Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Il carcere di Taranto diventa opera d’arte. Percorso interattivo a cura di Bonito Oliva

Polizia Penitenziaria - Il carcere di Taranto diventa opera d’arte. Percorso interattivo a cura di Bonito Oliva


Notizia del 19/04/2017 - TARANTO
Letto (1064 volte)
 Stampa questo articolo


Il progetto, co-curato dal famoso critico d’arte, coinvolge in prima persona il visitatore che sarà “schedato” e proverà l’esperienza dell’isolamento, chiuso in una cella, prima di poter scoprire le opere delle detenute.

 

Non è la prima volta che l’arte entra in un carcere italiano, nell’ambito di progetti finalizzati alla rieducazione del detenuto. Abbiamo già raccontato di alcuni casi in cui progetti tra arte e sociale hanno lavorato per mettere in piedi questa complessa relazione, ad esempio attraverso il muralismo, oppure sviluppando laboratori, corsi di storia dell’arte e interventi artistici vari. Ma è, forse, una novità assoluta, nel panorama delle iniziative culturali e formative realizzate all’interno delle case di reclusione in Italia, la trasformazione del carcere stesso in un’opera d’arte, grazie all’apporto di quanti vivono in prima persona la reclusione, a coloro che vi operano e agli stessi visitatori.

 

L’ALTRA TARANTO

 

L’altra città. Un percorso partecipativo e interattivo nella realtà carceraria italiana – questo il titolo dell’evento in programma dall’8 maggio al 5 giugno nella casa circondariale Carmelo Magli di Taranto – nasce, infatti, con l’obiettivo di presentare l’esperienza detentiva, con tutte le sue criticità e contraddizioni, dando modo al visitatore di percepire ciò che sono i luoghi della pena oggi attraverso un percorso plurisensoriale in diverse tappe. All’ingresso, infatti, bisogna fare una foto segnaletica e lasciare le proprie impronte digitali; poi si procederà alla scoperta del carcere attraverso le installazioni delle detenute e si proverà l’esperienza dell’isolamento, chiusi in una cella. Un progetto artistico molto articolato, curato dal critico d’arte Achille Bonito Oliva e dal comandante della Polizia Penitenziaria del carcere Giovanni Lamarca, che lo ha ideato diversi mesi fa, impegnando una ventina di detenute in laboratori di arte e scrittura creativa tenuti dall’artista e docente Giulio De Mitri, col supporto teorico di Roberto Lacarbonara e Anna Paola Lacatena, l’allestimento di Giovanni Guarino e la partecipazione di alcuni agenti penitenziari.

 

– Claudia Giraud  - artribune

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”