Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Il racconto di Francesco Romano: intervista in cui racconta le operazioni di salvataggio della Norman Atlantic

Polizia Penitenziaria - Il racconto di Francesco Romano: intervista in cui racconta le operazioni di salvataggio della Norman Atlantic


Notizia del 04/01/2015 - TRAPANI
Letto (2688 volte)
 Stampa questo articolo


E’ tornato a casa, finalmente. Dall’alba di domenica scorsa, 28 dicembre, quando è scoppiato l’inferno a bordo della “Norman Atlantic”, Francesco Romano ha pensato più agli altri che a se stesso. Il 29enne ufficiale di macchina trapanese, figlio del comandante della Polizia Penitenziaria della Casa circondariale di Trapani, era – da due mesi – tra i componenti dell’equipaggio del traghetto italiano. Nelle terribili fasi seguite al divampare dell’incendio è riuscito a mantenere la calma e, insieme al marinaio Francesco Nardulli, ha calato in mare una delle scialuppe di salvataggio, la numero 2 di sinistra, della quale, secondo le procedure previste, era il responsabile, mettendo in salvo almeno 40 persone.

“La gente era terrorizzata – racconta Romano - e si accalcava sul ponte per salire sulla lancia che noi stavamo approntando come prevedono le procedure di emergenza. Ma lì le persone non ci dovevano essere”. Romano è critico nei confronti dell’equipaggio greco del traghetto che avrebbe dovuto gestire l’evacuazione dei passeggeri. “Io ho provato a farle aspettare – prosegue – urlavo calma, calma, ma la ressa era enorme. A quel punto, mentre il ponte bruciava sotto i nostri piedi e la gente aveva le scarpe sciolte dal calore, molti si sono riversati a valanga sulla scialuppa. Sono caduto a terra, travolto, e mi sono passati addosso. Quando mi sono rialzato ho visto che, per salire sulla lancia, la gente scivolava e cadeva in mare, allora ho dato ordine di calare l’imbarcazione”. Poi i due tentativi di trasbordare i passeggeri dalla scialuppa su un primo  mercantile accorso sul posto.

“Mentre salivano lungo la scaletta due persone non ce l’hanno fatta- racconta ancora Francesco Romano – erano un giovane e una donna che sono stati immediatamente inghiottiti dalle onde. Si sono rotte le cime che ci tenevano assicurati alla nave e abbiamo rischiato di essere risucchiati anche noi“.

Infine, dopo ore in balia delle onde, il recupero da parte dell’equipaggio del mercantile “Aby Jeannette”: “sono stati eccezionali, ci hanno tirato su a braccia con le reti”, commenta l’ufficiale di macchina trapanese. Dalla scialuppa sono sbarcati anche donne e bambini, tutti di  nazionalità straniera. Nelle ore successive, mentre i passeggeri ancora sul traghetto alla deriva venivano evacuati con l’ausilio di elicotteri che hanno fatto la spola con la terraferma, Francesco Romano e i compagni sono rimasti a bordo della nave che li aveva salvati in attesa di poter toccare terra. Sono arrivati al porto di Taranto il 31 dicembre.

Intanto, oggi, il relitto della “Norman Atlantic” è giunto, trainato da rimorchiatori, al porto di Brindisi. Sulla nave è stato effettuato un primo sopralluogo da parte dei magistrati della Procura e degli ufficiali della Capitaneria di Porto di Bari ed è stata recuperata la scatola nera che potrà, forse, contribuire a far luce su quanto accaduto.

Oltre al comandante della nave Argilio Giacomazzi e all’armatore Carlo Visentini, la procura di Bari ha formalmente iscritto nel registro degli indagati altre quattro persone, tra cui Francesco Romano. Gli altri sono il primo ufficiale del traghetto, Luigi Iovine, e due responsabili della società noleggiatrice.

trapanioggi.it

Francesco Romano, figlio del Comandante della Polizia Penitenziaria di Trapani, salva 50 persone dalla tragedia del Norman Atlantic

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”