Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Il racconto di Francesco Romano: intervista in cui racconta le operazioni di salvataggio della Norman Atlantic

Polizia Penitenziaria - Il racconto di Francesco Romano: intervista in cui racconta le operazioni di salvataggio della Norman Atlantic


Notizia del 04/01/2015 - TRAPANI
Letto (2633 volte)
 Stampa questo articolo


E’ tornato a casa, finalmente. Dall’alba di domenica scorsa, 28 dicembre, quando è scoppiato l’inferno a bordo della “Norman Atlantic”, Francesco Romano ha pensato più agli altri che a se stesso. Il 29enne ufficiale di macchina trapanese, figlio del comandante della Polizia Penitenziaria della Casa circondariale di Trapani, era – da due mesi – tra i componenti dell’equipaggio del traghetto italiano. Nelle terribili fasi seguite al divampare dell’incendio è riuscito a mantenere la calma e, insieme al marinaio Francesco Nardulli, ha calato in mare una delle scialuppe di salvataggio, la numero 2 di sinistra, della quale, secondo le procedure previste, era il responsabile, mettendo in salvo almeno 40 persone.

“La gente era terrorizzata – racconta Romano - e si accalcava sul ponte per salire sulla lancia che noi stavamo approntando come prevedono le procedure di emergenza. Ma lì le persone non ci dovevano essere”. Romano è critico nei confronti dell’equipaggio greco del traghetto che avrebbe dovuto gestire l’evacuazione dei passeggeri. “Io ho provato a farle aspettare – prosegue – urlavo calma, calma, ma la ressa era enorme. A quel punto, mentre il ponte bruciava sotto i nostri piedi e la gente aveva le scarpe sciolte dal calore, molti si sono riversati a valanga sulla scialuppa. Sono caduto a terra, travolto, e mi sono passati addosso. Quando mi sono rialzato ho visto che, per salire sulla lancia, la gente scivolava e cadeva in mare, allora ho dato ordine di calare l’imbarcazione”. Poi i due tentativi di trasbordare i passeggeri dalla scialuppa su un primo  mercantile accorso sul posto.

“Mentre salivano lungo la scaletta due persone non ce l’hanno fatta- racconta ancora Francesco Romano – erano un giovane e una donna che sono stati immediatamente inghiottiti dalle onde. Si sono rotte le cime che ci tenevano assicurati alla nave e abbiamo rischiato di essere risucchiati anche noi“.

Infine, dopo ore in balia delle onde, il recupero da parte dell’equipaggio del mercantile “Aby Jeannette”: “sono stati eccezionali, ci hanno tirato su a braccia con le reti”, commenta l’ufficiale di macchina trapanese. Dalla scialuppa sono sbarcati anche donne e bambini, tutti di  nazionalità straniera. Nelle ore successive, mentre i passeggeri ancora sul traghetto alla deriva venivano evacuati con l’ausilio di elicotteri che hanno fatto la spola con la terraferma, Francesco Romano e i compagni sono rimasti a bordo della nave che li aveva salvati in attesa di poter toccare terra. Sono arrivati al porto di Taranto il 31 dicembre.

Intanto, oggi, il relitto della “Norman Atlantic” è giunto, trainato da rimorchiatori, al porto di Brindisi. Sulla nave è stato effettuato un primo sopralluogo da parte dei magistrati della Procura e degli ufficiali della Capitaneria di Porto di Bari ed è stata recuperata la scatola nera che potrà, forse, contribuire a far luce su quanto accaduto.

Oltre al comandante della nave Argilio Giacomazzi e all’armatore Carlo Visentini, la procura di Bari ha formalmente iscritto nel registro degli indagati altre quattro persone, tra cui Francesco Romano. Gli altri sono il primo ufficiale del traghetto, Luigi Iovine, e due responsabili della società noleggiatrice.

trapanioggi.it

Francesco Romano, figlio del Comandante della Polizia Penitenziaria di Trapani, salva 50 persone dalla tragedia del Norman Atlantic

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei Funzionari del Corpo. Capitolo 2

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

6 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

7 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia