Aprile 2020
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2020  
  Archivio riviste    
Incendio nello spaccio del carcere di Gorgona: si sospetta doloso per coprire ammanchi dalla cassa

Notizia del 29/03/2012 - LIVORNO

Incendio nello spaccio del carcere di Gorgona: si sospetta doloso per coprire ammanchi dalla cassa

letto 3027 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi
Un incendio nello spaccio della Polizia Penitenziaria della Gorgona che ha subito suscitato dei sospetti. E un ammanco nelle casse che ammonterebbe a decine di migliaia di euro. Ad andare in fumo, all’inizio del mese, - a quanto pare - sono stati documenti e oggetti legati alla cassa dello spaccio. E il dubbio che il rogo non sia stato poi così accidentale s’è subito insinuato nella mente degli agenti della Polizia Penitenziaria, che lavorano sull’isola-carcere e che gestiscono un po’ tutte le attività della Gorgona. Tanto che il giorno dopo l’esplosione dell’incendio, i tecnici dei vigili del fuoco, giunti da Livorno e chiamati dalla stessa Polizia Penitenziaria, hanno effettuato una perizia tecnica per capire cosa fosse successo.
 
Tutto fa pensare che si tratti di un rogo non casuale. Il buco economico ammonterebbe a decine di migliaia di euro e sarebbe stato accumulato nel corso di mesi.
 
Un giallo su cui ora sta indagando la Procura. L’ipotesi degli investigatori è che l’incendio sia di origine dolosa, forse appiccato apposta per coprire l’ammanco economico nelle casse dello spaccio. Il fatto si sarebbe verificato all’interno della stessa Polizia Penitenziaria, che gestisce il negozio, l’unico dell’isola. Una vicenda complessa, su cui vige il massimo riserbo da parte degli inquirenti e dalla stessa struttura carceraria.
 
Il primo allarme alla Gorgona è scattato lo scorso 4 marzo, quando si è verificato l’incendio. Le fiamme sono state sedate dal personale della polizia. Ma qualcosa non tornava. E già il giorno dopo sull’isola sono sbarcati gli esperti dei vigili del fuoco che hanno effettuato un’accurata perizia. I tecnici dei pompieri hanno fatto fotografie e rilievi tecnici, compilando poi una relazione che è stata affidata direttamente alla penitenziaria, che a sua volta ha provveduto ad informare la Procura. L’indagine, tuttora in corso, è condotta da una squadra di polizia giudiziaria di agenti penitenziari, che dipendono dal Prap, Provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria, che ha sede a Firenze. A coordinare l’inchiesta c’è il pubblico ministero Luca Masini della Procura di Livorno. Sul registro degli indagati ci sarebbero già dei nomi e sotto accusa sarebbero per ora almeno un paio di agenti penitenziari. Ma sono in corso indagini e solo il lavoro della magistratura potrà confermare o smentire le ipotesi di accusa.
 
STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)