Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Il DAP "apre" ai privati la possibilità di gestione dei servizi delle carceri italiane

Polizia Penitenziaria - Il DAP


Notizia del 31/05/2013 - ROMA
Letto (2972 volte)
 Stampa questo articolo


Il DAP possibilista sull'intervento dei privati nella gestione dei servizi delle carceri italiane.

Sopravvitto, lavanderia, corsi professionali, ma anche bar e pay-tv: l’Italia guarda al “modello francese”. Sabella (Dap): “Sul piano del partenariato pubblico-privato l’Italia è praticamente a zero”.

Una diversa gestione dei servizi nelle carceri è possibile? La risposta oggi nel seminario “Il partenariato pubblico-privato nella gestione dei servizi ausiliari penitenziari. L’esperienza del modello di gestione mista presente in Francia dalla seconda metà degli anni 80”, in corso nella casa di reclusione di Saluzzo. L’iniziativa nasce dalla consapevolezza che “sul piano del partenariato pubblico-privato l’Italia è praticamente a zero”, come ammette Alfonso Sabella, a capo della Direzione generale delle risorse materiali, beni e servizi del Dap.

E quindi, guardare cosa avviene al di là delle Alpi può dare spunti utili per colmare il gap. L’esperienza francese si basa sul project financing per la costruzione di nuovi istituti, ma prevede anche la delega nella manutenzione dei nuovi complessi e l’affidamento di alcuni servizi, come la preparazione dei pasti, l’approvvigionamento delle materie prime, la gestione del sopravvitto, la mensa agenti, la caffetteria, la lavanderia, il servizio trasporti. Tutto ciò con l’impegno di garantire posti di lavoro alle persone detenute. Sabella mette subito alcuni paletti sulla possibilità di esportare in toto il modello, soprattutto in materia di project financing:

“Sarebbe un’operazione poco conveniente per l’amministrazione penitenziaria, perchè il carcere non produce reddito, quindi l’esborso di spesa sarebbe insostenibile”. Diversa invece è la questione relativa ai servizi: “Far entrare i privati nelle carceri è possibile per quanto riguarda l’offerta dei servizi che i detenuti sono tenuti a pagare, come la telefonia, la lavanderia, il sopravvitto, la corrispondenza...”. In questi casi, per il referente del Dap, un partenariato potrebbe essere utile su due fronti: “Da un lato, permetterebbe di migliorare i servizi offerti. Si pensi, ad esempio, alla pay tv, a patto che sia adeguatamente controllata, o alla possibilità di introdurre giochi elettronici o al servizio di lavanderia a pagamento per gli abiti dei detenuti.

Si pensi anche all’apertura di bar nei cortili di passeggio o all’attivazione di corsi professionali a pagamento. D’altro canto il Dap potrebbe risparmiare su alcune spese che ora deve sostenere: ad esempio, la gestione privata del sopravvitto eliminerebbe le spese a nostro carico sui controlli”. ‘Se il margine di manovra in questa direzione c’è, allora è utile guardare cosa accade nei paesi a noi vicini - aggiunge Enrico Sbriglia, provveditore regionale dell’amministrazione penitenziaria del Piemonte e Valle d’Aosta.

La Francia, assoggettata ai nostri stessi vincoli di bilancio in quanto membro dell’Ue, sta sperimentando un modello che sembra di qualità. È utile dunque chiedersi se siamo noi che gestiamo male le nostre risorse e se dobbiamo cambiare qualcosa. Sbriglia si dice convinto dell’importanza di un confronto di questo tipo: “Noi in Italia ci definiamo patria del diritto e poi scopriamo che abbiamo delle condizioni delle carceri così indegne da attirare sentenze di condanna a livello internazionale. Allora dobbiamo liberarci dal nostro atteggiamento provinciale, guardarci attorno e vedere se ci sono esempi per poter migliorare”.

Redttore Sociale

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

2 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

3 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

4 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

5 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

8 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Cinque posti da procuratore DNA a Roma: concorrono anche Alfonso Sabella, Francesco Cascini e Calogero Piscitello


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario