Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Il vecchio carcere di Varese cade a pezzi ma non verrà riparato, i soldi servono per il nuovo che non si farà

Polizia Penitenziaria - Il vecchio carcere di Varese cade a pezzi ma non verrà riparato, i soldi servono per il nuovo che non si farà


Notizia del 24/02/2013 - VARESE
Letto (2340 volte)
 Stampa questo articolo


Dopo l’evasione rocambolesca di tre detenuti dai Miogni è tornato di strettissima attualità l’annosa questione del carcere in città. Pratica che, per un problema di mancanza di soldi pubblici, è ferma al palo da ben tre anni. Il piano carceri varato dal governo Berlusconi nel 2010 infatti ha messo l’amministrazione cittadina in una condizione che ha del paradossale: obbligata da un decreto a indicare un’area dove realizzare il nuovo carcere, una maxi struttura che dovrebbe contenere almeno 450 detenuti, non ha ancora ricevuto però i soldi dovuti dal ministero di Grazia e Giustizia per procedere con l’operazione; nel frattempo, come se non bastasse, il vecchio e fatiscente Miogni sulla carta risulta un carcere dismesso: significa che il ministero non spenderà un centesimo per sistemarlo o ampliarlo. Nel frattempo, qualcuno deve intervenire quanto meno per "mettere una pezze" viste le lacune denunciate dagli stessi operatori, come nell’ultima relazione del comandante della Polizia penitenziaria risalente a un mese fa. Il Comune, però, non ha le risorse necessarie per fare alcunché.

"Non ho la minima idea di quello che succederà perché è una partita totalmente in mano al ministero e al provveditore regionale per le opere pubbliche - afferma il sindaco Attilio Fontana - Da parte nostra abbiamo fatto quello che ci hanno chiesto a tempo debito, cioè indicare un’area, ma non abbiamo più avuto notizie. In ogni caso dubito fortemente che ci siano le risorse per farlo".

Il piano carceri imponeva alle amministrazioni comunali delle grandi metropoli e di altre otto città considerate strategiche - Varese, Brescia, Bolzano, Pordenone, Pinerolo, Paliano, Latina e Marsala - di mettere a disposizione delle aree, non necessariamente di proprietà comunale, per edificare la nuova struttura. Formalmente, il quartiere indicato dal consiglio comunale il 23 ottobre 2008 è ancora quello dei Duni a Bizzozero, ma il sindaco da tempo ha messo il veto. "Per quanto mi riguarda non se ne parla di rovinare una delle ultime zone verdi rimaste", ribadisce Fontana. Anche perché la nuova edilizia carceraria prevede strutture a un solo piano con un consumo di territorio decisamente esteso. Così l’Amministrazione ha individuato altre zone, in primis un terreno nel rione Valle Olona, nonostante qualche difficoltà relativa al rischio idrogeologico per il quale però sono già in corso opere di messa in sicurezza sul corso del fiume per circa 2 milioni di euro, finanziati dalla Regione e da fondi europei. Il problema però resta ancora di natura economica.

Costruzione della struttura a parte, il collegamento con la rete fognaria e tutte le opere accessorie infatti dovrebbero essere a carico del Comune, secondo il ministero, senza che però lo Stato paghi in cambio gli oneri di urbanizzazione o realizzi strutture necessarie alla cittadinanza. L’amministrazione non fa i salti di gioia all’idea di accollarsi anche queste nuove, ingenti spese. Impossibile anche utilizzare le aree dismesse: anche qui questione pecuniaria, tanto per cambiare.

Intanto oltre alle condizioni strutturali a dir poco problematiche, con una capienza regolamentare di 53 posti e una massima tollerata di 99 il Miogni non rispetta nemmeno la normativa europea sugli spazi per ogni detenuto.

www.ilgiorno.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)