria - Il cappellano che abusava dei detenuti li tranquillizzava:


Notizia del 24/05/2013 - MILANO
Letto (1925 volte)
 Stampa questo articolo


 

Inizierà il prossio 10 luglio il processo all'ex cappellano del carcere di San Vittore che abusava sessualmente dei detenuti in cambio di piccoli favori.

Don Barin, 51 anni, era finito in carcere lo scorso 20 novembre, nell’ambito dell’inchiesta condotta da squadra mobile e Polizia Penitenziaria e coordinata dalla Procura di Milano. Secondo l’accusa, l’ex cappellano del carcere di San Vittore faceva leva sullo ”stato di bisogno” dei detenuti, che si rivolgevano a lui per avere piccoli benefit per vivere meglio in carcere: sigarette, shampoo, saponette. Poi, secondo l’accusa, appagava le sue ”pulsioni”, chiedendo loro in cambio favori sessuali. Infine, quando i detenuti uscivano dal penitenziario, a pena scontata, sempre secondo le indagini, li invitava a passare a casa sua per altre prestazioni sessuali, facendogli pesare il fatto che i suoi pareri di “buona condotta” erano stati utili, a suo dire, per le scarcerazioni.

Come si legge nel decreto del giudice Manzi, l’ex cappellano controllava ”l’eventuale arrivo di persone a mezzo di specchietto retrovisore, in modo da tranquillizzare il detenuto”, che subiva abusi, ”in merito ad una possibile sorpresa in flagranza”.

Inoltre, Barin ”tranquillizzava” i detenuti che manifestavano il proprio ”disagio” dicendo che ”la sua era una condotta normale, segni di amicizia e che a Napoli tutti sono soliti fare così“. E ancora: il religioso ”intensificava” le ”visite” di alcuni detenuti ”nel proprio ufficio” facendoli sentire come i ”favoriti”.

 

Riscuoteva favori sessuali dai detenuti in cambio di sigarette, shampoo, saponette e radioline. E con l’aiuto di uno specchietto retrovisore controllava l’arrivo di persone durante gli abusi. Per questo Don Alberto Barin, ex cappellano del carcere milanese di San Vittore, è accusato di violenza sessuale su 12 detenuti e verrà processato con rito immediato. Il gip di Milano, Enrico Manzi, ha accolto la richiesta avanzata dal procuratore aggiunto Pietro Forno e dai pm Daniela Cento e Lucia Minutella.

Nel decreto del gip vengono individuate 12 vittime, tutti africani di un’età che varia tra i 23 anni e i 43 anni e per fatti che vanno dal 2008 al 2012. Dallo scorso aprile don Barin è agli arresti domiciliari, che sta scontando in un convento.

Il processo contro Don Barin si aprirà il prossimo 10 luglio davanti alla quinta sezione penale. L’imputato però ha anche la possibilità nei prossimi giorni di chiedere il rito abbreviato ed essere giudicato a porte chiuse da un gup, con uno sconto di un terzo della pena in caso di condanna.

blitzquotidiano.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei Funzionari del Corpo. Capitolo 2

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Al carcere di Augusta ci sono sindacati della Polizia Penitenziaria che scrivono al Garante dei detenuti

6 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

7 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

8 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo