Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Il Governo non deve avere cedimenti sulla politica penitenziaria: il Procuratore aggiunto Gaetano Paci interviene al seminario del Centro Studi Pio La Torre

Polizia Penitenziaria - Il Governo non deve avere cedimenti sulla politica penitenziaria: il Procuratore aggiunto Gaetano Paci interviene al seminario del Centro Studi Pio La Torre


Notizia del 11/10/2016 - PALERMO
Letto (1709 volte)
 Stampa questo articolo


“Occorre che il Governo non abbia cedimenti sul tema della politica penitenziaria”. Cosi’ il procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Gaetano Paci, nel corso di un seminario, a Palermo, sull’evoluzione delle mafie organizzato dal Centro studi Pio La Torre. “Nell’ultimo disegno di legge che si trova alla Camera e che assembla varie questioni, si legge che per imputati o soggetti in stato di detenzione custodiale per reati di mafia non relativi al 41 bis e’ possibile la concessione di misure alternative alla detenzione. Mi auguro – sottolinea Paci – che questa norma venga rivista, sarebbe un grave cedimento rispetto a una frontiera, quella che riguarda l’ambiente penitenziario, su cui bisogna incidere con massimo rigore”.

E’ il grido d’allarme lanciato dal Procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Gaetano Paci, nel corso di un seminario, a Palermo, sull’evoluzione delle mafie organizzato dal Centro studi Pio La Torre. “A volte gli imputati vengono scarcerati perche’ non si fa in tempo a istruire i processi – continua Paci -. Se queste lacune non vengono colmate, tra qualche anno diremo che sappiamo tutto della ‘ndrangheta ma non abbiamo gli strumenti adeguati, seppure avanzatissimi”. 

“Ci troviamo di fronte a un’enorme problema di inadeguatezza degli organici. A Reggio Calabria dobbiamo affrontare 49 maxiprocessi con soltanto nove giudici, gli stessi di Pavia. Questo e’ un paradosso. Si rischia il ridicolo rispetto a questa irrazionale gestione delle risorse”.

Secondo Paci “il Governo deve darsi delle priorita’ e il nodo non riguarda l’aumento della pena di due anni, ma il farsi carico del compito di colmare enormi deficit strutturali e di trovare un’interlocuzione con tutte le forze internazionali per individuare prassi e protocolli comuni per un intervento congiunto con Paesi europei ed extraeuropei”.

Italpress

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 Tentativo di rivolta dei detenuti magrebini nel carcere di Prato: bloccato accesso alla terza sezione con brande

3 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

4 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

7 Poliziotto penitenziario aggredito con bastoni da detenuto nel carcere di Napoli Secondigliano

8 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

9 Poliziotto penitenziario trasportato d''urgenza in ospedale dopo aggressione da parte di un detenuto del carcere di Ariano Irpino

10 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Terrorismo islamico: Polizia Penitenziaria armata anche fuori dal servizio. Emanata circolare DAP

2 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

3 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

4 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

5 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

6 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Le proteste pretestuose

9 Il ''malvezzo'' lo rispediamo al mittente

10 L’importanza dell’attività di polizia all’interno delle carceri italiane