Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Indagati i due Poliziotti che piantonavano il detenuto con tubercolosi: anche per falsa testimonianza

Polizia Penitenziaria - Indagati i due Poliziotti che piantonavano il detenuto con tubercolosi: anche per falsa testimonianza


Notizia del 12/09/2015 - PADOVA
Letto (2156 volte)
 Stampa questo articolo


I due agenti di Polizia Penitenziaria che avrebbero dovuto controllare a vista il detenuto 33enne tunisino, spacciatore, malato di tubercolosi, evaso giovedì 3 settembre dal reparto di Malattie infettive dell'ospedale di Padova, avrebbero falsificato il rapporto su quell'incredibile fuga. A sostenerlo, come riportano i quotidiani locali, è il pubblico ministero Segio Dini, che ha chiesto il rinvio a giudizio per i due poliziotti, con le accuse di evasione colposa, per presunta negligenza, e di falso, per avere mentito sull'accaduto.

LA VERSIONE DELL'INFERMIERA L'inchiesta è stata chiusa in tempi lampo. Sufficienti sarebbero state le testimonianze raccolte, tra cui quella di un'infermiera del nosocomio. La donna avrebbe raccontato che, quel giorno, si sarebbe recata nella camera del detenuto ben due volte, per portargli la colazione. Nel primo caso gli sarebbe stato risposto, dall'agente presente (solo uno), che il 33enne era in bagno. Stessa situazione e medesima risposta un'ora più tardi. L'infermiera si sarebbe quindi insospettita e, assieme al poliziotto, avrebbe raggiunto il bagno, dove, dell'evaso, non ci sarebbe stata traccia. L'uomo infatti se l'era data a gambe, fuggendo da una finestra, senza che gli agenti, che non avrebbero dovuto perderlo di vista un istante, si accorgessero di nulla.

IL RAPPORTO DEI DUE POLIZIOTTI Diverso però il rapporto fornito dai due poliziotti in questione, che avrebbero raccontato di avere assistito in diretta alla'apertura della finestra da parte del detenuto e di avere provato invano ad inseguirlo. Nel tentativo, uno dei due poliziotti sarebbe anche inciampato. Ad ogni modo, l'uomo sarebbe riuscito a dileguarsi.

ERA GIÀ EVASO Il 33enne tunisino, arrestato per reati di spaccio, non sarebbe nuovo a questo genere di fughe. Già in aprile sarebbe fuggito, sempre dagli Infettivi, e solo alcuni mesi più tardi sarebbe stato rintracciato e nuovamente arrestato. Di qui, la necessità di piantonare il detenuto 24 ore su 24.

padovaoggi.it

Detenuto affetto da tubercolosi evade dall'ospedale di Padova dove era piantonato

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

4 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

7 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

8 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

9 Arrestato di nuovo boss Concetto Bonaccorsi: era evaso da permesso premio dal carcere di Secondigliano

10 Grappa artigianale preparata dai detenuti nel carcere di Bologna


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

7 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

8 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

9 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

10 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946