Sappe,

  Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Il carcere di "massima sicurezza" di Viterbo è un colabrodo: fiaccolata dei Poliziotti Penitenziari

Polizia Penitenziaria - Il carcere di


Notizia del 29/10/2015 - VITERBO
Letto (1657 volte)
 Stampa questo articolo


Mammagialla al buio, fiaccolata di protesta della Polizia Penitenziaria.

Manifestazione pacifica, questo pomeriggio, davanti al carcere di Viterbo. E’ stata pensata e promossa dalle sigle sindacali di Sappe, Cgil, Cisl, Sinappe e Uil per chiedere una risoluzione delle problematiche che da anni affliggono l’istituto e minano la sicurezza del personale: dall’inesistente impianto di illuminazione esterno, alle obsolete divise degli agenti fino ad arrivare a una carente assistenza medica.

“Questo è l’ultimo atto – dicono – di una serie di richieste che per anni sono rimaste inascoltate”. Nel mirino della protesta, in primis, la direttrice del carcere Teresa Mascolo e la provveditore regionale dell’amministrazione penitenziaria Maria Claudia Di Paolo.

“Dal 2008 – spiegano – l’istituto versa in uno stato di insicurezza per la mancata illuminazione esterna, la visibilità è praticamente nulla. Segnaliamo quest’anomalia da sette anni ma mai nessuno ha preso provvedimenti o stanziato un solo euro. Insomma, il problema non si è mai voluto risolvere ma ora vogliamo delle risposte prima che qualcuno si faccia male”.

Quel qualcuno sono soprattutto gli agenti di Polizia Penitenziaria. “Secondo la legge – dicono – se un detenuto scappa la colpa ricade sul custode. Abbiamo mogli e figli. Vogliamo essere tutelati, non pagare per un carenza che non dipende da noi. La mancata illuminazione, infatti, non ci permetterebbe di individuare un evaso già a pochi metri di distanza dal carcere pagandone direttamente le conseguenze”.

I sindacati si rivolgono anche al sindaco Leonardo Michelini e alla prefetto Rita Piermatti. “Mammagialla è un carcere di massima sicurezza dove sono detenuti anche criminali del 41bis. Se uno di loro evade – spiegano – il problema è anche di ordine pubblico. Anche il sindaco e la prefetto facciano la loro parte, diventando nostri interlocutori”.

A inasprire questo stato di agitazione anche il mancato approvvigionamento del vestiario per gli agenti di Polizia Penitenziaria. “L’approvvigionamento del vestiario – continuano – è fermo da anni. Le divise costrette a indossare oggi sono obsolete e non più degne di un corpo di polizia”.

Carente, secondo i sindacati, anche l’assistenza medica. “Se in servizio – spiegano – un uomo del personale incappa in un infortunio è costretto ad andare al pronto soccorso autonomamente chiedendo un permesso lavorativo”.

tusciaweb.eu

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”