Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Indagati i due Poliziotti che piantonavano il detenuto con tubercolosi: anche per falsa testimonianza

Polizia Penitenziaria - Indagati i due Poliziotti che piantonavano il detenuto con tubercolosi: anche per falsa testimonianza


Notizia del 12/09/2015 - PADOVA
Letto (2017 volte)
 Stampa questo articolo


I due agenti di Polizia Penitenziaria che avrebbero dovuto controllare a vista il detenuto 33enne tunisino, spacciatore, malato di tubercolosi, evaso giovedì 3 settembre dal reparto di Malattie infettive dell'ospedale di Padova, avrebbero falsificato il rapporto su quell'incredibile fuga. A sostenerlo, come riportano i quotidiani locali, è il pubblico ministero Segio Dini, che ha chiesto il rinvio a giudizio per i due poliziotti, con le accuse di evasione colposa, per presunta negligenza, e di falso, per avere mentito sull'accaduto.

LA VERSIONE DELL'INFERMIERA L'inchiesta è stata chiusa in tempi lampo. Sufficienti sarebbero state le testimonianze raccolte, tra cui quella di un'infermiera del nosocomio. La donna avrebbe raccontato che, quel giorno, si sarebbe recata nella camera del detenuto ben due volte, per portargli la colazione. Nel primo caso gli sarebbe stato risposto, dall'agente presente (solo uno), che il 33enne era in bagno. Stessa situazione e medesima risposta un'ora più tardi. L'infermiera si sarebbe quindi insospettita e, assieme al poliziotto, avrebbe raggiunto il bagno, dove, dell'evaso, non ci sarebbe stata traccia. L'uomo infatti se l'era data a gambe, fuggendo da una finestra, senza che gli agenti, che non avrebbero dovuto perderlo di vista un istante, si accorgessero di nulla.

IL RAPPORTO DEI DUE POLIZIOTTI Diverso però il rapporto fornito dai due poliziotti in questione, che avrebbero raccontato di avere assistito in diretta alla'apertura della finestra da parte del detenuto e di avere provato invano ad inseguirlo. Nel tentativo, uno dei due poliziotti sarebbe anche inciampato. Ad ogni modo, l'uomo sarebbe riuscito a dileguarsi.

ERA GIÀ EVASO Il 33enne tunisino, arrestato per reati di spaccio, non sarebbe nuovo a questo genere di fughe. Già in aprile sarebbe fuggito, sempre dagli Infettivi, e solo alcuni mesi più tardi sarebbe stato rintracciato e nuovamente arrestato. Di qui, la necessità di piantonare il detenuto 24 ore su 24.

padovaoggi.it

Detenuto affetto da tubercolosi evade dall'ospedale di Padova dove era piantonato

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario