Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
In permesso per accompagnare la figlia, ma il detenuto non rientra nel carcere di Bolzano

Polizia Penitenziaria - In permesso per accompagnare la figlia, ma il detenuto non rientra nel carcere di Bolzano


Notizia del 07/04/2016 - BOLZANO
Letto (999 volte)
 Stampa questo articolo


Un detenuto italiano in carcere a Bolzano per una serie di reati contro il patrimonio, è evaso l’altra sera dalla casa mandamentale di via Dante a conclusione di una giornata rocambolesca. L’uomo, un cittadino nomade che ha un residuo di pena da scontare di oltre quattro anni, aveva chiesto nei giorni scorsi il permesso di uscire dal carcere per due o tre ore dimostrando che avrebbe voluto accompagnare la figlia ad una visita medica specialistica. La richiesta è stata inoltrata alla direttrice del carcere e da questa al dottor Claudio Gottardi, magistrato di sorveglianza il quale - secondo le informazioni trapelate - avrebbe in un primo tempo autorizzato il detenuto ad accompagnare la figlia ma sotto scorta, dunque alla presenza di agenti della Polizia Penitenziaria.

L’uomo, che probabilmente da qualche tempo aveva in mente di utilizzare l’occasione per evadere, sarebbe riuscito a ottenere la fiducia della direttrice la quale avrebbe speso parole di rassicurazione con il giudice di sorveglianza per evitare di mobilitare la scorta.Insomma vi sarebbe stato un vero e proprio atto di fiducia che il detenuto in questione ha poi clamorosamente tradito.

In effetti alla mezzanotte di martedì scorso (ora entro la quale il nomade avrebbe dovuto rientrare) è scattato l’allarme. Per il momento, però, inutilmente. La direttrice si è mobilitata addirittura alle cinque del mattino per verificare se vi fosse la possibilità di un primo tentativo di rintracciare il detenuto nelle zone solitamente frequentate proprio da nomadi. L’uomo, però, che ha un residuo di pena piuttosto elevato, è riuscito - almeno per il momento - a far perdere le proprie tracce.

Secondo quanto segnalato non sarebbe la prima volta, nelle ultime settimane, che un detenuto tradisce un atto di fiducia e non rientra in cella provocando l’inevitabile mobilitazione delle forse dell’ordine. Anche in questo caso le ricerche sono ininterrotte.

altoadige.gelocal.it

Vigevano, detenuto evade al suo primo permesso premio

STATISTICHE CARCERI REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE
Statistiche carceri Regione Trentino-Alto Adige







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

3 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

4 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

7 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

8 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

9 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

10 Seminfermo di mente e pericoloso omicida fuge da REMS: è il terzo caso in poche settimane


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

8 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

9 Accreditati 320 euro di bonus . Ora si attende il Decreto per le funzioni direttive a marescialli e ispettori

10 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946