Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Imbratta il carcere di Sondrio con spray ma viene arrestato. Era un ex detenuto con numerosi precedenti penali

Polizia Penitenziaria - Imbratta il carcere di Sondrio con spray ma viene arrestato. Era un ex detenuto con numerosi precedenti penali


Notizia del 09/10/2016 - SONDRIO
Letto (1383 volte)
 Stampa questo articolo


Sondrio, 8 ottobre 2016 - Operazione lampo della Polizia di Stato. Gli agenti della Digos della Questura di Sondrio, in appena due giorni, hanno dato un nome e un cognome all’ombra che nella notte di martedì 4 ottobre, con movimenti fulminei, ha imbrattato i muri del carcere del capoluogo. Ecco, dunque, svelato con rapidità ed efficienza da parte degli investigatori della Questura, il mistero nascosto dietro la frase “Non siete soli, Sondrio brucia", vergata a spray verde, sui muri del carcere cittadino. 

Si è trattato del gesto di un uomo di 33 anni, B.S., disoccupato, e con svariati precedenti penali, che da neanche un mese ha lasciato la struttura carceraria, dove era ristretto in quanto sottoposto ad una misura cautelare per il reato di rapina e che voleva manifestare la sua “vicinanza” ai detenuti, avendo seguito la recente polemica. Gli investigatori della Questura hanno ricostruito meticolosamente i movimenti del soggetto, che nella notte, con felpa nera, cappuccio, jeans strappati e andatura caracollante, ha vagato senza essere notato da anima viva.

Grazie comunque alla visione di ore e ore di filmati delle varie telecamere, posizionate nei punti nevralgici cittadini, sono stati individuati gli elementi necessari a deferire all’Autorità giudiziaria, per il reato di danneggiamento aggravato, l’imbrattatore notturno. E’ stata proprio la rilevazione, l’osservazione e il riscontro certosino di alcuni dettagli (quali la mano mancina con la quale è stata realizzata la scritta, il colore rosso al centro della felpa nera) che hanno consentito di ritenere, con fondata sicurezza, che l’autore del gesto fosse proprio l’uomo nei cui confronti si erano appuntate le iniziali indagini.

Dopo averlo fermato per un controllo, nei giardinetti di Piazzale Merizzi, l’uomo è stato accompagnato in Questura dagli agenti per essere identificato. E' stata proprio l’astuzia degli investigatori a far cadere in contraddizione l’uomo, il quale, dopo un breve colloquio, appreso che le telecamere lo inchiodavano in modo inequivocabile, ha ammesso le proprie responsabilità.

ilgiorno.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

10 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

9 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico