Sono stati trovati con le tracce in mano e ora il concorso per il reclutamento degli agenti penitenziari rischia di saltare.

Il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (Dap), dopo aver svolto un'indagine interna, ha inviato" />


  Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Il concorso taroccato della Polizia Penitenziaria. Irregolarità Tre candidati trovati in possesso delle tracce d'esame. Atti inviati in Procura

Polizia Penitenziaria - Il concorso taroccato della Polizia Penitenziaria. Irregolarità Tre candidati trovati in possesso delle tracce d'esame. Atti inviati in Procura


Notizia del 30/05/2014 - ROMA
Letto (34158 volte)
 Stampa questo articolo


Sono stati trovati con le tracce in mano e ora il concorso per il reclutamento degli agenti penitenziari rischia di saltare.

Il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (Dap), dopo aver svolto un'indagine interna, ha inviato gli atti alla Procura di Roma, che dovrà fare luce sulle irregolarità riscontrate.

Il ministero della Giustizia lo scorso novembre ha bandito una selezione per formare allievi da destinare alla vigilanza nelle carceri, riservata ai volontari in ferma prefissata di un anno e quattro anni.

Al 30 dicembre 2013, termine fissato per l'iscrizione, sono arrivate circa 14 mila domande di partecipazione, a fronte di 208 posti disponibili per gli uomini e 52 per le donne.

La prima prova di esame consisteva in una serie di domande, con risposta a scelta multipla, di aritmetica, educazione civica, geografia, geometria, italiano, scienza e storia. Per gli aspiranti agenti donna i test si sono svolti 1'8 e il 9 maggio, mentre i candidati uomini sono stati convocati in ordine alfabetico dal 12 maggio al 22 maggio, a Roma, presso la Scuola di formazione del Corpo di Polizia Penitenziaria in via di Brava. Proprio qui, durante una delle giornate d'esame, tre dei circa 4mila partecipanti al concorso sarebbero stati trovati in possesso delle tracce: c'è chi le aveva scritte sul tradizionale foglio e chi su un tablet.

È stato il personale della Polizia Penitenziaria, che vigilava sul regolare andamento dell'esame, a rilevare le irregolarità. Gli accertamenti sono stati demandati al Nucleo investigativo centrale del Dap dal dirigente del personale e della formazione, Riccardo Turrini Vita. Gli atti poi sono stati inviati alla Procura, che dovrà chiarire come e da chi sia partita questa fuga di informazioni.

La pro cedura prevede che sia una ditta esterna a selezionare i quesiti e che le buste vengano aperte dalla commissione esaminatrice davanti ai candidati, prima dell'inizio delle prove. Le irregolarità nel concorso sono un ulteriore motivo di fermento nell'amministrazione penitenziaria, da alcuni giorni priva del suo vertice.

 Il 26 maggio, infatti, il capo del Dap, Giovanni Tamburrino, e il suo vicario, Luigi Pagano, sono stati costretti a fare le valigie, in base alla legge sullo spoil system. Il nuovo governo, e in particolare il ministro della Giustizia Andrea Orlando, non ha riconfermato la fiducia nei loro confronti. Probabilmente non ha convinto lo sforzo fatto per decongestionare le carceri: si è passati da 66mila a 60mila detenuti in un anno. Lo stesso termine imposto all'Italia dalla Corte europea dei diritti dell'uomo per risolvere il sovraffollamento.

La sentenza Torregiani, che ha condannato il nostro Paese a risarcire il detenuto per trattamento disumano subito dietro le sbarre, ha infatti aperto la strada ad altri 4 mila ricorsi.  I candidati al concorso sono 14 mila per 208 posti disponibili 

 
Il Tempo
 

    

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

7 Uno Bianca, i fratelli Savi nello stesso carcere

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb

10 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Gratteri, Ardita, Stati Generali... fino ad oggi sono state ignorate tutte le proposte di riforma della Polizia Penitenziaria ...il 2018 sarà l’anno buono?

3 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

7 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

8 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia

9 Il servizio di tutoring e la beneficienza all''amministrazione

10 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria