Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Indagini nel carcere di Padova: la redazione di Ristretti Orizzonti e le parole di Calogero Piscitello

Polizia Penitenziaria - Indagini nel carcere di Padova: la redazione di Ristretti Orizzonti e le parole di Calogero Piscitello


Notizia del 19/05/2017 - PADOVA
Letto (2849 volte)
 Stampa questo articolo


"Credo che uno Stato abbia il dovere ineludibile di applicare l'articolo 27 della Costituzione, che dice che le pene devono tendere alla rieducazione del detenuto, dove per tendere significa "tendere il più possibile", "allargare quanto possibile", "provarci fino allo stremo delle forze".

Sono parole pronunciate lo scorso 5 ottobre dal magistrato Roberto Piscitello, numero uno della Direzione generale del Dap (Dipartimento per l'amministrazione penitenziaria), davanti alla redazione di "Ristretti Orizzonti", la rivista fatta dai detenuti del carcere "Due Palazzi" di Padova.

La notizia di questi giorni è che "Ristretti", che, grazie all'opera meritoria e in pratica volontaristica della sua direttrice, Ornella Favero, è una delle pochissime realtà in Italia ad incarnare davvero quella "tensione fino allo stremo" di cui sopra, sarebbe coinvolta nell'inchiesta penale che riguarda l'ex direttore del "Due Palazzi", Salvatore Pirruccio.

L'accusa sostiene che "Ristretti", assieme alla cooperativa "Giotto" - altra eccellenza apprezzata in tutto il Paese, che in carcere ha portato il lavoro (e il valore del lavoro) - avrebbe tenuto "in pugno" il direttore Pirruccio, fino al punto di fargli declassare una dozzina di detenuti dall'"Alta sicurezza" alla sezione "normale".

I fatti sarebbero avvenuti tra il 2014 e il 2015, quando, a causa dello scandalo del traffico di droga e cellulari in carcere, il Guardasigilli stava procedendo alla chiusura della sezione di Alta sicurezza del "Due Palazzi". Ma è qui che noi ci interroghiamo.

Quale sarebbe stato il tornaconto? Insomma, dietro alla scelta di Pirruccio di declassare i detenuti - concedendo quindi loro di restare a Padova - c'era forse qualche altra ragione che non fosse quella di permettere a "Ristretti" e alla "Giotto" di proseguire, con quegli stessi, il cammino di recupero? E di evitare, per altro, che i carcerati finissero nelle prigioni di mezza Italia, dove nella maggior parte dei casi, come si sa, sarebbero stati abbandonati a loro stessi, chiusi 23 ore su 24 in cella? A dircelo ovviamente sarà la magistratura, sulla quale, anche conoscendo la serietà degli inquirenti che conducono l'indagine, si nutre la massima fiducia. Ma forse la posta in gioco è più alta.

La redazione di Ornella Favero è composta da 30 detenuti (60 quelli che partecipano ai laboratori di scrittura), cinque dei quali provenienti dall'Alta sicurezza. Negli anni, Ornella ha fatto dialogare questo gruppo di detenuti con decine di persone (esperti, docenti, scrittori), li ha fatti incontrare con gli alunni delle scuole - mettendoli davanti alle loro responsabilità - e con le vittime dei reati (da Olga D'Antona a Benedetta Tobagi). Un percorso unico, che ha dato risultati straordinari. Lo raccontano centinaia di testimonianze. Basterebbe per altro riportare quanto ha detto uno dei detenuti di Alta sicurezza al magistrato Piscitello, proprio in occasione della visita di cui si è riferito all'inizio: "Io sono da 24 anni in carcere e questi tre anni di Ristretti sono stati i più difficoltosi di tutta la mia detenzione.

Perché qui per la prima volta mi sono preso una responsabilità. Mi presento davanti agli studenti (...) e mi sono preso numerose critiche da altri detenuti. Ma è un percorso che mi ha migliorato: ho scoperto lo scrivere, il parlare, il confrontarmi con le persone della società esterna, ho tolto quel paraocchi che avevo anch'io della subcultura e della rabbia". Ed ecco perché forse il punto è un altro: c'è qualcuno - soprattutto dentro al carcere - a cui questo sistema non piace? Che non vuole o che teme quella "tensione fino allo stremo"? "Non bisogna buttare via nessuno", sostiene Agnese Moro, la figlia di Aldo. Ed è una sfida che non riguarda solo un ex direttore di carcere oggi indagato e chi, forse, lo ha convinto. Ma tutti noi.

Corriere del Veneto

Indagato l''ex direttore del carcere di Padova: sotto indagine il declassamento dall''alta sicurezza di 12 detenuti

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

9 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”