Domani viene ricordato Antonino Burrafato, un brigadiere che lavorava nel carcere di Termini Imerese e che fu ucciso perchè si rifiutò di sottostare alla mafia e ai detenuti mafiosi. L'evento è sostenuto dall'Amministrazione Penitenziaria e dal Mini" />

  Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
In ricordo di Antonino Burrafato, ucciso nel 1982 da boss detenuti

Polizia Penitenziaria - In ricordo di Antonino Burrafato, ucciso nel 1982 da boss detenuti


Notizia del 28/06/2012 - PALERMO
Letto (3670 volte)
 Stampa questo articolo


Domani viene ricordato Antonino Burrafato, un brigadiere che lavorava nel carcere di Termini Imerese e che fu ucciso perchè si rifiutò di sottostare alla mafia e ai detenuti mafiosi. L'evento è sostenuto dall'Amministrazione Penitenziaria e dal Ministero della Giustizia che a suo tempo lo riconobbe Vittima del Dovere. (ndr)

Fu ucciso perche' disse no a boss detenuti. Il brigadiere Antonino Burrafato verra' ricordato trent'anni dopo, venerdi' a Termini Imerese (Palermo) con una giornata della memoria che si concludera' con uno spettacolo nella scuola Mule'. Gli eventi sono promossi dall'amministrazione comunale e dal dipartimento dell'amministrazione penitenziaria. E' prevista tra l'altro l'intitolazione a Burrafato, medaglia d'oro al valore civile, di una sala del palazzo municipale alla presenza del figlio Salvatore che e' anche sindaco della citta'. ''Ricordare i morti di mafia - ha detto il sindaco - significa anche credere nella possibilita' di sconfiggerla, attraverso l'educazione al rispetto delle leggi che viene rinnovato con il ricordo di chi, per l'affermazione della legalita', ha sacrificato la propria vita''. Per il delitto sono stati condannati all'ergastolo i boss Leoluca Bagarella, cognato di Toto' Riina, e Antonino Marchese. Il collaboratore Salvatore Cucuzza ha confessato di avere partecipato all'agguato su ordine di Bagarella. Burrafato pago' la colpa di avere fatto il suo dovere applicando una disposizione del magistrato che negava un permessso a Bagarella.

 

Una piccola biografia:

Antonino Burrafato (Nicosia, 13 giugno 1933 – Termini Imerese, 29 giugno 1982) è stato un poliziotto italiano, vice-brigadiere in servizio presso la Casa Circondariale dei Cavallacci di Termini Imerese. Fu assassinato da mano mafiosa il 29 giugno 1982.

Lavorava presso l'ufficio matricola del penitenziario dove nel 1982 il boss Leoluca Bagarella, in transito presso i Cavallacci, stava tornando a Palermo a causa della morte del padre, nel frattempo gli doveva essere notificata una ordinanza di custodia cautelare in carcere e quindi non sarebbe potuto andare a trovare il padre. L'arduo compito toccò al brigadiere Burrafato, uomo che osservava alla lettera il regolamento e che quindi impedì al Bagarella di recarsi al funerale del padre. Dopo un acceso alterco il boss giurò di vendicarsi, cosa che poi avvenne qualche tempo dopo.

Il 29 giugno 1982 era la giornata della partita Italia - Argentina, il vento era afoso e il vice-brigadiere si stava apprestando ad andare a lavoro. Giunto a piazza Sant'Antonio alle ore 15.30 a poche decine di metri dal carcere, un commando di quattro uomini lo uccise usando esclusivamente armi corte. Il Vice-Brigadiere morì pochi attimi dopo all'ospedale Cimino di Termini Imerese. La notizia del "barbaro assassinio", appellativo in voga al tempo per i delitti di mafia, fu strozzata in gola ai termitani dalla concomitante vittoria dell'Italia contro l'Argentina.


 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Riparte il Concorso Allievi Agenti di Polizia Penitenziaria 100 donne e 300 uomini

2 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

3 Serve sangue per la figlia di un collega: coinvolta in un incidente a Cosenza è in coma

4 Imboscata ad Agente penitenziario: c''è un problema in bagno e quando arriva i detenuti lo aggrediscono

5 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

6 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

7 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

8 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

9 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa

10 Pacco esplosivo indirizzato a Santi Consolo: il mittente è indicato provocatoriamente come Giacinto Siciliano, il direttore del carcere di Milano Opera


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

4 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

5 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

6 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

7 Commissione Antimafia: relazione del Presidente Rosy Bindi sullo stato di salute di Salvatore Riina

8 Lotta al terrorismo: maggior contributo della Polizia Penitenziaria e partecipazione ai Comitati provinciali ordine e sicurezza

9 La "famiglia di caserma" e l''attesa del trasferimento vicino casa

10 Le nuove prospettive dell’Esecuzione Penale Esterna