Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Imbratta il carcere di Sondrio con spray ma viene arrestato. Era un ex detenuto con numerosi precedenti penali

Polizia Penitenziaria - Imbratta il carcere di Sondrio con spray ma viene arrestato. Era un ex detenuto con numerosi precedenti penali


Notizia del 09/10/2016 - SONDRIO
Letto (1094 volte)
 Stampa questo articolo


Sondrio, 8 ottobre 2016 - Operazione lampo della Polizia di Stato. Gli agenti della Digos della Questura di Sondrio, in appena due giorni, hanno dato un nome e un cognome all’ombra che nella notte di martedì 4 ottobre, con movimenti fulminei, ha imbrattato i muri del carcere del capoluogo. Ecco, dunque, svelato con rapidità ed efficienza da parte degli investigatori della Questura, il mistero nascosto dietro la frase “Non siete soli, Sondrio brucia", vergata a spray verde, sui muri del carcere cittadino. 

Si è trattato del gesto di un uomo di 33 anni, B.S., disoccupato, e con svariati precedenti penali, che da neanche un mese ha lasciato la struttura carceraria, dove era ristretto in quanto sottoposto ad una misura cautelare per il reato di rapina e che voleva manifestare la sua “vicinanza” ai detenuti, avendo seguito la recente polemica. Gli investigatori della Questura hanno ricostruito meticolosamente i movimenti del soggetto, che nella notte, con felpa nera, cappuccio, jeans strappati e andatura caracollante, ha vagato senza essere notato da anima viva.

Grazie comunque alla visione di ore e ore di filmati delle varie telecamere, posizionate nei punti nevralgici cittadini, sono stati individuati gli elementi necessari a deferire all’Autorità giudiziaria, per il reato di danneggiamento aggravato, l’imbrattatore notturno. E’ stata proprio la rilevazione, l’osservazione e il riscontro certosino di alcuni dettagli (quali la mano mancina con la quale è stata realizzata la scritta, il colore rosso al centro della felpa nera) che hanno consentito di ritenere, con fondata sicurezza, che l’autore del gesto fosse proprio l’uomo nei cui confronti si erano appuntate le iniziali indagini.

Dopo averlo fermato per un controllo, nei giardinetti di Piazzale Merizzi, l’uomo è stato accompagnato in Questura dagli agenti per essere identificato. E' stata proprio l’astuzia degli investigatori a far cadere in contraddizione l’uomo, il quale, dopo un breve colloquio, appreso che le telecamere lo inchiodavano in modo inequivocabile, ha ammesso le proprie responsabilità.

ilgiorno.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria