Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Il cibo del carcere non è adatto al detenuto: direttrice del carcere rinviata a giudizio

Polizia Penitenziaria - Il cibo del carcere non è adatto al detenuto: direttrice del carcere rinviata a giudizio


Notizia del 25/04/2015 - LA SPEZIA
Letto (2628 volte)
 Stampa questo articolo


Il quadro accusatorio è sembrato chiaro fin dal principio. La Procura, così, non ha perso tempo e, dopo un’indagine protrattasi poco più di un anno, ha chiesto il giudizio per Maria Cristina Bigi, direttrice del carcere di Villa Andreini. Il Secolo XIX , nel novembre scorso, aveva pubblicato la notizia riguardante il fascicolo che la vede iscritta sul registro degli indagati. Una vicenda che, in prima battuta, sembrava di poco conto. Ora, invece, assume un peso differente. L’accusa ritiene che sia stato distribuito del cibo, delle fritture, a un detenuto affetto dal morbo di Crohn (infiammazione cronica dell'intestino).

La responsabilità sulle condizioni del carcerato, almeno secondo quanto sostenuto dal pm Tiziana Lottini, ricade sulla direttrice Bigi. L’udienza preliminare è fissata per la seconda decade di maggio. Il carcerato ritiene di aver patito danni gravi. Gli agenti della polizia giudiziaria avevano acquisito le documentazioni riguardanti i generi alimentari distribuiti a Villa Andreini e si erano accorti che c’erano corrispondenze con quanto denunciato dalla parte offesa.

La dirigente del penitenziario però respinge tutte le accuse, ritiene che non siano sue le responsabilità, i controlli sarebbero stati portati avanti come da protocollo. Chi ha sbagliato allora? Difficile rispondere.

Di certo, risulta impossibile non rilevare che la Procura, da tempo, ha puntato i fari sulla casa circondariale di via Fontevivo. Ad allarmare gli inquirenti spezzini era stato anche un telefono cellulare rinvenuto da un Poliziotto penitenziario all’interno di una cella. I militari della Guardia di Finanza avevano sospettato che si potesse trattare di telefonino utilizzato per coordinare un traffico di stupefacenti all’esterno del carcere. Il pm Giovanni Maddaleni aveva deciso di monitorare le telefonate provenienti da quell’utenza. Non era saltato fuori però nessun indizio rilevante, il procedimento infatti era stato archiviato: il cellulare veniva usato soltanto per parlare con i familiari. Non è dato sapere invece come il telefono sia finito all’interno di una cella.

Non è tutto. Anche un terzo magistrato della Procura spezzina si sta occupando di un fatto verificatosi all’interno della casa circondariale. Il pm Claudia Merlino indaga su un furto da 800 euro avvenuto nel bar collocato nella struttura. Qualcuno era riuscito ad aprire un cassetto in cui venivano custoditi i contanti. Il fascicolo risulta privo di indagati, i gestori dell’esercizio non avevano alcun sospetto e avevano presentato una denuncia verso ignoti.

nsomma, tre magistrati della stessa Procura hanno cercato di venire a capo di alcune notizie di reato. Pensare che a vigilare sui detenuti fino a qualche tempo fa c’era un soggetto come S. G., 32 anni, con una vita da Poliziotto nel carcere spezzino e, parallelamente, un’altra da presunto capo malavitoso di una cosca di Enna.

ilsecoloxix.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LIGURIA
Statistiche carceri Regione Liguria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

2 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

3 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

4 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 Agente penitenziario arrestato per intralcio alla giustizia e falso nel carcere di Milano San Vittore Francesco Di Cataldo

9 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

10 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

2 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

3 Congedo programmato e malattia

4 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

5 Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

6 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

7 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

8 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

9 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

10 I richiami e le ipocrisie dell’Europa sulle carceri italiane