Settembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Settembre 2017  
  Archivio riviste    
Il muro di cinta del carcere di Sollicciano rischia di crollare: utilizzato meno acciaio previsto dal contratto

Polizia Penitenziaria - Il muro di cinta del carcere di Sollicciano rischia di crollare: utilizzato meno acciaio previsto dal contratto


Notizia del 06/07/2016 - FIRENZE
Letto (1499 volte)
 Stampa questo articolo


"Il carcere più buio e tetro che abbia mai visto". Così lo ha descritto Giuseppe Gulotta, vittima di uno dei più terrificanti errori giudiziari della storia italiana, che vi fu rinchiuso nel 1990. "Sollicciano è un carcere costruito male e con carenze evidenti", dichiarò il primo aprile 2004 il ministro della giustizia Roberto Castelli.

Per anni l'istituto fiorentino - ultimato nel 1982 e non 200 anni fa - ha sopportato infiltrazioni di acqua, con allagamenti nei corridoi e muffa alle pareti. "Pioveva dentro come fuori", sintetizza il garante dei detenuti Eros Cruccolini. La presidente del tribunale Marilena Rizzo ha spiegato ieri che ci sono problemi di sicurezza statica del muro di cinta. In effetti nel settembre 2015 una parte del muro è crollata. Hanno ceduto circa dieci metri di cemento armato. In gennaio una parte del carcere è restato al gelo per il guasto dell'impianto di riscaldamento.

Dopo una serie di denunce della Asl, il ministero della giustizia ha stanziato tre milioni per gli interventi più urgenti. Sono in corso i lavori per riparare il tetto, così da scongiurare nuove infiltrazioni d'acqua e sono state bandite le gare per l'ampliamento dei passeggi, per realizzare una seconda cucina nel maschile e per garantire acqua calda e servizi igienici con doccia nel femminile. Sulla situazione di Sollicciano si sono già tenuti due incontri al ministero e il terzo è in programma il 19 luglio. "Noi puntiamo al miglioramento delle condizioni di vita", spiega Cruccolini: "Neppure dieci giorni fa un detenuto si è ucciso e domenica scorsa una ragazza ha tentato il suicidio".

Franco Corleone, garante regionale dei detenuti, spiega che fra le proposte vi è quella di un centro di osservazione psichiatrica per tutti i detenuti che entrano in carcere e una articolazione psichiatrica, cioè una sezione non carceraria per persone che soffrono di disturbi psichici. E c'è l'ipotesi di spostare la sezione femminile al Gozzini, più noto come Solliccianino. Non è chiaro, però, se pur con tutta la buona volontà sia possibile porre rimedio ai difetti strutturali di Sollicciano, Donato Capece, segretario del Sappe, riconosce che sono state stanziate risorse ma sostiene che ancora non è migliorato niente: "Molte carceri - spiega - patiscono ancora gli effetti di scandali e scandaletti".

Sollicciano fu progettato come un carcere modello, con una pianta che si ispirava al giglio di Firenze, ma sui lavori realizzati dall'impresa Pontello cadde a fine 1982 la giunta di sinistra guidata da Elio Gabbuggiani, perché il vicesindaco socialista Ottaviano Colzi denunciò che il direttore dei lavori Alessandro Chimenti (iscritto al Pci) prestava la sua attività libero professionale alla Pontello. Il pm Ubaldo Nannucci aprì un'inchiesta. Una consulenza rivelò che l'impresa aveva risparmiato su ferro e calcestruzzo.

Nella cinta muraria l'acciaio era presente solo al 61% rispetto al capitolato d'appalto. Secondo i consulenti ciò non creava problemi di sicurezza statica ma avrebbe inciso sulla durata dell'opera. Alla fine tutti gli indagati furono prosciolti o amnistiati. Fra questi anche il direttore dei lavori per le opere statali, ingegner Angelo Balducci, divenuto anni dopo protagonista dell'inchiesta sulla cricca delle Grandi Opere e condannato per corruzione nel processo sulla Scuola carabinieri di Castello.

La Repubblica

 

Muro di cinta di Sollicciano a rischio crollo: sospeso il servizio di sentinelle e attivata la doppia ronda

 

Crolla una parte del muro di cinta di Sollicciano: tragedia sfiorata, il camminamento era già chiuso

 

Il carcere di Sollicciano è al tracollo: emergenza da un momento all'altro

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Poliziotto penitenziario ferito alla testa da un detenuto: è in gravi condizioni

2 Quanto guadagna un poliziotto penitenziario?

3 Condannato a tre anni e due mesi ex Agente penitenziario: vendeva droga e telefonini nel carcere di Aosta

4 Ministro Orlando annuncia nuove assunzioni: 48 poliziotti in più nel 2017 e 57 come anticipo 2018

5 Detenuta evade dal cancello principale del carcere di Rebibbia: era appena arrivata

6 Consegnava droga nel carcere di Brescia: arrestato Poliziotto penitenziario ora rinchiuso nel carcere militare

7 Pentito rivela: tutti i detenuti hanno un coltello nel carcere di Reggio Emila

8 DAP autorizza visite dei Radicali in 35 carceri per la prossima settimana

9 Detenuto autorizzato a lavorare all''esterno non rientra in carcere, il Garante: sono sorpresa

10 Invitati per un pranzo con Papa Francesco: due detenuti si danno alla fuga poco prima di arrivare


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Pasquale Di Lorenzo, Sovrintendente di Polizia Penitenziaria ucciso dalla mafia il 13 ottobre 1992

2 Detenuta arriva in carcere ma si nasconde tra la folla ed evade da Rebibbia

3 Dichiarazioni Andrea Orlando: caserme gratuite per la Polizia Penitenziaria e Decreto trasferimenti sedi extra moenia

4 Carceri, SAPPE: “Questo Governo toglie il pacco dono dell’Epifania ai poliziotti penitenziari per pagare l’aumento di stipendio dell’83% ai detenuti che lavorano: vergognoso!”

5 Gennaro De Angelis, Agente di Custodia ucciso dalla camorra il 15 ottobre 1982

6 Decreto Orlando sulla mobilità del personale: ma perchè il Ministro invece di perder tempo coi videomessaggi non istituisce la direzione generale del Corpo?

7 In memoria di Francesco Di Maggio, Magistrato e Vice Capo DAP deceduto il 7 ottobre 1996

8 In memoria di Ignazio De Florio, Agente di Custodia ucciso in un agguato camorristico l''11 ottobre 1983

9 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei funzionari del Corpo e ispettori-funzionari. Ma i dirigenti penitenziari e gli altri funzionari civili, saranno contenti?

10 Scomparso stamattina a Roma il Professor Lionello Pascone, generale in congedo del Corpo di Polizia Penitenziaria