Maggio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2017  
  Archivio riviste    
Imbratta il carcere di Sondrio con spray ma viene arrestato. Era un ex detenuto con numerosi precedenti penali

Polizia Penitenziaria - Imbratta il carcere di Sondrio con spray ma viene arrestato. Era un ex detenuto con numerosi precedenti penali


Notizia del 09/10/2016 - SONDRIO
Letto (1188 volte)
 Stampa questo articolo


Sondrio, 8 ottobre 2016 - Operazione lampo della Polizia di Stato. Gli agenti della Digos della Questura di Sondrio, in appena due giorni, hanno dato un nome e un cognome all’ombra che nella notte di martedì 4 ottobre, con movimenti fulminei, ha imbrattato i muri del carcere del capoluogo. Ecco, dunque, svelato con rapidità ed efficienza da parte degli investigatori della Questura, il mistero nascosto dietro la frase “Non siete soli, Sondrio brucia", vergata a spray verde, sui muri del carcere cittadino. 

Si è trattato del gesto di un uomo di 33 anni, B.S., disoccupato, e con svariati precedenti penali, che da neanche un mese ha lasciato la struttura carceraria, dove era ristretto in quanto sottoposto ad una misura cautelare per il reato di rapina e che voleva manifestare la sua “vicinanza” ai detenuti, avendo seguito la recente polemica. Gli investigatori della Questura hanno ricostruito meticolosamente i movimenti del soggetto, che nella notte, con felpa nera, cappuccio, jeans strappati e andatura caracollante, ha vagato senza essere notato da anima viva.

Grazie comunque alla visione di ore e ore di filmati delle varie telecamere, posizionate nei punti nevralgici cittadini, sono stati individuati gli elementi necessari a deferire all’Autorità giudiziaria, per il reato di danneggiamento aggravato, l’imbrattatore notturno. E’ stata proprio la rilevazione, l’osservazione e il riscontro certosino di alcuni dettagli (quali la mano mancina con la quale è stata realizzata la scritta, il colore rosso al centro della felpa nera) che hanno consentito di ritenere, con fondata sicurezza, che l’autore del gesto fosse proprio l’uomo nei cui confronti si erano appuntate le iniziali indagini.

Dopo averlo fermato per un controllo, nei giardinetti di Piazzale Merizzi, l’uomo è stato accompagnato in Questura dagli agenti per essere identificato. E' stata proprio l’astuzia degli investigatori a far cadere in contraddizione l’uomo, il quale, dopo un breve colloquio, appreso che le telecamere lo inchiodavano in modo inequivocabile, ha ammesso le proprie responsabilità.

ilgiorno.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Riparte il Concorso Allievi Agenti di Polizia Penitenziaria 100 donne e 300 uomini

2 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

3 Serve sangue per la figlia di un collega: coinvolta in un incidente a Cosenza è in coma

4 Imboscata ad Agente penitenziario: c''è un problema in bagno e quando arriva i detenuti lo aggrediscono

5 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

6 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

7 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

8 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

9 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa

10 Perquisizione nel carcere di Rimini: 5 telefonini, 3 grammi di hashish, 2 coltelli rudimentali, una chiavetta USB


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

4 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

5 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

6 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

7 Commissione Antimafia: relazione del Presidente Rosy Bindi sullo stato di salute di Salvatore Riina

8 Lotta al terrorismo: maggior contributo della Polizia Penitenziaria e partecipazione ai Comitati provinciali ordine e sicurezza

9 Ministro Orlando vigili affinchè il DAP non ritardi anche nell’attuazione del riallineamento

10 La "famiglia di caserma" e l''attesa del trasferimento vicino casa