Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Il DAP trova un braccialetto elettronico funzionante e Lavitola lascia il carcere di Secondigliano

Polizia Penitenziaria - Il DAP trova un braccialetto elettronico funzionante e Lavitola lascia il carcere di Secondigliano


Notizia del 25/05/2013 - NAPOLI
Letto (1800 volte)
 Stampa questo articolo


Arresti domiciliari per Walter Lavitola, ma solo in serata il DAP trova un braccialetto elettronico funzionante e l'ex direttore de L'Avanti lascia il carcere di Secondigliano.

Quando dieci anni fa venne introdotto il braccialetto elettronico per il controllo a distanza dei detenuti agli arresti domiciliari furono in molti a salutare l'evento come un momento decisivo della lotta al crimine.

L'aggeggio avrebbe infatti consentito un piu' efficace controllo dei delinquenti o presunti tali e avrebbe contribuito a svuotare le carceri. Il fallimento di quella iniziativa appare ora rappresentato plasticamente anche dal sofferto viaggio verso casa di Valter Lavitola, finito in carcere nell'aprile 2012 e che ha ottenuto ieri gli arresti domiciliari. Si', perche' solo stasera e' stato possibile dare corso alla scarcerazione e cio' a causa di una serie di intoppi: la ricerca nei depositi del Dap (il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria) di un braccialetto funzionante, la messa a punto di tutti gli accorgimenti tecnici per consentire il collegamento con le centrali delle forze dell'ordine, oltre ovviamente alle solite procedure burocratiche che sempre si propongono quando un recluso deve lasciare il penitenziario.

Al Dap in mattinata era stata trasmessa anche una sollecitazione di Francesco Cananzi, il giudice che aveva firmato il provvedimento con il quale si permetteva all'ex direttore dell'Avanti di far ritorno a casa purche' sorvegliato a distanza. ''Lavitola si trova in una situazione paradossale: per la giurisdizione dovrebbe trovarsi gia' a casa, ma l'adempimento amministrativo non e' stato ancora completato'', aveva dichiarato l'avvocato Gateano Balice, legale di Lavitola, prima che si sbloccasse il caso. Fu lo stesso difensore di Lavitola, nelle scorse settimane, a manifestare al giudice la disponibilita' dell'indagato a indossare il braccialetto, una misura che avrebbe consentito di fargli lasciare il carcere e prevenire cosi' quel pericolo di fuga che i magistrati hanno ritenuto sempre concreto alla luce della lunga latitanza trascorsa dal giornalista tra Panama, Brasile e Argentina (i magistrati ritengono, tra l'altro, che all'epoca abbia tagliato la corda dopo una fuga di notizie sull'imminente ordine di arresto).

L'applicazione della misura desto' sorpresa negli ambienti giudiziari, visto che il sistema appariva ormai di fatto ''abrogato'' per desuetudine. Lo scorso anno il vicecapo della polizia annuncio' sconfortato che erano solo 8 i detenuti ai domiciliari in Italia controllati con il braccialetto. Sembra che all'origine del fallimento del sistema vi siano i tanti casi di cattivo funzionamento, che talvolta costringeva per i falsi allarmi le pattuglie di polizia e carabinieri a percorrere la citta' a sirene spiegate per inutili controlli. Nel pomeriggio, stando alle indiscrezioni raccolte, il braccialetto funzionante e' stato reperito, ma si e' dovuto provvedere al collegamento elettronico, circostanza che ha fatto slittare l'uscita dal carcere di Secondigliano: solo in serata Lavitola ha potuto raggiungere la casa della moglie, scelta per i domiciliari. Non prima di essere pero' passato dai carabinieri della stazione di Ponte Milvio per munirsi dell'agognato braccialetto elettronico.

Il provvedimento era stato disposto nell'ambito dell'inchiesta sui fondi all'editoria , una delle tante vicende giudiziarie in cui e' coinvolto l'ex direttore di quello che fu lo storico giornale dei socialisti. Ma per alcune settimane Lavitola e' restato in carcere in base a un'altra ordinanza cautelare, relativa al tentativo di estorsione ai danni di Silvio Berlusconi (per il quale e' stato condannato in primi grado a 2 anni e 8 mesi). Ieri, anche in relazione a quest'ultima vicenda, il Tribunale del Riesame ha concesso i domiciliari all'imputato e pertanto Lavitola avrebbe dovuto entro poche ore, una volta conclusi gli adempimenti burocratici nel carcere di Secondigliano, ritornare nella sua abitazione a Roma. E' cominciato invece solo allora un nuovo caso dai toni tragici e grotteschi.

ANSA

Manca il braccialetto elettronico: Walter Lavitola rimane in carcere invece che ai domiciliari

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

2 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria