Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Il Comune di Avellino intitolerà una strada al Sovrintendente capo della Polizia Penitenziaria Campanello

Polizia Penitenziaria - Il Comune di Avellino intitolerà una strada al Sovrintendente capo della Polizia Penitenziaria Campanello


Notizia del 10/02/2014 - AVELLINO
Letto (2067 volte)
 Stampa questo articolo


Una strada di Avellino intitolata a Pasquale Campanello. L’impegno se lo è assunto ieri sera il sindaco Paolo Foti, presente, insieme al suo vice Stefano La Verde, alla manifestazione per ricordare il Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria ucciso a 32 anni in un aggiuato di camorra a Torrette di Mercogliano.

All’appuntamento organizzato da “Libera”, sezione di Avellino, tanta gente che ha voluto portare la propria solidarietà alla famiglia che a 21 anni da quel terribile delitto non ha avuto ancora giustizia. «Il valore della memoria in una città a volte troppo distratta – ha detto il referente dell’associazione Marco Cillo – può essere un modo per riaccendere la luce della speranza. Siamo qui per ricordare un uomo onesto, sul cui omicidio ancora non si conosce tutta la verità. Chi furono i mandanti e chi i quattro spietati killer che eseguirono la sentenza di morte sparandolo 14 volte. Proiettili che hanno colpito anche la nostra città… Per questo chiediamo l’impegno di tutti».

Polizia Penitenziaria - Fiaccolata per chiedere verità sull'omicidio di Pasquale Campanello

PASQUALE CAMPANELLO

 

Davanti al Tribunale l’accensione di una candela a simboleggiare proprio quella speranza di ottenere giustizia. «La memoria è utile se genera l’impegno a costruire gli anticorpi per dire basta alle organizzazioni criminali, come la mafia e la camorra». A parlare è Francesco Iandoli, referente provinciale di Libera. Assente, ma presente moralmente, il procuratore Rosario Cantelmo che però ha inviato il suo messaggio di incoraggiamento a «non mollare la presa per fare giustizia e sapere finalmente la verità sui fatti».

Pasquale è stato riconosciuto “Vittima del Dovere” dal Ministero dell’Interno e Vittima Innocente delle Mafie, ma ad oggi nulla si sa sulle reali cause della sua morte. Tutti i sospetti sono legati al suo ruolo di Sovrintendente Capo del Corpo di Polizia Penitenziaria a Poggioreale. «Anche quest’anno – continua Iandoli – l’obiettivo di Libera, unitamente alla famiglia Campanello, è quello di ricordare ai magistrati la richiesta di verità e giustizia fatta lo scorso anno alla quale ancora non c’è stata risposta… L’impegno di Libera – conclude Iandolo – è innanzitutto legato a motivi di coscienza civile e in qualità di cittadini avellinesi non bisogna dimenticare chi si è sacrificato nel nome del dovere e della giustizia…»

ottopagine 

Fiaccolata per chiedere verità sull'omicidio di Pasquale Campanello 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Aumenti contrattuali e arretrati: per il Sappe sono inaccettabili i ritardi. Se non saranno in busta paga aprile mobilitazione del personale

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

4 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

5 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Per il Garante dei Detenuti se non condividi la riforma, o non l’hai letta o non l’hai capita

8 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

9 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”