Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Il vecchio carcere di Varese cade a pezzi ma non verrà riparato, i soldi servono per il nuovo che non si farà

Polizia Penitenziaria - Il vecchio carcere di Varese cade a pezzi ma non verrà riparato, i soldi servono per il nuovo che non si farà


Notizia del 24/02/2013 - VARESE
Letto (2120 volte)
 Stampa questo articolo


Dopo l’evasione rocambolesca di tre detenuti dai Miogni è tornato di strettissima attualità l’annosa questione del carcere in città. Pratica che, per un problema di mancanza di soldi pubblici, è ferma al palo da ben tre anni. Il piano carceri varato dal governo Berlusconi nel 2010 infatti ha messo l’amministrazione cittadina in una condizione che ha del paradossale: obbligata da un decreto a indicare un’area dove realizzare il nuovo carcere, una maxi struttura che dovrebbe contenere almeno 450 detenuti, non ha ancora ricevuto però i soldi dovuti dal ministero di Grazia e Giustizia per procedere con l’operazione; nel frattempo, come se non bastasse, il vecchio e fatiscente Miogni sulla carta risulta un carcere dismesso: significa che il ministero non spenderà un centesimo per sistemarlo o ampliarlo. Nel frattempo, qualcuno deve intervenire quanto meno per "mettere una pezze" viste le lacune denunciate dagli stessi operatori, come nell’ultima relazione del comandante della Polizia penitenziaria risalente a un mese fa. Il Comune, però, non ha le risorse necessarie per fare alcunché.

"Non ho la minima idea di quello che succederà perché è una partita totalmente in mano al ministero e al provveditore regionale per le opere pubbliche - afferma il sindaco Attilio Fontana - Da parte nostra abbiamo fatto quello che ci hanno chiesto a tempo debito, cioè indicare un’area, ma non abbiamo più avuto notizie. In ogni caso dubito fortemente che ci siano le risorse per farlo".

Il piano carceri imponeva alle amministrazioni comunali delle grandi metropoli e di altre otto città considerate strategiche - Varese, Brescia, Bolzano, Pordenone, Pinerolo, Paliano, Latina e Marsala - di mettere a disposizione delle aree, non necessariamente di proprietà comunale, per edificare la nuova struttura. Formalmente, il quartiere indicato dal consiglio comunale il 23 ottobre 2008 è ancora quello dei Duni a Bizzozero, ma il sindaco da tempo ha messo il veto. "Per quanto mi riguarda non se ne parla di rovinare una delle ultime zone verdi rimaste", ribadisce Fontana. Anche perché la nuova edilizia carceraria prevede strutture a un solo piano con un consumo di territorio decisamente esteso. Così l’Amministrazione ha individuato altre zone, in primis un terreno nel rione Valle Olona, nonostante qualche difficoltà relativa al rischio idrogeologico per il quale però sono già in corso opere di messa in sicurezza sul corso del fiume per circa 2 milioni di euro, finanziati dalla Regione e da fondi europei. Il problema però resta ancora di natura economica.

Costruzione della struttura a parte, il collegamento con la rete fognaria e tutte le opere accessorie infatti dovrebbero essere a carico del Comune, secondo il ministero, senza che però lo Stato paghi in cambio gli oneri di urbanizzazione o realizzi strutture necessarie alla cittadinanza. L’amministrazione non fa i salti di gioia all’idea di accollarsi anche queste nuove, ingenti spese. Impossibile anche utilizzare le aree dismesse: anche qui questione pecuniaria, tanto per cambiare.

Intanto oltre alle condizioni strutturali a dir poco problematiche, con una capienza regolamentare di 53 posti e una massima tollerata di 99 il Miogni non rispetta nemmeno la normativa europea sugli spazi per ogni detenuto.

www.ilgiorno.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

5 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

8 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

9 Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 L’estate del detenuto

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!