Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Il piano carceri del governo per Strasburgo

Polizia Penitenziaria - Il piano carceri del governo per Strasburgo


Notizia del 25/04/2014 - ROMA
Letto (1934 volte)
 Stampa questo articolo


Sovraffollamento nelle carceri italiane, addio. Entro la fine di maggio tutti i detenuti avranno almeno tre metri quadrati a disposizione nella cella che occupano. E se ci saranno casi differenti, si tratterà di «situazioni non permanenti, e piuttosto eccezionali comparate alla totale popolazione carceraria di 60mila detenuti» e contro cui il detenuto può far intervenire il giudice di sorveglianza. Questo è quanto assicura, nero su bianco, il ministero della giustizia nel piano d’azione anti sovraffollamento depositato al Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa.

Manca ormai un mese alla scadenza imposta dalla Corte di Strasburgo che nel gennaio 2013 ha condannato l’Italia per la situazione delle carceri, dando tempo al nostro Paese fino al 27 maggio per individuare le soluzioni. Il piano governativo, di misure prese o da prendere per ridurre il sovraffollamento ne contiene tante, come tante sono quelle per migliorare la vita dei detenuti. Cui si aggiunge l’impegno a introdurre un sistema per indennizzare chi è stato costretto in una cella con meno di tre metri quadri di spazio.

Per assicurare che i detenuti abbiano più spazio nelle celle, il governo ha agito su due fronti, con l’introduzione di misure che riducano le entrate in carcere e aumentino le uscite, e con la costruzione di nuove strutture detentive oltre che con la ristrutturazione di quelle già esistenti. Dai dati presentati dal governo la situazione rispetto a quando l’Italia è stata condannata un anno fa è migliorata. I detenuti sono passati da 66.028 a 60.419 (dato del 20 marzo), mentre le vittime del sovraffollamento sono scese da «sicuramente più di 10mila» a 1.972 il 21 marzo di quest’anno.

Ma il governo non vuole solo aumentare lo spazio vitale nelle celle, ma migliorare anche la vita dei detenuti, almeno di quelli per cui sono richieste misure di sicurezza bassa o media. Così entro maggio l’88% di questi detenuti dovrebbe poter trascorrere almeno 8 ore fuori dalla propria cella e si sta sperimentando a Roma e Bologna la creazione di spazi polifunzionali dove possano raccogliersi per lavorare e mangiare assieme. Nelle stesse carceri si sta inoltre sperimentando una cooperazione con il comitato olimpico nazionale per introdurre diverse attività sportive. Mentre per dare ai detenuti la possibilità di mantenere i rapporti con l’esterno, in particolare con i propri familiari, oltre ad aumentare gli orari di visita, il governo intende introdurre l’uso delle carte telefoniche in tutte le carceri e consentire l’uso di Skype in quelle dotate delle necessarie infrastrutture Itc.

Ma se il Consiglio d’Europa sta ancora analizzando il piano d’azione presentato dal ministero di giustizia, di cui darà un giudizio solo i primi di giugno, sono già arrivate le critiche di Leo Beneduci, segretario generale dell’Organizzazione sindacale autonoma Polizia Penitenziaria. «Senza misure realmente strutturali da parte del Parlamento, al di là dei temporanei miglioramenti la situazione delle carceri resta critica, con almeno il 50% in uno stato di grave degrado» ha affermato Beneduci, sottolineando che nel frattempo la Polizia Penitenziaria ha perso 2mila unità e che la carenza di organico è ora del 25%.

avvenire 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 Tentativo di rivolta dei detenuti magrebini nel carcere di Prato: bloccato accesso alla terza sezione con brande

3 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

4 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

7 Poliziotto penitenziario aggredito con bastoni da detenuto nel carcere di Napoli Secondigliano

8 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

9 Poliziotto penitenziario trasportato d''urgenza in ospedale dopo aggressione da parte di un detenuto del carcere di Ariano Irpino

10 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Terrorismo islamico: Polizia Penitenziaria armata anche fuori dal servizio. Emanata circolare DAP

2 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

3 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

4 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

5 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

6 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Le proteste pretestuose

9 Il ''malvezzo'' lo rispediamo al mittente

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!